DEApress

Monday
Nov 19th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Pinocchio e la scuola Fenysia

E-mail Stampa PDF

Nel ventre della balena

di EDWARD CAREY

mostra a cura di Alba Donati

progetto di Valeria Ioele

 

cid:<a href=

Scuola Fenysia

Palazzo Pucci - Via De’ Pucci 4, Firenze

5 novembre  – 14 dicembre

 

5  novembre (ore 11) Lezione d’apertura per le scuole medie di Vanni Santoni

5  novembre (ore 18) Inaugurazione

6 dicembre  (dalle 18) Dimenticate Walt Disney/ Lettura integrale ad alta voce de Le avventure di Pinocchio con Paolo Hendel, aperta a  tutti (basta iscriversi)

 

“– E quant’è che siete chiuso qui dentro? – domandò Pinocchio.
– Da quel giorno in poi, saranno ormai due anni: due anni, Pinocchio mio, che mi son parsi due secoli –“

E’ tempo di riprendere in mano Pinocchio, glissando sul bambinello saltellante di Walt Disney, e rileggerlo come favola dark. E’ quello che farà Guillermo del Toro, il regista più amato da Edward Carey. Il Premio Oscar infatti, proprio come Edward Carey ha sempre rivendicato un Pinocchio gloomy, con un fatina dark come nell’originale.  E dunque, dopo il successo di pubblico al Parco di Pinocchio (Collodi), Scuola Fenysia è pronta ad accogliere la mostra Nel ventre della balena di Edward Carey nella sede di Palazzo Pucci.

Lunedì 5 novembre a partire dalle ore 18.00 sarà possibile vedere le quarantadue opere tra acquerelli, dipinti e sculture, omaggio di un grande lettore di Pinocchio. La mostra è curata da Alba Donati con allestimento di Valeria Ioele e realizzata grazie alla collaborazione tra La Milanesiana - ideata e diretta da Elisabetta Sgarbi, la Fondazione Collodi e la  Fondazione Meyer. La mostra è stata resa possibile grazie al contributo della Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia.

Le opere di Edward Carey, che sono gli oggetti che hanno fatto compagnia a Geppetto nella sua lunga permanenza nel ventre del pescecane, verranno disposti nelle nove stanze che costituiscono lo spazio vagamente labirintico di Scuola Fenysia. La mostra sarà visitabile dal lunedì al venerdì dalle 14.30 alle 18.00. L’ingresso è libero.

  1. Tutto comincia all’Ospedale Meyer

Tutto comincia un anno fa, mentre lo scrittore era in residenza presso l’Ospedale Pediatrico Meyer nel quale si entra attraverso una sala d’ingresso che sembra una pancia di balena. Durante il soggiorno Carey visita il Parco di Pinocchio su invito del presidente della Fondazione Collodi, Pier Francesco Bernacchi. Qui ha occasione di vedere, dal vero, la grande quercia, un albero di dimensioni gigantesche che sembra creato dalla fantasia di uno scrittore e invece sorge a un chilometro dal Parco.  Le Avventure di Pinocchio è sempre stato per me il libro più̀ importante di tutti – racconta Carey - da bambino ne ero affascinato e spaventato allo stesso tempo. Ho collezionato tantissime edizioni, dalla versione originale illustrata da Enrico Mazzanti, a Carlo Chiostri, da Roberto Innocenti a Lorenzo Mattotti, da Jim Dine a Ron Mueck e Winshluss.”

  1. Dalla mostra al libro

Quando ha iniziato a lavorare alla mostra commissionata dalla Fondazione Collodi per il Parco di Pinocchio, Carey aveva immaginato di fare qualche illustrazione e qualche scultura. “Mentre rileggevo il testo, però – racconta - un dettaglio su cui non mi ero mai soffermato ha iniziato a conquistare spazio nella mia mente: il libro racconta che Geppetto passa due anni dentro il ventre di un pescecane (che spesso viene rappresentato come balena). Mi sono chiesto cosa mai avesse fatto lì dentro durante quei due anni. Nel capitolo 35 Geppetto – finalmente riunitosi con Pinocchio – racconta al figlio burattino del cibo che ha trovato all’interno di questa nave. Via via che creavo questi oggetti pensavo come sarebbe stato se avesse tenuto un diario, e quindi ho iniziato a scrivere il diario della prigionia di Geppetto nel ventre del pescecane/balena. L’ho immaginato mentre lo scriveva sul registro di bordo del capitano della nave ingoiata.” Ed è il libro\diario pubblicato da La Nave di Teseo: Nel ventre della balena, tradotto da Elena Malanga.

La mostra, nel progetto di Valeria Ioele, riproduce il nero della prigionia con gli oggetti che baluginano nella semioscurità. I ritratti dei personaggi chiave, fra cui il Gatto e la Volpe, la Fata Turchina e Lucignolo emergono da una luce crepuscolare di perdenti. “Qui nessuno vince, nessuno è furbo – dice la curatrice Alba Donati - tutti portano il marchio di una misera vita. Su di loro Geppetto si erge come un novello Mosè, lui è l’eroe, lui che conosce il senso dei ricordi, della memoria e dell’immaginazione.”

  1. Geppetto, il padre artista

“Geppetto è un artista - racconta ancora Edward Carey - un inventore. È talmente povero da non potersi permettere un fuoco e ne ha dipinto uno sulla parete; e, ovviamente, la sua più grande creazione è suo figlio. Ho iniziato a immaginare che cosa Geppetto avesse mai potuto creare: busti di sé stesso e di Pinocchio fatti di gallette masticate trovate nella barca; un ritratto di un granchio, suo compagno lì nel ventre; gli ho fatto dipingere donne conosciute durante la giovinezza su pezzi di legno alla deriva; gli ho fatto dipingere un grande cielo su un osso di balena, che lui chiama ‘finestra’, quando finisce l’inchiostro vero, Geppetto usa quello di seppia per fare un autoritratto. “

  1. Con Vanni Santoni, un laboratorio per le scuole

Il 5 novembre alle ore 11.00, Vanni Santoni, scrittore molto amato dai giovanissimi, terrà un a lezione ai ragazzi della Prima e Seconda della scuola secondaria di primo grado dell’Istituto San Giuseppe di via Gioberti. Racconterà del suo Pinocchio, e spiegherà come sia importante infilarsi negli spazi vuoti lasciati dagli scrittori, in questo caso da Collodi. In uno di quegli spazi - quello di Geppetto per due anni del ventre del pescecane - si è intrufolato Carey, ma chissà quanti altri se ne possono trovare.  In fondo la magia di un libro come Le Avventure di Pinocchio è fatta anche di non sapere quasi nulla di Lucignolo, della Fata Turchina, e così via. Da questi presupposti gli studenti produrranno storie o anche graphic novel, parallele al testo originario: le dieci migliori storie verranno premiate nei primi giorni di scuola, nel gennaio 2019.

  1. DIMENTICATE WALT DISNEY: con PAOLO HENDEL lettura integrale Le avventure di Pinocchio quello vero. Tutti insieme.

Paolo Hendel ci darà il via per compiere un’avventura straordinaria: leggere integralmente il Pinocchio di Collodi, tutti insieme (basta iscriversi alla mail info@scuolafenysia.it). Come già successo a Firenze con la lectura dantis, saranno fiorentini stanziali o di passaggio, da generazioni o da una semplice stagione, a rileggere un libro che ha una forza catartica, dispettoso come il suo protagonista, un libro triste che ci commuove, ci fa arrabbiare e ci fa amare ancora quel toscano meraviglioso madre e padre di una lingua contemporanea spesso dimentica del suo passato.

 

  1. Apertura della Sala di lettura, dedicata a Pinocchio

Con l’apertura della Mostra, inaugura anche la Sala di lettura dedicata a Pinocchio. Sul muro scorre il celebre dialogo con Lucignolo: “ ma sei veramente sicuro che in quel paese non ci sono punte scuole?... - Nemmeno l’ombra. – E nemmeno maestri? – Nemmen uno – Che bel paese! Io non ci sono mai stato ma me lo figuro!...”La sala è aperta a tutti quelli che vogliono leggere o studiare in pace, dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13 e dalle 14.30 alle 18. La sala di lettura è dotata di una piccola biblioteca che crescerà nel tempo.

EDWARD CAREY,nato nel 1970 nel Norfolk, scrittore, drammaturgo, illustratore, è autore di Observatory Mansions e Alva e Irva. Le gemelle che salvarono una città, entrambi pubblicati da Bompiani. Ancora Bompiani pubblica la Trilogia degli Iremonger: I segreti di Heap House (2015), Foulsham (2015) e Lombra (2016). Nel ventre della balena è stato pubblicato daLa nave di Teseo lo scorso luglio.

SEDE: Fenysia – Scuola di Linguaggi
Palazzo Pucci - Via De’ Pucci 4, Firenze

 

ORARI VISITA MOSTRA

Dal lunedì al venerdì dalle 14.30 alle 18.00

Ingresso libero

 

ORARI SALA DI LETTURA

Dal lunedì al venerdì 10.00/13.00 e 14.30/ 18.00

Ingresso libero

Scuola Fenysia – via de’ Pucci, 4

Francesca Ordiligi

info@scuolafenysia.it

Tel. 055 2052548

Share

 

Concorsi & Festival

Ultime Nove

DEApress . 19 Novembre 2018
  Mostra arte, video, fotografia e poesia. Omaggio ad Hasan Atiya al Nassar a cura del Centro - socio cultirale DEA e del gruppo teatrale Odeia Lettura di poesie degli attori Enzo Lenzetti e Marcella Ruocco .1 Dicembre 2018 -. h 18.00C/o ...
Silvana Grippi . 19 Novembre 2018
Piero Fantechi . 19 Novembre 2018
Dal 24 novembre al 31 dicembre la galleria Beaux Arts di Siena (via Montanini, 38) propone la personale dell’artista polacca. Ingresso libero A Siena le “opere uniche” di Marta Czok Una galleria di dipinti che raccontano la quotidianità rivela...
Piero Fantechi . 19 Novembre 2018
Conversazione tra Castagnoli e Bruni sull’opera RedMap di Grazia Toderi installata per la mostra Making Time La Galleria Poggiali di Firenze è lieta di annunciare una conversazione tra Pier Giovanni Castagnoli e Lorenzo Bruni sull’opera Red...
Piero Fantechi . 19 Novembre 2018
GLUE FIRENZE NUOVA STAGIONE 18/19 Sabato 24 novembre sul palco del Glue il tributo dei NORGE  in occasione dei 50 anni dalla fondazione dei LED ZEPPELIN. Una serata speciale in occasione del cinquantesimo anniversario della fondazion...
Silvana Grippi . 18 Novembre 2018
Lettera aperta a  coloro che vogliono interagire come volontari della comunicazione/inforamzione e formazione.   Messaggio rivolto a tutti gli idealisti, sognatori, spiriti liberi, scrittori e artisti   DEApress - Agenzia di stampa...
Silvana Grippi . 18 Novembre 2018
BIBLIOTECA DELLE OBLATE VIA DELL’ORIUOLO 24 - FIRENZE MARTEDÌ 27 NOVEMBRE 2018   TAVOLA ROTONDA   RINASCITA DELLA LOGGIA NEOPLATONICA DI CAREGGI     Recupero e valorizzazione di un bene pubblico con l’utilizzo...
Silvana Grippi . 18 Novembre 2018
 FOTO SCELTA PER I LETTORI Michelle e Lara   
DEApress . 17 Novembre 2018

Galleria DEA su YouTube

Social Share Buttons