DEApress

Tuesday
Dec 12th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Tessuto e ricchezza a Firenze nel Trecento. Lana, seta, pittura

E-mail Stampa PDF

alt

Giovanni Baronzio

Il Battesimo di Cristo

1330-1335

Tempera su tavola

Washington D.C., National Gallery of Art, Samuel H. Kress Collection 1939.1.131

Firenze, Galleria dell’Accademia - Dal 5 dicembre 2017 al 18 marzo 2018 sarà visitabile la mostra Tessuto e ricchezza a Firenze nel Trecento. Lana, seta, pittura ideata e curata dalla Direttrice Cecilie Hollberg, con l’obiettivo di far conoscere l’importanza dell’arte tessile a Firenze nel Trecento, sia dal punto di vista economico che nel campo della produzione artistica e nei costumi della società del tempo.

I prodotti fiorentini, per la qualità della lana e poi anche della seta, erano richiesti sia dai paesi del vecchio continente, dalla Spagna, dalla corte di Praga, ma anche dal lontano Medio Oriente, dall’Asia, dalla Sicilia fino al mar Baltico.

Si trattava di un fenomeno di straordinaria diffusione geografica e di prestigio senza eguali.

Le grandi corporazioni del settore, della Lana e della Seta, l’Arte di Calimala e di Por Santa Maria, oltre ad essere strutture portanti dell’economia della città fino a rappresentare un largo ceto della ricchezza fiorentina, divengono autentici detentori del potere politico nonché straordinari committenti d’arte.

Gli artigiani e i pittori, in particolare, trovarono ampia ispirazione dalle stoffe e dalla moda del tempo, tanto da “trasferire” le lussuose trame dei tessuti nelle tavole e negli affreschi custoditi in città così come sarà possibile riscontrare nelle sfavillanti opere tessute e dipinte che saranno visibili nell’esposizione.

Un “pezzo” importante della mostra è il prestito concesso dal National Museum di Copenhagen: un “vestitino” in lana confezionato sulla metà del XIV secolo per una bambina e recuperato dagli archeologi in Groenlandia La realizzazione di questo indumento si pone idealmente come l’inizio del moderno concetto di “moda”, un settore trainante dell’economia italiana e fiorentina.

Opera importante, restaurata appositamente per la mostra: il grande Crocifisso del tardo Duecentoappartenente alla Galleria dell’Accademia che , con il raffinato motivo decorativo del tabellone centrale testimonia la ricchezza delle stoffe islamiche più antiche, riscontrabili in alcuni tessuti presenti in Spagna alla metà del Trecento.

La mostra, è promossa dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo con la Galleria dell’Accademia di Firenze.

Info e prenotazioni: Firenze Musei 055/294883

firenze.musei@operalaboratori.com

Sito web

www.galleriaaccademiafirenze.beniculturali.it

alt

 

 

Veste infantile
Groenlandia, metà del XIV secolo

Lana

Copenaghen, Nationalmuseet

Share

 

Concorsi & Festival

Ultime Nove

Leonardo Marinelli . 12 Dicembre 2017
Ha raggiunto l'80% di adesione lo sciopero nazionale dei medici e dirigenti del Servizio sanitario nazionale, indetto per oggi. Sono circa 134.000 i professionisti che hanno deciso di astenersi dal recarsi presso i propri posti di lavoro e le prime p...
L'AltopArlAnte . 12 Dicembre 2017
  Pubblicato dall’etichetta Rusty Records, il caleidoscopico pezzo che unisce pop, folk e accenni di musica classica, anticipa il progetto #robadamati La canzone "Passo Dopo Passo" di Giuseppe D'Amati, è in gran parte autobiografica. E' dedicata...
L'AltopArlAnte . 12 Dicembre 2017
Ritorna il Premio Bindi Winter, l’edizione speciale invernale del Festival della canzone d’autore. Il Premio Bindi si tiene tutti gli anni in luglio davanti al mare di Santa Margherita Ligure ed è uno dei festival più importanti della canzone d...
DEApress . 12 Dicembre 2017
Era il 12 dicembre del 1969: una bomba di Stato chiudeva in modo tragico la decade che aveva visto saldarsi in Italia la rivolta studentesca con quella operaia, segnando pesantemente quella successiva, conclusa con altra bomba, ancor più micidiale, a...
Fabrizio Cucchi . 11 Dicembre 2017
In una visita a sorpresa alla base russa in Siria di Hmeymim, Putin questa mattina ha annunciato un parziale ritiro delle truppe russe dalla regione (1). Questo annuncio è stato accompagnato da "roboanti cifre" sui successi russi nella zona. "Sono st...
DEApress . 11 Dicembre 2017
Riceviamo e pubblichiamo:"Giovedì 14.12.17, ore 18h.30, presso il Centro Java per il ciclo di incontri "Approfondimenti Stupefacenti": Guerra e DrogaIncontro con Alessandro De Pascale - giornalistaMaggiori informazioni su www.infojava.itDagli oppiace...
L'AltopArlAnte . 11 Dicembre 2017
  Il gruppo della versatile musicista traccia in questo disco un percorso musicale d’impronta folk-rock volto a rappresentare la figura femminile in ogni possibile sfumatura. Lionheart è la rappresentazione di una donna, è “La Donna” ed è tante...
L'AltopArlAnte . 11 Dicembre 2017
  Dopo una carriera già ricca di riconoscimenti (finalista al Premio Tenco, attore e autore teatrale e cinematografico, compositore di successi musicali e sigle radiofoniche), l’eclettico artista, già frontman de Il Parto delle Nuvole Pesanti, propo...
L'AltopArlAnte . 11 Dicembre 2017
  Prodotto con la collaborazione di Jamie Sellers (Alesha Dixon, Pixie Lott) presso il Run Wild Music di Londra, il brano incontra atmosfere che spaziano fra pop e dark portando a galla il tema della libertà come superamento delle catene espressive ...

Galleria DEA su YouTube

Social Share Buttons