DEApress

Sunday
May 27th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

IL CODICE DI LEONARDO PRESTATO AGLI UFFIZI DA BILL GATES

E-mail Stampa PDF

Firenze, Uffizi, 29 ottobre 2018 – 20 gennaio 2019 - Nel 2019 cadono i 500 anni della morte di Leonardo da Vinci, per questa epocale scadenza le Gallerie degli Uffizi esporanno il codice di Leonardo nella mostra "Il Codice Leicester di Leonardo da Vinci. L'acqua Microscopio della Natura", a cura di Paolo Galluzzi, frutto di oltre due anni di preparazione e realizzata insieme al Museo Galileo con il contributo di Fondazione CR Firenze.

Il Codice Leicester fu compilato da Leonardo quasi interamente a Firenze tra il 1504 e il 1508. È composto di diciotto bifogli (ognuno mediamente di circa 30 x 44 cm) per complessive settantadue pagine dense di pionieristiche annotazioni di mano mancina e di affascinanti disegni, schizzi e diagrammi.

L’acqua (natura, forza e movimenti, tecniche e dispositivi meccanici e idraulici innovativi per piegarla a beneficio dell’uomo, ecc.) costituisce il tema centrale del manoscritto. Leonardo prende spunto da geniali indagini teoriche e sperimentali sull’elemento acqua per formulare conclusioni rivoluzionarie anche sulla natura degli altri elementi (fuoco, aria, terra), per spiegare fenomeni astronomici come la luce cinerea della Luna, per formulare ipotesi visionarie sulla formazione e sulla continua trasformazione del nostro pianeta, demolendo con analisi acute la tradizionale interpretazione della presenza di fossili marini sulla cima dei monti come conseguenza del Diluvio Universale.

Dopo la morte di Leonardo ad Amboise nel 1519, il Codice Leicester, come gli altri manoscritti vinciani, rimase nelle mani del suo fidato allievo Francesco Melzi. Alla scomparsa del Melzi (1570), iniziò la penosa dispersione dei codici vinciani che coinvolse anche il Codice Leicester. Possediamo pochissime informazioni sulle sue vicissitudini. Sappiamo che era in possesso dello scultore Guglielmo della Porta, che morì a Roma nel 1577. Oltre un secolo più tardi (1690) fu acquistato dal pittore Giuseppe Ghezzi, che lo vendette nel 1717 a Thomas Coke, futuro Earl of Leicester. Di qui il nome tradizionalmente attribuito al Codice, ripristinato dall’attuale proprietario Bill Gates (dal 1994), dopo che era stato nella disponibilità di Armand Hammer (lo acquistò nel 1980), il quale assegnò al manoscritto il proprio nome.

Il Codice Leicester (allora ancora denominato Hammer) fu esposto nel 1982 a Palazzo Vecchio nella Sala dei Gigli, ottenendo uno straordinario successo di pubblico (oltre 400.000 visitatori in poco più di tre mesi).

Rispetto a quel lontano evento la mostra allestita agli Uffizi presenta novità sostanziali: lumeggia il contesto biografico, artistico e scientifico nel quale Leonardo vergò il prezioso manoscritto; favorisce la lettura del suo contenuto attraverso l’esposizione dei testi a stampa e dei manoscritti che Leonardo utilizzò come fonti per la compilazione del Codice; illustra la fortuna europea goduta dalle idee innovative contenute nel manoscritto dopo la morte del suo autore; presenta un numero significativo di disegni autografi di Leonardo, che esibiscono esplicite risonanze con i temi trattati nel Codice Leicester, prestati dalle prestigiose istituzioni italiane e straniere che li conservano. Propone, infine, un’innovativa serie di strumenti multimediali immersivi che favoriscono la fruizione consapevole di questi documenti e delle affascinanti storie che raccontano.

Una storia affascinante di cui la mostra fiorentina renderà vivo e stupefacente il prezioso contenuto avveniristico sicuramente patrimonio di tutta l'umanità.

alt

 

 

Codice Leicester: studi sulla riflessione dei raggi solari dalla terra alla luna.

 

alt

 

 

Codice Leicester: note e disegni su correnti d'acqua che incontrano ostacoli

 

Share

 

Concorsi & Festival

Ultime Nove

Silvana Grippi . 26 Maggio 2018
Scelta per voi dal nostro archvo DEApress - foto di Silvana Grippi
Silvana Grippi . 25 Maggio 2018
Cerchiamo volontari per scannerizzare e preparare nuove pubblicazioni. Archiviazione di: Oggetti, strumenti, dal calotipo al vetro, pellicole B/N e colore, diapositive, foto e video digitali, filmati, dvd, libri ed altro, testimonianze di event...
Piero Fantechi . 25 Maggio 2018
SGRANA & TRABALLA 2018 24-25-26 MAGGIO TRE GIORNI DI MUSICA POPOLARE CENTRO POPOLARE AUTOGESTITO FIRENZE SUD VIA VILLAMAGNA 27A – FIRENZEwww.facebook.com/cpafirenzesud www.cpafisud.org TUTTI I GIORNI CIBO, CONCERTI E SOLIDARIETA’ —————————...
Piero Fantechi . 25 Maggio 2018
              
Beatrice Canzedda . 24 Maggio 2018
    Sabato 26 maggio alle ore 17.30, presso la Galleria ZetaEffe, si terrà l'inaugurazione della mostra Milleduecentosessantuno. Fra astrattismo e arte concettuale, fra modernità e contemporaneità di percorso creativo e s...
Silvana Grippi . 24 Maggio 2018
Piero Fantechi . 24 Maggio 2018
Ecco i nuovi quaderni autoprodotti da DEArt
Piero Fantechi . 24 Maggio 2018
Eccovi qui di seguito il progetto "Il Muro" dove vari artisti/e si incontrano Catalogo con il seguente link: https://issuu.com/deapress/docs/catalogom.u.r.o.empoli_finito
DEApress . 24 Maggio 2018
 Ecovillaggi in Italia   Negli ultimi anni sono sempre di più i paesi e le comunità europee che aderiscono all’iniziativa, compresa l’Italia, che dal 2016 con la RIVE e la Rete Italiana Cohousing contribuisce all’impegno di rendere questo...

Galleria DEA su YouTube

Social Share Buttons