DEApress

Tuesday
Sep 25th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Attentati isis in Francia e in Canada

E-mail Stampa PDF
isis.jpg
Poche ora fa è stato rivendicato dall'isis l'attentato alla stazione Saint Charles di Marsiglia del 1 ottobre scorso in cui sono morte due ragazze ventenni. Al grido di Allah Akbar l'uomo, nordafricano di 30 anni, ha accoltellato a morte le due ragazze nella folla. I militari di pattuglia sono accorsi in seguito alle grida e uno di loro ha ucciso il terrorista con due pallottole. Secondo i media locali, una delle vittime è stata sgozzata, mentre l'altra pugnalata. Oltre al grosso coltello utilizzato, l'assalitore aveva addosso anche un'altra arma da taglio.
Subito dopo l'attentato tra la folla si è scatenato il panico, con più di 200 persone che hanno evacuato la zona della stazione. Sono stati fermati dalle forze di polizia anche 4 uomini sospettati di terrorismo, che però sono stati immediatamente rilasciati dopo la perquisizione.
L’assassino, che era già noto alla polizia per una decina di reati, è probabile che abbia agito obbedendo alle generiche esortazioni dell’Isis di colpire i miscredenti e non in seguito a un’operazione coordinata, come riporta il Corriere.
Lo stesso giorno ha avuto luogo un altro attacco terroristico dall'altra parte del mondo, precisamente in Canada, a Edmonton, in cui un uomo ha investito diverse persone in un'area pedonale mentre era alla guida di un camion, provocando 5 feriti. Dopo averlo fermato e arrestato, le forze dell'ordine canadesi hanno capito subito che si trattava di un attacco di matrice terroristica: a bordo del furgone infatti è stata ritrovata una bandiera dell'Isis, come ha riferito il capo della polizia della città, Rod Knecht. "Crediamo che abbia agito da solo", ha aggiunto il responsabile delle forze del'ordine, senza tuttavia escludere la possibilità che altre persone siano coinvolte.
TgCom24 riporta che l'attacco terroristico si sarebbe svolto in due momenti: il primo ha riguardato l'accoltellamento di un agente di polizia fuori da uno stadio di football (il poliziotto è in ospedale e non sembra essere in condizioni critiche). Successivamente l'assalitore, alla guida di un camion noleggiato, si è gettato sulla folla ferendo quattro persone. Il modus operandi di usare veicoli e armi da taglio per colpire innocenti è tipico delle recenti azioni Isis in Europa.
L'attentatore è stato identificato: trentenne, si chiama Abdulahi Hasan Sharif ed era già noto alle forze dell'ordine, che però non avrebbero potuto prevedere un possibile attacco a causa della mancanza di indicazioni. Secondo i media americani è di origine somala e cercava asilo in Canada. Intanto la Casa Bianca ha condannato il "vile attacco" e offerto assistenza al Canada per le indagini.
C'è qualcosa che accomuna i due attentati, oltre alla matrice terroristica. Entrambi sono stati causati dai cosidetti lupi solitari: uomini che agiscono da soli, non in gruppo, senza un mandante ben definito da un nome e un cognome, ma semplicemente in nome dell'islam. Menti fuorviate e plagiate da una cultura in cui tutti devono omologarsi e conformarsi ad un modo di vivere retrogrado e maschilista. A mio parere, attacchi che sono dettati anche dall'invidia per la società occidentale, una società libera: certo non perfetta, non esente da critiche o difetti, ma comunque una società che ammette e riconosce le diversità senza aver bisogno di ricorrere ad attentati terroristici e seminare paura per ricevere consensi.

Share

Ultimo aggiornamento ( Martedì 17 Ottobre 2017 09:47 )  

Concorsi & Festival

Ultime Nove

Piero Fantechi . 25 Settembre 2018
  Inaugurata a Sesto Fiorentino la mostra antologica sul noto pittore toscano nel centenario della nascita   Scatizzi incanta il pubblico a La Soffitta Spazio delle Arti   E' stata inaugurata domenica 23 settembre a ...
Administrator . 24 Settembre 2018
Fotogallery HABITAT ECOVILLAGGIO Gambassi Terme (FI) ecovillagiohabitat@gmail.com
DEApress . 24 Settembre 2018
Sistema Documentario Integrato dell'Area Fiorentina SDIAF e Centro Studi e Archivio DEA   18 ottobre 2018 ore 17.00 - Via dell'Oriolo 24 - Firenze Luca Brogioni e Silvna Grippi presentano il Docufilm  UNA PAUSA DELL’ANIMA di Fra...
Silvana Grippi . 24 Settembre 2018
Eccoci al 18° MEDIARC - FESTIVAL INTERNAZIONALE DI ARCHITETTURA IN VIDEO Firenze 25 – 27 Settembre 2018  il Dipartimento di Architettura dell’Università degli Studi di Firenze, propone la nuova edizione di MEDIARC - FESTIVAL INTERNAZIONALE ...
Antonella Burberi . 24 Settembre 2018
Fondazione CR Firenze (Via Bufalini n. 6) – dal 22 settembre al 18 novembre lo Spazio Mostre di Fondazione CR Firenze ospita la mostra “ARTISTE. FIRENZE 1900 – 1950”, promossa dalla Fondazione e Advancing Women Artists in collaborazione con il Gabine...
Antonella Burberi . 24 Settembre 2018
Ulay/Marina Abramovic Relation in Space 1976 video New York PALAZZO STROZZI - FIRENZE - Dal 21 settembre 2018 al 20 gennaio 2019 Palazzo Strozzi ospita la prima grande mostra retrospettiva italiana dedicata a Marina Abramović, una delle person...
Piero Fantechi . 24 Settembre 2018
Da martedì 25 a giovedì 27 settembre a Milano, Fiera Rho, padiglione 9 A14 Cuoio di Toscana a LINEAPELLE, con uno spazio cinema, un seminario e tutte le novità moda Fall-Winter 2019/2020, dalle linee essenziali Martedì 25 settembre alle ore 15 ...
Piero Fantechi . 24 Settembre 2018
Caffè Letterario delle Murate Libera Firenze e l'associazione Le Discipline presentano «Note Libere» con I SCREAM BOBO RONDELLI BARO DROM ORKESTAR MARZOUK MEJRI Venerdì 28 settembre dalle ore 19 presso il Cafè Letterario Le Murate (Piazza ...
Piero Fantechi . 24 Settembre 2018
È in corso dalle prime ore di questa mattina una vasta operazione dei carabinieri del Comando provinciale di Reggio Calabria, in esecuzione di un fermo emesso dalla Dda nei confronti di appartenenti alla cosca Alvaro di Sinopoli, accusati di associ...

Galleria DEA su YouTube

Social Share Buttons