DEApress

Friday
Nov 24th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Dodici anni dalla morte del prof.Paolo Emilio Pecorella

E-mail Stampa PDF

20526174_471012389943311_6754257121531314550_n.jpg

 

20526232_471019363275947_3692427953566855326_n.jpg

Foto 1 - I giovani che parteciparono alla Missione del 1998 . Foto 2 - Un momento di condivisione - Foto di Silvana Grippi 

Fra pochi giorni sarà il dodicesimo anniversario della morte del Prof. Emilio Pecorella, quindi pubblichiamo queste foto in ricordo della sua  morte, avvenuta il 30 agosto 2005, in un tragico incidente mentre conduceva gli scavi del sito di Tell Barri, l' antica città di Kahat, vicino ad Al Hasakeh, 700 chilometri a nord della capitale siriana di Damasco.

Emilio Pecorella, docente di Archeologia del Vicino Oriente dal 1984 al 2005 presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Univesità degli Studi di Firenze, muore a 69 anni nella cittadella da lui amata a cui si deve la prima indagine e la realizzalizzazione di questo vasto scavo. 
Secondo una prima ricostruzione, fatta dagli studenti, l'incidente è avvenuto mentre lui si trovava in cima alla collina degli scavi di Tell Barri per effettuare dei rilievi fotografici: dopo essersi girato per cambiare un obiettivo ha perso l' equilibrio, precipitando da una altezza di diversi metri.
Pecorella, Insieme alla prof.ssa Raffaella Pierobon dell'Università di Napoli, dirigeva la missione archeologica italiana in Siria fin da 1980. Le campagne di scavo  - sostenute anche con finanziamenti del Ministero dell' Università e del Ministero degli Esteri - in quegli anni, hanno dato risultati importanti. Nel 1998 è apparso un importante volume dal titolo Tell Barri/Kahat del professor Pecorella, e nel 2005 stava finendo la stesura di un Manuale di Archeologia anatolica e la revisione del catalogo delle collezioni del Vicino Oriente Antico del Museo Archeologico di Firenze. 
Ho avuto la fortuna di visitare lo scavo sia nel 1995 che nel 1998, la zona archeologica era ben custodita da una famiglia libanese. 
Oggi è impossibile raggiungere la missione in quanto territori di guerra. 
 
Articoli precedenti:
 
 
 
 
 

Share

Ultimo aggiornamento ( Martedì 22 Agosto 2017 18:03 )  

Concorsi & Festival

Ultime Nove

DEApress . 24 Novembre 2017
  E' in uscita il libro "Riflessioni sul Mediterraneo" - Atti del convegno e mostra fotografica organizzati nel 2016 presso l'Accademia La Colombaria dall'Archivio Storico DEA onlus e SDIAF. Potrà essere richiesto o acquistato nei punti vend...
DEApress . 24 Novembre 2017
Vi proponiamo una interessante iniziativa fotografica. Il workshop si può prenotare fin da ora!!    
DEApress . 24 Novembre 2017
  "RI-COSTRUENDO evidenzia la necessità di rinnovamento continuo dei luoghi urbani finalizzandone sempre più l’uso al fluire degli stili di vita e perfezionandone la resistenza agli eventi naturali e alle dinamiche dello sviluppo".  ...
DEApress . 24 Novembre 2017
Prosegue la diffusione del libro di Pasquale Abatangelo "Correvo pensando ad Anna".   Nell'area fiorentina il volume è gia acquistabile presso le seguenti Librerie: Libreria Majakovskij c/o CPA FI-SUD - Via Villamagna 27/a - Firenze C...
DEApress . 24 Novembre 2017
  Prosegue la mostra fotografica di Silvana Grippi con la collaborazione dell'Associazione SELMA "Cartografia e Ipotesi museale: Oggetti d'uso quotidiano nel Sahara". La mostra sarà visibile anche per le scuole fino al 10 Dicembre 2017 pres...
DEApress . 24 Novembre 2017
Lorenzo Bastida legge e commenta: Il Purgatorio di Dante. In memoria di Vittorio Sermonti. Con letture di Elisabetta Mari e Cinzia Calamai. Musiche di Domenico Luca Longo e Volfango Dami Regia di Massimiliano Paggetti Tecnico Audio Carlo Sonsu...
L'AltopArlAnte . 23 Novembre 2017
  Gli artisti di punta dell’etichetta si uniscono per un progetto che, con totale semplicità e senza gli schemi preconfezionati dettati dall’industria musicale, vuole traghettare un messaggio teso a valorizzare i veri valori della vita. “Brivido s...
L'AltopArlAnte . 23 Novembre 2017
  Un sound fortemente influenzato dal rock d’autore d’impronta americana si fa perno di un percorso narrativo che, ponendo le proprie radici nella letteratura e nel cinema d’oltreoceano, sa coniugare a perfezione ricchezza di contenuti e capacità d’...
L'AltopArlAnte . 23 Novembre 2017
  Il secondo singolo estrapolato dall’album di prossima uscita “Do di matto”, attraverso un sound psichedelico anni ’70, racconta le varie sfumature di un amore profondo ma insano. Come dice il titolo stesso la canzone narra di un amore tormentato...

Galleria DEA su YouTube

Social Share Buttons