DEApress

Tuesday
Oct 17th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

L'Isis mira al cuore: attentato ai miti giovanili.

E-mail Stampa PDF

Dopo un attentato come quello all'Arena di Manchester ci viene spontanea una riflessione: Perché creare terrore? Perché colpire luoghi di aggregazione? Perché proprio i giovani?

Le discoteche, soprattutto in occasione di grandi spettacoli mediatici e di concerti, non sono solo gabbie in grado di contenere una grande quantità di persone; non sono mai state solo facili bersagli per critiche accanite e, oggi, non stanno ad indicare soltanto quei luoghi in cui, chi vuole annientare un pensiero, uno stile di vita, una società, può puntare per neutralizzare quanti più avversari al proprio credo possibili in una delle peggiori e sistematiche mattanze organizzate dall’uomo contro l’uomo. Le discoteche, gli stadi, le piazze, i ristoranti, tutti gli spazi in cui l’umanità si riunisce intorno a personaggi ed eventi di grande rilievo e di convivialità, non sono solo posti significativamente saturi di potenziali vittime, ma sono luoghi dove la gente comune si riunisce intorno ai propri miti, balla insieme ai propri idoli, immagina e crea modelli da seguire, ascolta i propri capi e prende parte attivamente, vale a dire partecipando con la propria capacità critica, al mondo culturale e sociale in cui si trova immerso.
Il Bataclan di Parigi, il Club Reina di Istanbul, ora la Manchester Arena. L’Isis attacca il cuore del vecchio continente: i giovani. L’ultimo attentato, quello di domenica 22 maggio all’Arena di Manchester, durante il concerto di Ariana Grande – una giovanissima resa famosa dalla televisione come simbolo di una società che unisca al gusto per il semplice apparire una passione: per la leggerezza, per il canto, si, ma anche per lo stare insieme, per l’incontrarsi dal vivo – è l’ultima drammatica manifestazione di una volontà di colpire quelli che spesso con troppa facilità vengono intesi come miti “falsi”, e di colpirli in nuce proprio nei corpi e nelle menti di generazioni che non hanno colpe.
Si moltiplicano le immagini di giovani volti devastati dalla visione e dall’esperienza di un assalto subìto senza un perché. Prima della morte, in ordinata sequenza, l’eccitazione, la gioia, la voglia di divertirsi, la trepidante attesa. Per chi sopravvive il legame indissolubile tra un liberatorio senso di partecipazione e l’arrivo di una punizione inspiegabile, spaventosa. L’Isis uccide persone, e già questo è un crimine imperdonabile che arreca un dolore incalcolabile, che a morire siano una, due, o infinite persone. Ma l’Isis uccide anche l’unica forza dell’uomo: la capacità di combattere. E non la sopprime tanto nelle persone mature che dappertutto dimostrano ogni volta con più impeto, dopo un nuovo attacco, di non voler lasciarsi sconfiggere da una minaccia inquietante e sempre in agguato ma sopprime la forza ancora nascosta e in tumulto nelle menti più giovani, naturalmente spinte all’apertura, alla curiosità e al confronto fino a rinchiuderla in un gorgo di timori e paure inaffrontabili perché non facilmente comprensibili.

Non possiamo lasciare che il terrore dell costituzione di un Califfato pronto alla morte e al martirio ci invada e soprattutto non possiamo lasciare che del terrore non si discuta. Se la paura ha mille forme, in altrettante forme possiamo cercare di parlarne, nelle città come nelle periferie, andando a creare soprattutto occasioni di dialogo e confronto tra storie e culture diverse sostenendo iniziative e progetti di ricerca sul territorio come quelli che abbiamo intenzione di avviare con il nostro centro studi. Ad essere minacciati sempre più sono bambini e ragazzi. In casa a scuola e nei luoghi pubblici in genere, sono da affrontare i fatti terribili che ci accadono intorno, ma anche i mali fisici e mentali generati dalla paura, l’unica arma scoperta della quale attentatori e terroristi fanno uso. A tutto ciò dare una risposta è difficile in quanto non ci è possibile oggi guardare i fenomeni della nostra contemporaneità illudendoci di poterli perfettamente capire.

Tutti stiamo a guardare: a volte con l’occhio fine degli studiosi o degli intellettuali che, come auspicava Pasolini, sanno in quanto cercano di conoscere sempre di più e sempre in maniera diversa uno stesso fatto, altre volte con l’occhio saettante della persona tesa a cogliere segnali, che si tiene in costante stato di allerta. Ma per avviare il percorso di storicizzazione che, solo, potrà portare un giorno a non nascondere quello che non si è potuto o voluto comprendere, si può provare a fare qualcosa nel segno della trasformazione sociale, perché non sia solamente un mito.

Share

Ultimo aggiornamento ( Giovedì 25 Maggio 2017 15:24 )  

Concorsi & Festival

Ultime Nove

L'AltopArlAnte . 16 Ottobre 2017
  Il fascino di un racconto estemporaneo e leggendario viene rivestito di un sound ibrido che alterna musica classica e prog per un risultato del tutto innovativo ed accattivante. “Il Distacco” è un brano che racconta l’evento epico della separazi...
DEApress . 16 Ottobre 2017
I premi al miglior medio e corto sono andati rispettivamente a “On the Edge of Life” di Yaser Kassab (Siria) e “Duelo” di Alejandro Alonso Estrella (Cuba). La targa Gian Paolo Paoli va a “Maman Colonelle” di Dieu...
DEApress . 16 Ottobre 2017
“La via Sonora – Musica che urla”| Associazione Musica a Traverso LA VIA SONORA è il progetto pilota che attraverso una serie di eventi affronta il tema dei diritti umani usando l’arte e la musica in particolare. MUSICA CHE URLA focalizza l’atten...
L'AltopArlAnte . 16 Ottobre 2017
  Il modello e ballerino debutta nel panorama discografico sperimentando un mix di musica trance, dance, ed elettronica EDM in un pezzo che sa accontentare i palati musicali di vecchie e nuove generazioni. Un "esperimento sonoro" audace ed ipnotico...
L'AltopArlAnte . 16 Ottobre 2017
  Il punto di vista sempre acuto e pungente dei sei istrionici musicisti dà ora vita al racconto musicale che descrive metaforicamente chi vive di rendita senza mai esporsi in prima persona. “Cucù” è un brano che prende un po' in giro gli arrampica...
L'AltopArlAnte . 16 Ottobre 2017
  La malinconica fotografia di Torino è culla del ricordo di un amore ormai sbiadito, supportato da un suono dinamico e coinvolgente che si libera in un ritornello dalla melodia trascinante. "Giorni di Periferia" è l'unico pezzo d'amore che Mac...
L'AltopArlAnte . 16 Ottobre 2017
  Con la collaborazione autorale di Giuseppe Anastasi e la produzione artistica di ValterSacripanti, nasce un brano che sviscera le dinamiche del percorso di crescita e maturazione che ognuno di noi affronta, attraverso un sound pop-rock di forte im...
L'AltopArlAnte . 16 Ottobre 2017
    Non una comune canzone d’amore ma un atto di ribellione che incita a non arrendersi mai dinnanzi agli stereotipi imposti dalla società. “Da Lungomare” non racconta di un altro amore finito e romanticamente disperato ma urla il bisogno di non...
Fabrizio Cucchi . 15 Ottobre 2017
Come ho già documentato in passato (1) le (purtroppo) nostre ferrovie, ma soprattutto la stazione fiorentina di S.M.Novella, sono il quotidiano teatro del peggio di quanto possono fare i cittadini, gli imprenditori, nonchè di scenette poco edificat...

Galleria DEA su YouTube

Social Share Buttons