DEApress

Tuesday
Jan 16th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

CAPUCCI DIONISIACO. DISEGNI PER IL TEATRO

E-mail Stampa PDF

alt

Costume per spettacolo - marzo 2010

Palazzo Pitti, Andito degli Angiolini - In occasione del 93° Pitti Immagine Uomo le Gallerie degli Uffizi presentano Capucci Dionisiaco. Disegni per il teatro. La mostra, per la cura di Roberto Capucci, avrà luogo a Palazzo Pitti, nelle sale dell'Andito degli Angiolini, dal 9 gennaio al 14 febbraio 2018.

Sono esposte 72 opere su carta di grande formato (cm 70 x 50) che rivelano un Roberto Capucci inedito rispetto al suo primato di couturier d’Alta Moda che lo ha reso famoso nel mondo.

In quest’occasione, infatti, aprendo una nuova strada rispetto alla sua lunga attività dedicata all’universo femminile, Capucci ha voluto esporre una suite di disegni con un inaspettato e sorprendente repertorio di costumi maschili per il teatro che, sin dagli anni Novanta e nel più assoluto riserbo, gli sono stati ispirati dall’idea di una messinscena onirica, dando libero sfogo a un’inesausta fantasia d’artista affrancato dalle mode e dalle ribalte internazionali di tutti i tempi.

Un insieme di “follie” – come lo stesso Capucci afferma – e che non a caso ha scelto di presentare a Firenze, la città dove ha debuttato nel lontano 1951 con una sfilata “a sorpresa” nell’ambito della First Italian High Fashion Show organizzata dal marchese Giorgini e dove, nel solco di un’imperitura tradizione artistica e culturale, “sempre aperto è il dialogo fra passato, presente e futuro”.

“I punti focali di ogni figura – ha scritto Eike D. Schmidt, Direttore delle Gallerie degli Uffizi, nel suo testo in catalogo - sono soprattutto la testa e i fianchi, dove si concentra il colore, da dove partono sbuffi e girandole, nastri e piume, elmi e carapaci imprevedibili per l’osservatore, ma certo non per l’autore, che nella precisione e nella qualità calligrafica del segno sembra tradurre sulla carta un progetto quasi ingegneristico, comunque già perfettamente sviluppato nella mente e senza ripensamenti. La creatività si unisce al rigore della materia: un Capucci dionisiaco, sì, ma con ferrea disciplina”.

Ha scritto a sua volta Umberto Tombari, Presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze di aver ritenuto doveroso offrire il suo sostegno a questa mostra perseguendo nelle sue finalità di promuovere e sostenere le iniziative artistico-culturali, la creatività e l’innovazione delle arti e dei mestieri, della musica, del teatro, del disegno e del sistema moda. L’ esposizione è inoltre una opportunità per gli studenti italiani e stranieri che, nell’ambito delle attività di Polimoda, sostenute dalla nostra Fondazione CRF, approfondiscono la loro formazione in questo ambito così importante’’.

Il titolo della mostra, Capucci dionisiaco, è suggerito dal carattere misterioso e ambiguo che connota i costumi maschili presentati. Una galleria di figure multiformi e dalle molte metamorfosi che appaiono trasfigurare il mito di Dioniso – divinità non solo del vino ma anche del teatro e della rappresentazione scenica accompagnata dalla musica – e il carattere ineffabile e disinibito del suo camaleontico corteo.

Il tratto figurativo di Roberto Capucci offre qui il destro anche per riconoscere alcune sue peculiarità stilistiche: la sapienza grafica e la sensibilità negli accostamenti cromatici, l’esattezza geometrica ai limiti dell’utopia pur obbediente alle regole matematiche de la Divina proportione nell’ideare costumi che ricordano la spettacolarità di una festa rinascimentale. Scriveva a questo proposito Kirsten Aschengreen Piacenti nel catalogo della mostra ospitata a Palazzo Strozzi nel 1990, Roberto Capucci. L’arte della moda: volume, colore, metodo: “Roberto Capucci è la conferma del detto di William Morris: C’è un artista in ogni artigiano e un artigiano in ogni artista”.

Non è una mera concomitanza che oggi Firenze, in uno dei palazzi emblema del mecenatismo mediceo, tenga a battesimo Capucci nella sua inconsueta veste di costumista per il teatro, e che l’Accademia degli Infuocati sia l’ente organizzatore dell’iniziativa. Circostanze queste che sembrano riportare l’attenzione su quel segreto talento di Roberto Capucci prestato al cinema di Pasolini in Teorema (1968), corteggiato da registi del calibro di Luca Ronconi, e da alcuni enti lirici – dall’Arena di Verona al Teatro San Carlo di Napoli – che hanno avuto il privilegio di vestire di primedonne del canto, quali Raina Kabajvanska, in abiti Capucci.

La mostra è curata dallo stesso Roberto Capucci e si avvale del catalogo edito da Polistampa, con un ricco repertorio di immagini a corredo dei testi di Eike D. Schmidt, Direttore delle Gallerie degli Uffizi, Caterina Chiarelli, curatore del Museo della Moda e del Costume di Palazzo Pitti, Caterina Napoleone, Giovanni Gavazzeni, noto critico musicale e teatrale, oltre che di un’intervista a Roberto Capucci, di una nota biografica e dell’elenco delle principali mostre tenute dal Maestro nel corso della sua lunga attività professionale.

L’esposizione è realizzata in collaborazione con la Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze, con il supporto della Fondazione Eduardo De Filippo e dell'Azienda Agricola Scovaventi, e con l'organizzazione dell'Accademia degli Infuocati.

alt

Share

 

Concorsi & Festival

Ultime Nove

DEApress . 15 Gennaio 2018
CARI TUTTI, APERTO ANCHE AI NON SOCI Siete tutti invitati alla prima riunione 2018 di redazione DELL'ASSOCIAZIONE D.E.A. che ci sarà lunedì 29 Gennaio, alle ore 17, presso la nostra sede di Via degli Alfani n. 34/r. ALL'ORDEINE DEL GIORNO  PRO...
DEApress . 15 Gennaio 2018
Qui di seguito pubblichiamo una lettera,  inviata dalla comunità delle Piagge su quanto accaduto l'anno scorso. Diamo la nostra solidarietà di redazione. OSTINAZIONE - È DALL’ESTATE 2017 CHE LA COMUNITÀ DI BASE DELLE PIAGGE È SOTTO ATTACCO! I...
DEApress . 15 Gennaio 2018
Tariffario DEApress/foto     DEApress/foto  Regolamento Le fotografie, le copie di immagini, e quantaltro proveniente o prodotto dall’Archivio fotografico DEApress sono concesse – a discrezione assoluta della Direzione ...
Silvana Grippi . 15 Gennaio 2018
Proseguono le presentazioni del libro di Pasquale Abatangelo "Correvo pesando ad Anna - Una storia degli anni settanta" Eccovi il nuovo calendario 2018 19 Gennaio 2018 presso L'amico Ritrovato - Libreria Luccoli Srl - Via Luccoli 98/r - Genova 27 ...
massimo.pieraccini . 15 Gennaio 2018
Un simposio medico in programma giovedì 18 gennaio a partire dalle ore 15 nella Sala Borselli dell'Auditorium al Duomo (via de' Cerretani 54r).L'incontro cercherà di tracciare un percorso a 360 gradi sulle opprtunità di trapianto, tra la Toscana ch...
L'AltopArlAnte . 14 Gennaio 2018
  Un pop chiaroscurato che veste di abiti sonori scanzonati un animo dalle venature più malinconiche, accompagna il racconto autobiografico della vita del musicista. “Ma Dove Sei” è una canzone che parla del quotidiano di Davide, scritta durante u...
DEApress . 13 Gennaio 2018
Sgrana e Traballa un giorno presso CPA Fi Sud Sabato 13 gennaio 2018 Galleria Fotografica - DEApress  Archivio - ph. silvana grippi            
Antonella Burberi . 12 Gennaio 2018
riceviamo e pubblichiamo “Storie e leggende del Ponte Vecchio” il libro di Ferri presentato oggi sotto le volte di Vasari È stato presentato questa mattina a Firenze il libro Storie e leggende del Ponte Vecchio (Angelo Pontecorboli Editore, Fir...
DEApress . 12 Gennaio 2018
    Il Centro Studi DEA onlus ha finito il lavoro di Ricerca sulla pubbliczione "Processo Batacchi". Atti a cura di G. Nerbini, Editore -1900. 10 centesimi - Note e commenti di Eugenio Ciacchi. Hanno collaborato: Gianni Bro...

Galleria DEA su YouTube

Social Share Buttons