DEApress

Monday
Feb 19th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Etiopia, la rotta storica

E-mail Stampa PDF

Un reportage di viaggio da un paese stupendo.

Addis Abeba è un episodio urbano in una distesa di campi che sembra sterminata. E’ ciò di cui mi accorgo mentre l’autobus esce lentamente dalle zone periferiche della città. “Nuovo fiore” è la traduzione dall’amarico; un fiore voluto fortemente dalla regina Taytu, moglie dell’imperatore Menelik, che volle stabilire qua la residenza della sua corte, nel punto in cui sgorgavano le acque termali. Percorrendo l’arteria che conduce verso il nord del paese, vedo cambiare il paesaggio: al centro ricco di cemento si sostituiscono le periferie con le case di “cicca”, un misto di terra e legno; all’umanità sofferente che si riversa nel grande agglomerato urbano, appostandosi fuori del recinto delle Chiese copte per sopravvivere, si sostituisce una folla che, fin dall’alba, si sposta al lato della strada. Sulla via che punta verso il Tigray lo spazio si dilata, l’autobus colorato e chiassoso si immerge nel vero paese, quello dalle grandi distese di verde, geometrie che compongono un patchwork complesso ed affascinante sull’altipiano che si stende sopra i duemila metri. Il cielo schiaccia la terra e questa sembra racchiudersi dentro se stessa quando all’improvviso si apre la grande spaccatura della Rift Valley.

alt

Sono due i giorni di viaggio da percorrere per una strada che è asfaltata solo nella prima parte, per i primi duecento chilometri; il resto è polvere e cantieri dove moltitudini di lavoratori, controllati dai cinesi, si affannano a completare i lavori sulla direttiva settentrionale quella. Si coltiva il teff oppure il sorgo sull’altipiano popolato in maggioranza dagli amara, l’etnia che rappresenta, insieme agli oromo concentrati nel sud del paese, una nutrita percentuale della popolazione etiope. Si coltiva con animali ed aratri di legno, e a mano si raccolgono le spighe in mucchi che vengono poi sollevati con i forconi per far cadere il seme, il frutto di questo lavoro vitale. Tutto è legato alla stagione delle piogge, la cui abbondanza rende il raccolto più o meno ricco e consente di assaporare senza ansie la njera, il pane spugnoso sul quale, in un grande piatto circolare, vengono versate le vivande della cucina etiope e di fronteggiare i periodi di carestia che cronicamente affliggono il paese. Le immagini di fame e malnutrizione che minarono, a metà degli anni ’70, la fiducia in Haile Selassie, si alternano ora a quelle provenienti dal sud, dove la siccità negli ultimi anni è stata tremenda. Scorrono davanti ai miei occhi campi, incontriamo uomini al lavoro ma soprattutto bambini in questo paese giovane dove il 40% della popolazione ha meno di 14 anni e la speranza di vita media è di circa 50 anni. Dopo la sosta notturna riprendiamo il viaggio che è anche un percorso a tappe nella memoria storica. Attraversiamo la piana di Uccialli, luogo del trattato tra l’Italia e Menelik sul quale si avventò la foga del piccolo colonialismo crispino ed il ricordo va alle violenze perpetrate dall’esercito fascista durante l’occupazione del 1936, cinquanta anni dopo. All’improvviso ci si para davanti lo scheletro di un carro armato; ci spiegano che risale alla guerra contro Menghistu, il dittatore socialista deposto nel 1991 quando dal nord scesero, verso Addis Abeba, i tigrini che ancora detengono il potere con il presidente Meles. Altri tank viaggiano sulla strada verso il confine con l’Eritrea: sono nuovi di zecca, imponenti, nei tir che li trasportano, così evidenti che dopo averli fotografati mi attiro l’ira dei militari che mi impongono di cancellare, davanti a loro, le foto scattate. E’ scaduto il mandato Onu e su uno dei tanti cronici caldi confini africani, continuano a sostare gli eserciti in una assurda tensione bellica fra governi che sembrano ignorare il doppio filo che unisce etiopi ed eritrei e le vere necessità dei loro paesi. Entriamo a Macallè e nel fuoco del tramonto le strade sono invase dai ragazzi in divisa scolastica, dai lavoratori che tornano alle loro case. Salam, ci scambiamo sorridenti un saluto.

Share

 

Concorsi & Festival

Ultime Nove

DEApress . 19 Febbraio 2018
FOOD FOREST CAMPING Corso residenziale teorico pratico di progettazione e realizzazione (in parte) di una food forest di 60 metri per 10 che includerà una serie di piccole piazzole per campeggiare completamente autonome da un punto di vista idric...
Piero Fantechi . 19 Febbraio 2018
Università di Firenze, Architettura si racconta Fino a venerdì 23 “Dida Research Week”, incontri con docenti e ricercatori Città collegate da piste ciclabili sopraelevate, spazi di coabitazione, design a prova di terremoto. Dove sta andando l’a...
Piero Fantechi . 19 Febbraio 2018
Giovedì 22 febbraio, dalle ore 19.30, a Siena lo spazio di Cacio & Pere ( via dei Termini 70) ospita un appuntamento all’insegna delle contaminazioni culturali La non violenza come risposta alla guerra: a Siena i fotografi di Life in Syria pre...
Silvana Grippi . 19 Febbraio 2018
Work in Progress DEA - Free Entry   Eccovi le iniziative in programma marzo-aprile 2018 Corsi, Seminari e Laboratori Storia della Fotografia, Montaggio Video. Grafica: Adobe photoshop (post produzione e Adobe Indesign (editing) Eventi Acc...
DEApress . 19 Febbraio 2018
    Il Centro Studi DEA onlus ha finito il lavoro di Ricerca sulla pubbliczione "Processo Batacchi". Atti a cura di G. Nerbini, Editore -1900. 10 centesimi - Note e commenti di Eugenio Ciacchi. Hanno collaborato: Gianni Bro...
Fabrizio Cucchi . 19 Febbraio 2018
  Ci sono molte esperienze, in vario grado “incomunicabili”, ossia esperienze che non possono essere efficacemente descritte a chi non le ha provate. L’esperienza della detenzione è tra queste. Salvatore Ricciardi, il quale è passato attraver...
Silvana Grippi . 19 Febbraio 2018
Una città che vive ai margini: Firenze   Fotonarrazione di Silvana Grippi       Fot. 1 Futuro deserto     Foto 2 - L'angelo vendicatore           Foto 3 - Bar fallito &nbs...
Lara Fontanelli . 19 Febbraio 2018
  VERI Volontari negli Ecovillaggi della Rete Italiana ·  PANTA REI Il progetto Panta Rei nasce con la volontà di recuperare un’area agricola abbandonata e degradata, ma con forti potenzialità. L’idea m...
Silvana Grippi . 19 Febbraio 2018

Galleria DEA su YouTube

Social Share Buttons