DEApress

Thursday
Nov 23rd
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

L'uomo che piantava gli alberi, ed io.

E-mail Stampa PDF

giono.jpgIeri sera mia sorella rientra e mi porge un librettino dicendo "Toh." (mia sorella sta a me come il fratello di Daniel Pennac a lui. Se non avete letto "Come un romanzo" siete in grave errore e dovreste espiare rimanendo nella curiosità... ma siccome la mancata spiegazione distruggerebbe me quanto la curiosità qualcuno di voi, mi salvo io: il fratello di Pennac è un personaggio simpaticissimo - ed irritante - che, tra sintesi fulminanti e ami lanciati al pesciolino curioso, gli infonde l'amore per la lettura che lo segnerà a vita).

Quel "toh" è espressione della assoluta certezza che quel libro mi piacerà, è un biscottino al cane, un croccantino al gatto, un gancio di lattina sul quale precipita un raggio di sole per una gazza.

Quindi scodinzolando, ma procedendo altera, ghermisco il libro. "L'uomo che piantava gli alberi", di Jean Giono. Poche pagine, lo leggo mentre preparo melanzane alla piastra, tanto cuociono da sole (amo il cibo che non chiede pensieri, tranne quando vuol essere una dedica).

Eh sì, mi piace. Già nella prefazione una citazione che è una metafora: "Qualsiasi stupido è capace di distruggere gli alberi" (John Muir)

Un uomo, con un animo che definiremmo zen, in una landa desolata e arida della Provenza nella quale vive solo con le sue pecore dopo la morte della moglie e del figlio, ogni sera seleziona con attenzione le ghiande che pianterà in un terreno che dà poche speranze... è deciso a riforestare la valle abbandonata.

Il narratore incontra Elzéard Bouffier durante un'escursione e rimane in sua compagnia qualche giorno, affascinato e curioso. Bouffier gli racconta che pianta ogni giorno cento ghiande, e che ne ha già piantate centomila, aspettandosi di vederne sbocciare diecimila. Nel frattempo studia la riproduzione dei faggi e delle betulle.

Il giovane riparte, la vita lo assorbe, la prima guerra mondiale lo chiama. Il ricordo dell'uomo non lo ha mai abbandonato, e dopo 6 anni torna a cercarlo.

Trova, costernato, una foresta di querce, boschetti di faggi e di betulle, e Bouffier che continua a riforestare la landa. Nel frattempo è diventato apicoltore, temendo che le pecore potessero danneggiare il processo che ha, inoltre, rimesso in moto il naturale meccanismo a catena, anche i ruscelli hanno ripreso il corso interrotto. Da quel momento, ogni anno, il narratore torna da Bouffier seguendone i progressi, e quando una guardia forestale sbalordita dice loro che non ha mai visto spuntare una foresta dal nulla, portando nei luoghi delegazioni governative, è lui a rivelare la verità ad un amico funzionario forestale, il quale si impegna a dichiarare la zona riserva naturale protetta. Accompagneremo i due amici per molti anni, vedendo la speranza tornare in luoghi dai quali era sparita; non conteremo più gli alberi ma le diecimila persone che sono tornate a ripopolare i borghi. Un libro delizioso.

Stamattina arrivo, dopo qualche tempo che mancavo, alla stazione di Santa Maria Novella e penso che esista davvero un filo conduttore nelle cose, che un evento sia l'avvertimento di un altro, non legati tra loro seppur legati.

Alla stazione non c'è più un albero. Non uno.

Non ci sono più gli stormi di uccelli che stordivano, dei quali guardavo affascinata i disegni incomprensibili dei loro voli compatti. Transenne, operai, via la fermata d'autobus.

Scopro poco dopo, chiedendo in giro, che il progetto del Comune ha previsto l'abbattimento di trecento alberi in centro a Firenze, promettendo di piantarne ottocento. Non capisco, non poteva piantarne cinquecento e basta?

Dice: no, tra quelli espiantati alcuni erano quasi malati. "Quasi"?

Dice: la manutenzione costa tanto, allora li tolgono e li rimettono. E questo non costa? Quanto si risparmia con il metodo radicale? E i nuovi alberi non avranno bisogno comunque di manutenzione? 

Si dice che gli alberi da espiantare siano ottomila in totale. Io penso a Bouffier, a Muir. 

Share

 

Concorsi & Festival

Ultime Nove

L'AltopArlAnte . 23 Novembre 2017
  Gli artisti di punta dell’etichetta si uniscono per un progetto che, con totale semplicità e senza gli schemi preconfezionati dettati dall’industria musicale, vuole traghettare un messaggio teso a valorizzare i veri valori della vita. “Brivido s...
L'AltopArlAnte . 23 Novembre 2017
  Un sound fortemente influenzato dal rock d’autore d’impronta americana si fa perno di un percorso narrativo che, ponendo le proprie radici nella letteratura e nel cinema d’oltreoceano, sa coniugare a perfezione ricchezza di contenuti e capacità d’...
L'AltopArlAnte . 23 Novembre 2017
  Il secondo singolo estrapolato dall’album di prossima uscita “Do di matto”, attraverso un sound psichedelico anni ’70, racconta le varie sfumature di un amore profondo ma insano. Come dice il titolo stesso la canzone narra di un amore tormentato...
DEApress . 22 Novembre 2017
Giornata ricca di appuntamenti, oggi mercoledì 22 novembre, con l'Università degli Studi di Firenze. Gli eventi, ospitati tutti nel centro della città, si muovono tra innovazione, contrasto al bullismo, arte e ricordi di solidarietà: Ore 9.00 – Aula...
Silvana Grippi . 22 Novembre 2017
Associazione Socioculturale D.E.A. onlus DEApress Foto - Video, Grafica e Articoli vari compresi contenuti parziali, Mostre didattiche   Regolamento Fotografie, video, articoli, editoria,mostre didattiche, copie di immagini grafiche e/o icon...
DEApress . 22 Novembre 2017
Silvana Grippi . 21 Novembre 2017
La fotografia ha una sua dimensione storica e per poter meglio capirla bisogna partire dal "punto di vista storico" odierno e affrontato nei termini in cui si vuole e/o si deve usare. Quindi chi si approccia alla fotografia deve imparare e comprender...
Silvana Grippi . 21 Novembre 2017
VI ASPETTIAMO!
DEApress . 21 Novembre 2017
  L’ho sempre saputo, ed. Derive Approdi, 2017 DAVIDE STECCANELLA    “La donna raccontava e io scoprivo”.  Una fiaba moderna che narra l’incontro immaginario tra due detenute.  Un incontro folgorante nello squallore...

Galleria DEA su YouTube

Social Share Buttons