DEApress

Monday
Feb 19th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Il Terzo Settore

E-mail Stampa PDF

RIFORMA DEL TERZO SETTORE - Guida di riferimento

inp_logo_versa_big.png

Un’Italia generosa, un’Italia che lavora alla ricerca di una qualità di vita migliore.

E’ il Terzo Settore italiano, formato da chi fa del volontariato, della cooperazione, delle imprese sociali no-profit. Un settore di collegamento tra la sfera politica e quella economica, che dà quel senso di civiltà alle stesse norme costituzionali. Un settore che fortifica il mondo delle relazioni sociali che specialmente in questi tempi di crisi si vedono frammentate, con una conseguente disgregazione nel senso d’appartenenza nazionale.

Il governo italiano intende occuparsi di questo mondo, attraverso nuove linee guida ed una revisione di fondo di quelle che sono gli apparati legislativi in materia di Terzo Settore. Ma per realizzare in concreto queste idee occorre un grande sforzo comune di tutte le parti in causa sia soggetti giuridici (Regioni, Comuni) sia privati (associazionismo in generale), con l’obiettivo di permettere ai cittadini di sviluppare appieno le proprie potenzialità.

Possiamo riassumere la riforma in 4 obiettivi principali:

  1. Primo tra tutti la formazione di un nuovo Welfare di tipo partecipativo, allargato a chi forma il terzo settore (i singoli cittadini, i corpi intermedi) affinché possano partecipare all’erogazione dei servizi di welfare, rimuovendo sprechi e speculazioni e ricomporre il rapporto tra Stato e privati.
  2. Secondo obiettivo è la valorizzazione delle stesse forse che compongono il Terzo Settore, da anni l’unico che realmente dimostra una crescita evidente. Una sua parte ancora non è stata scoperta e se messo nelle giuste corde, offrirebbe un ulteriore serbatoio di forza lavoro
  3. Terzo obiettivo prevede di premiare, ricompensare con incentivi e modalità di sostegno colore che hanno avut comportamenti lodevoli, donativi e con scopo di pura coesione sociale.
  4. Per il primo obiettivo, una riforma del Libro I Titolo II del Codice Civile, incrociando le nuove disposizioni dell’articolo 118 della Costituzione e che comprenda queste materie:

A questi propositivi si attuano una serie di linee guida adatte. In un primo caso occorre ridefinire il confine tra pubblico e privato riconoscere i privati sotto il profilo giuridico. La prima cosa è quella di stabilire i confini entro i quali far “lavorare”, specificando categorie di soggetti adibiti a partecipare. Cosa non trascurabile evitare quei soggetti che, al contrario, agiscono in modo non trasparente e a scapito degli altri.

In un secondo caso occorre una ridefinizione dei principi di sussidiarietà verticale e orizzontale, con un sistema multilivello che dalla fonte (cioè lo Stato) passa agli enti incaricati di assistere i cittadini e dunque permettendo poteri adeguati agli stessi operatori del Terzo Settore. Grande importanza, per questo, deve essere data alla Pubblica Amministrazione.

Ultimo caso quello dell’impresa sociale, che necessita uno spazio maggiore a confronto con le organizzazioni private con profitto, sempre più favorite rispetto a quelle puramente non economiche.

Passando agli interventi concreti questi sono i principali:

A) Per il conseguimento del primo obbietivo, una riforma del Libro I del Titolo II del Codice Civile, includendo le nuove disposizioni del articolo 118 tra cui:

- Costituzione degli enti e valorizzazione della loro autonomia statutaria con specifico riguardo a quelli privi di personalità giuridica

- Requisiti sostanziali degli enti non-profit ed eventuali limitazioni di attività

- Struttura di governance, affermando pienamente il principio democratico e partecipativo degli organi sociali

- Semplificazione e snellimento delle procedure per il riconoscimento delle personalità giuridica, anche attraverso la digitalizzazione telematica delle pratiche

- Diversificazione dei modelli organizzativi in ragione della dimensione economica nell’attività svolta, dell’utilizzo prevalente/rilevante di risorse pubbliche e del coinvolgimento della fede pubblica

- Forme di controllo e accertamento dell’autenticità sostanziale dell’attività realizzata

B) Per il secondo obbiettivo occorre un aggiornamento della legge 266/91 sul Volontariato in base a questi criteri:

- Formazione del volontariato negli istituti scolastici

- Revisione del sistema degli albi regionali e creazione di un nuovo registro nazionale

- Ridefinizione dei compiti e del funzionamento dell’Osservatorio nazionale

- Riduzione degli adempimenti burocratici con modalità adeguate per il rendiconto economico e sociale

- Introduzione di criteri più trasparenti nel sistema di affidamento dei servizi al volontariato

C) Per il terzo obiettivo una revisione della legge 383/2000 sulle Associazioni di promozione sociale con finalità di:

- Razionalizzazione delle modalità d’iscrizione ai registri

- Ridefinizione dell’Osservatorio Nazionale dell’Associazionismo

- Un miglioramento delle modalità di selezione delle iniziative e dei progetti di formazione e sviluppo

D) Istituzione di un Autority del terzo settore e conseguentemente, redazione di un Testo unico del terzo settore

Per il secondo obbiettivo sono consigliate le seguenti idee:

- Aggiornamento della legge 328/2000 in riferimento alla gestione dei servizi sociali, per definire nuovi criteri e nuovi moduli operativi e assicurare la collaborazione tra gli enti no profit

- Revisione dei requisiti per l’autorizzazione delle strutture, delle procedure di affidamento per l’erogazione dei servizi sociali da parte degli enti locali

Per il terzo obbiettivo le linee giuda di riferimento propongono:

- Superamento della qualifica di impresa sociale rendendo obbligatoria l’assunzione dello status di impresa sociale per tutte le organizzazioni che ne abbiano le caratteristiche

- Ampliamento delle categorie di lavoratori svantaggiati

- Previsione di forme limitate di remunerazione del capitale sociale

- Promuovere il Fondo per l’imprese sociali e sostenere le reti economiche del no profit

Tra queste linee guida, la riforma prevede l’istituzione di una leva di giovani definita come Servizio Civile Nazionale universale (SCN) ; questo servizio permette un reclutamento di un massimo di 100.000 giovani per i primi tre anni con tempi di servizio che permettono ai giovani di fare esperienze senza essere bloccati troppo tempo. All’SCN la novità sarà quella della partecipazione di persone straniere. Non solo, per i partecipanti sono previsti benefit come: crediti formativi universitari, tirocini, riconoscimento delle competenze acquisite durante il servizio. Non solo l’SCN potrà essere svolto all’interno di uno dei paesi dell’UE che ha al suo interno un servizio civile volontario riconosciuto alla stregua di quello italiano.

Per ultimo punto la riforma servirà per ampliare le forme di sostegno economico degli enti del terzo settore. Tra gli altri si prevede un potenziamento del 5 per mille tramite: identificazione stabile dei soggetti beneficiari inseriti in un apposito elenco consultabile; l’obbligo per gli stessi soggetti beneficiari di pubblicare online i propri bilanci in modo facile e trasparente; semplificazione delle procedure amministrative adibite al calcolo dei contributi spettanti a ciascun beneficiario per evitare il prolungamento dei tempi di erogazione delle quote.

Interventi minori riguarderanno i titoli di solidarietà già previsti nel D.Lgs. 460/97, un allargamento delle categorie dei beneficiari, limitato solo alle start up e da integrare fino all’equity crowdfunding. Tra gli altri si prevede una sperimentazione del “voucher universale per i servizi alla persona e alla famiglia”.

Share

Ultimo aggiornamento ( Venerdì 16 Giugno 2017 12:56 )  

Concorsi & Festival

Ultime Nove

Silvana Grippi . 19 Febbraio 2018
             ONLUS                                      Forum AMBIENTE Località Palagione, Via Volterrana 50050...
DEApress . 19 Febbraio 2018
FOOD FOREST CAMPING Corso residenziale teorico pratico di progettazione e realizzazione (in parte) di una food forest di 60 metri per 10 che includerà una serie di piccole piazzole per campeggiare completamente autonome da un punto di vista idric...
Piero Fantechi . 19 Febbraio 2018
Università di Firenze, Architettura si racconta Fino a venerdì 23 “Dida Research Week”, incontri con docenti e ricercatori Città collegate da piste ciclabili sopraelevate, spazi di coabitazione, design a prova di terremoto. Dove sta andando l’a...
Piero Fantechi . 19 Febbraio 2018
Giovedì 22 febbraio, dalle ore 19.30, a Siena lo spazio di Cacio & Pere ( via dei Termini 70) ospita un appuntamento all’insegna delle contaminazioni culturali La non violenza come risposta alla guerra: a Siena i fotografi di Life in Syria pre...
Silvana Grippi . 19 Febbraio 2018
Work in Progress DEA - Free Entry   Eccovi le iniziative in programma marzo-aprile 2018 Corsi, Seminari e Laboratori Storia della Fotografia, Montaggio Video. Grafica: Adobe photoshop (post produzione e Adobe Indesign (editing) Eventi Acc...
DEApress . 19 Febbraio 2018
    Il Centro Studi DEA onlus ha finito il lavoro di Ricerca sulla pubbliczione "Processo Batacchi". Atti a cura di G. Nerbini, Editore -1900. 10 centesimi - Note e commenti di Eugenio Ciacchi. Hanno collaborato: Gianni Bro...
Fabrizio Cucchi . 19 Febbraio 2018
  Ci sono molte esperienze, in vario grado “incomunicabili”, ossia esperienze che non possono essere efficacemente descritte a chi non le ha provate. L’esperienza della detenzione è tra queste. Salvatore Ricciardi, il quale è passato attraver...
Silvana Grippi . 19 Febbraio 2018
Una città che vive ai margini: Firenze   Fotonarrazione di Silvana Grippi       Fot. 1 Futuro deserto     Foto 2 - L'angelo vendicatore           Foto 3 - Bar fallito &nbs...
Lara Fontanelli . 19 Febbraio 2018
  VERI Volontari negli Ecovillaggi della Rete Italiana ·  PANTA REI Il progetto Panta Rei nasce con la volontà di recuperare un’area agricola abbandonata e degradata, ma con forti potenzialità. L’idea m...

Galleria DEA su YouTube

Social Share Buttons