DEApress

Wednesday
Jul 26th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

LA PROGETTUALITA' DELL'EMERGENZA

E-mail Stampa PDF

IMG_20170712_123251_FILEminimizer.jpg

Vengo informato dello sgombero verso le 10 e 30. Arrivo sul posto pochi minuti dopo le 11. Una volta lì sono bloccato per diversi minuti da un agente di polizia di stato che mi fa passare solo quando un suo superiore mi identifica. Sul posto l’impatto è paradossale ed emblematico: desertificazione del desiderio di aggregazione  e sentimento di classe lasciano il posto al lavoro sottopagato di qualche operaio che installa sigilli sulla casa dei migranti, i quali guardano attoniti e storditi la scena a pochi metri di distanza. Sono presenti sul luogo i ragazzi dello IAM (Iniziativa Antagonista Metropolitana) e del Movimento Lotta per la Casa dai quali apprendo la lunga storia triste del “Kulanka”.

Circa dieci anni fa, nel 2007, il locale viene assegnato dal Comune di Firenze ad una associazione di Somali con la promessa di una riqualificazione dello stabile o di un’alternativa valida. Il tempo passa e la vicenda rimane in stallo fino a che il tema immigrazione torna sotto i riflettori soprattutto dopo la tragedia dell’ “ex Aiazzone”, il capannone che, usato per “ospitare” i migranti, fu teatro della morte di uno di questi nell’incendio che lo ha distrutto. Il “Kulanka” viene quindi dichiarato dall’amministrazione comunale a rischio di crollo e, senza trovare nessuna alternativa valida, fatto sgomberare.  La mattina dello sgombero si è svolta così: alle 9 e 30 la Digos entra in casa dei ragazzi Somali con la scusa di un banale controllo, quando in realtà fa da testa di ariete per il grosso delle forze in tenuta antisommossa, i quali, sbattono fuori i 50 ragazzi presenti con i rispettivi bagagli. Sottolineo l’assenza di qualsiasi esponente del Comune e degli assistenti sociali.

Verso le 11 gli occupanti provano a rientrare e a bloccare gli operai ma la polizia interviene fermando questo tentativo. Il sole è alto in cielo quando, a mezzogiorno e mezzo, un corteo solidale risale il cavalcavia delle Cure ma viene spintonato indietro dallo schieramento delle forze dell’ordine. Dopo un’ora i ragazzi caricano i bagagli sul furgoncino del Movimento Lotta per la Casa e si uniscono al presidio solidale lanciando un corteo che arriverà sui viali attuando un blocco stradale.

Questa vicenda fa luce sull’operato dell’amministrazione comunale, la quale opera attraverso una lente di utilitarismo ed emergenzialità. L’immigrazione e la questione abitativa divengono fondamentali solo quando una tragedia le riporta negli ODG (Ordini Del Giorno) del Comune come un problema da risolvere in fretta. E quindi si sgombera per eliminare temporaneamente la “minaccia” tranquillizzando l’opinione pubblica e restituendo alla cittadinanza quel caldo tepore che solo la finta percezione di sicurezza dopo l’instabilità dell’emergenza riesce a generare senza affrontare la realtà e e le sue sfide in modo strutturale e definitivo.

Share

Ultimo aggiornamento ( Martedì 18 Luglio 2017 10:17 )  

Concorsi & Festival

Ultime Nove

DEApress . 26 Luglio 2017
  Metto qui un primo articolo sul "paro civico" convocato dall'opposizione in Venezuela. A disposizione di chi vuole riprenderlo e diffonderlo perché non lo troverete sul manifesto - Venezuela, i lavoratori respingono lo sciopero indet...
Silvana Grippi . 26 Luglio 2017
  Musica tradizionale africana e spettacoli con il fuoco   Membri del gruppo Mauro,Fabio,Ginevra,Leonardo,Cheikh,Alessio,Riccardo,Michelangelo,Francesco    Città natale: Pelago, Italia   ...
Thomas Maerten . 26 Luglio 2017
Domani alle 18:30 ci sarà un pic-nic di protesta in Viale Giovanni Luder, davanti all'Aeroporto di Firenze.Gli organizzatori si battono da anni per il parco che doveva nascere nell'area e dove ora invece stanno tentando di costruire il nuovo aeroport...
DEApress . 26 Luglio 2017
  Riceviamo da Geraldina Colotti e pubblichiamo: Cari tutte e tutti. Sono in Venezuela, dove le destre si preparano all'"ora zero" per impedire l'Assemblea costituente che porterebbe il paese verso qualcosa di simile allo Stato dei soviet...
Cosimo Biliotti . 25 Luglio 2017
Il sindaco Nardella: “Ridiamo un’anima a questo luogo, simbolo dell’amore del maestro per Firenze” “Oggi presentiamo un luogo importante non solo per Firenze ma anche per l’Italia e per tutto il mondo. Franco Zeffirelli ha voluto portare qui questo ...
Fabrizio Cucchi . 25 Luglio 2017
Il successo dello sciopero dei trasporti dello scorso 16 Giugno, suscitando le ire padronali, si è lasciato dietro uno strascico di polemiche e di minacce di azioni repressive. Il Renzi (1) fù tra i primi a cominciare, ma il "Garante per gli scioperi...
Paolo Ferrantini  . 25 Luglio 2017
Stati Uniti succubi del tabacco. Secondo una recente classifica stilata dal Bat (British American Tobacco) gli americani sono il mercato più esteso al mondo, dietro solamente a quello cinese. Nonostante un tasso percentuale di fumatori al ribasso, ...
L'AltopArlAnte . 25 Luglio 2017
  Dopo le 60mila presenze raccolte nelle ultime edizioni, torna l’atteso festival dedicato ad avvenimenti, emozioni, stimoli intellettuali e creativi, che quest’anno confluiscono nel tema “Memorie dal sottosuolo”. #memoriedalsottosuolo Il festiv...
Cosimo Biliotti . 24 Luglio 2017
Debutta il 2 agosto il bike sharing a flusso libero made in Florence. Con biciclette dotate di Gps e facilmente identificabili grazie al loro telaio in alluminio, le ruote arancioni, il sellino e il cestino neri.  Oggi il sindaco Dario Nardella e il...

Galleria DEA su YouTube

Social Share Buttons