DEApress

Monday
May 21st
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Uffizi - Il Rinascimento Giapponese

E-mail Stampa PDF

riceviamo e pubblichiamo

Il Rinascimento Giapponese

La natura nei dipinti su paravento dal XV al XVII secolo

Aula Magliabechiana, Uffizi

3 ottobre 2017 – 7 gennaio 2018

Si apre agli Uffizi una grande mostra, la prima del suo genere in Europa, sull’arte giapponese corrispondente al periodo italiano dal primo Rinascimento agli inizi del Seicento: si tratta di paraventi pieghevoli e porte scorrevoli, molti dei quali Tesori Nazionali e Proprietà Culturali Importanti e provenienti da musei, templi e dall’Agenzia per gli Affari Culturali del Giappone. Le opere, su carta e perciò delicatissime, saranno esposte in tre rotazioni di 13 alla volta, al fine di garantirne la conservazione dall’esposizione alla luce.

Questo evento corona il centocinquantesimo anniversariodelle relazioni diplomatiche bilaterali tra Italia e Giappone intraprese con la firma del Trattato diAmicizia e di Commercio il 25 agosto 1866. « Italia e Giappone si incontrano quindi agli Uffizi e la cultura si rivela così un ponte sul quale due grandi Paesi, eredi di antiche civiltà forti di solide tradizioni, rinnovano la propria amicizia. Un legame antico, consolidato dalle numerose iniziative culturali realizzate nei due Paesi per celebrare questa importante ricorrenza.» (Dario Franceschini, Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo).

Si tratta di una selezione di 39 grandi pitture di paesaggio e natura, molte delle quali difficili da vedere anche in Giappone perché non esposte al pubblico, nel classico formato del paravento pieghevole (byōbu) e delle porte scorrevoli (fusumae). Con questa rassegna si mette in scena il periodo d’oro della produzione artistica giapponese, tra l’epoca Muromachi e l’inizio dell’epoca Edo (XV – XVII secolo), in cui emergono ideali estetici tra loro opposti, e ancora oggi riconoscibili nel paese. Da una parte infatti abbiamo la pittura monocroma ed evocativa, fatta di vuoti interrotti da linee essenziali e veloci, legata alla filosofia zen e alla cultura cinese: non è un caso che questo tipo di bellezza severa abbia incontrato i gusti della classe guerriera a partire già dall’epoca Kamakura, (1185–1333), e che quello stile fosse utilizzato per decorare templi e residenze di samurai. Di segno opposto è la pittura più squisitamente giapponese, con fondi oro e campiture piatte di colore su cui si stagliano delicati elementi naturali: più esplicita e narrativa, essa era adatta a decorare grandi residenze aristocratiche e borghesi, castelli e palazzi. In mostra, paesaggi dalle atmosfere rarefatte e simboliche – di sommi artisti quali Hasegawa Tōhaku, Kaihō Yūshō, Unkoku Tōgan - si confrontano con dipinti della tradizione Kanō, rappresentanti fiori e uccelli, le quattro stagioni, luoghi divenuti celebri grazie alla letteratura e alla poesia rappresentati con colori brillanti secondo le modalità dello yamatoe. Queste gioiose atmosfere, traboccanti gratitudine per le bellezze del creato, così come i caratteri zen riconducibili all’austerità, alla povertà, all’imperfezione, all’irregolarità di forme e materiali, esprimono una concezione della natura come specchio dell’animo umano già presente da secoli e definita con il termine mono no aware, “il sentimento per le cose”. Un insegnamento prezioso e uno spunto di riflessione anche per l’Occidente, per una riconsiderazione dell’ambiente e del rapporto dell’uomo con esso.

La bellezza e la mutevolezza dell’universo che ci circonda - espresse nelle dimensioni imponenti di uno o più spesso due paraventi, a due o sei ante, affiancati l’uno all’altro, o nei pannelli delle porte scorrevoli che dividevano le stanze - comunicano il profondo legame che lega il popolo giapponese alla natura. L’uomo ne diventa parte integrante, immergendosi nel paesaggio con l’attitudine panteistico shintoista che sta alla base di tutta la cultura letteraria e visiva del Giappone.

Come afferma Miyata Ryōhei Commissario del Bunkachō(Agenzia per gli Affari culturali del Giappone) «questa rassegna offre al pubblico italiano la possibilità di ammirare lo splendore della cultura artistica giapponese e comprenderne la profonda sensibilità nei confronti della natura.»

Il Direttore delle Gallerie degli Uffizi, Eike Schmidt, rileva altresì «che i meccanismi di committenza in Oriente non erano diversi da quelli di una qualsiasi corte rinascimentale e barocca in Europa, né da quello che vediamo ora nella nostra società capitalistica: i paraventi che decoravano residenze, castelli e templi giapponesi erano manifestazione del prestigio del proprietario o del donatore e dovevano rispecchiarne l’autorità, la ricchezza, il potere culturale, il livello d’istruzione. Nel Giappone delle epoche Muromachi, Momoyama e dell’inizio di quella Edo – dal secondo Trecento al primo Seicento, dunque quasi esattamente nello stesso periodo in cui in Europa si affermano Masaccio, Piero della Francesca, Raffaello, Michelangelo, Grünewald, Tiziano, Caravaggio – si assiste a uno sviluppo di committenze che porterà a un’altrettanto grande fioritura delle arti, che possiamo senz’altro definire “rinascimento giapponese”.»

La mostra curata, come il catalogo edito da Giunti, da Rossella Menegazzo (professore dell’Università degli Studi di Milano) con la con la collaborazione di Asaka Hiroshi, Watada Minoru, Tsutsui Tadahito è organizzata dalla Gallerie degli Uffizi in collaborazione con l’Agenzia per gli Affari Culturali del Giappone e con il supporto dell’Ambasciata del Giappone in Italia e promossa dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, le Gallerie degli Uffizi, il Bunkachō (Agenzia per gli Affari Culturali del Giappone), l'Ambasciata del Giappone, l'Università degli Studi di Milano e Firenze Musei.

Share

 

Concorsi & Festival

Ultime Nove

massimo.pieraccini . 21 Maggio 2018
     A Firenze cade un albero sopra un pullman in transito sul lungarno del Tempio.Fortunatamente nessuna vittima, solo qualche ferito, persone presenti sul posto fin dal momento dell'accaduto dicono non gravi. Un grosso tiglio si è abbattuto, p...
DEApress . 21 Maggio 2018
Martedì 22 Maggio 208 alle ore 16.30 presso la sala Comparetti della Biblioteca Umanistica dell'Università degli studi di Firenze si terrà l'evento organizzato in collaborazione con la Fondazione In Fiore "Psicologia e provocazione in versi". Per l'o...
Silvana Grippi . 21 Maggio 2018
Archivio fotografico DEApress - 2017 - Foto di Silvana Grippi Un personaggio soprendente Giuliano Scabia. Nato a Padova dopo la laurea ha insegnato al DAMS di Bologna, ora vive a Firenze dove scrive e ancora progetta testi teatrali. Possiamo defin...
Silvana Grippi . 21 Maggio 2018
  Mario Lovergine - Foto di silvana grippi/Archivio DEApress   Mario Lovergine è docente presso l'Accademia ISIA di Firenze.. Vive e lavora a Firenze. Da giovane ha studiato a Bari e a Firenze e successivamente si è trasferito per alc...
Silvana Grippi . 21 Maggio 2018
Silvana Grippi . 21 Maggio 2018
DEApress - Archivio storico presenta   "Attori,  Registi, Politici e Gente comune..."  Personaggi fotografati da Silvana Grippi "Questi personaggi rappresentano una piccola parte dell' ampio ventaglio di "gentes" a cui ho rubato...
Silvana Grippi . 18 Maggio 2018
L'Associazione D.E.Aonlus in collaborazione con l'Agenzia di Stampa DEApress (Archivio Storico) sta creando un inventario sommario con la catalogazione della serie ordinata di tutti i lavori acquisiti (prodotti e donati) sia per implementare che per ...
Piero Fantechi . 18 Maggio 2018
Un flashback dall' Archivio Storico DEApress Firenze,Teatro Sashall (ex Teatro Tenda), 1991   ph. Silvana Grippi
Piero Fantechi . 18 Maggio 2018
Ecco i nuovi quaderni autoprodotti da DEAart

Galleria DEA su YouTube

Social Share Buttons