DEApress

Wednesday
Feb 21st
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

L'uomo che piantava gli alberi, ed io.

E-mail Stampa PDF

giono.jpgIeri sera mia sorella rientra e mi porge un librettino dicendo "Toh." (mia sorella sta a me come il fratello di Daniel Pennac a lui. Se non avete letto "Come un romanzo" siete in grave errore e dovreste espiare rimanendo nella curiosità... ma siccome la mancata spiegazione distruggerebbe me quanto la curiosità qualcuno di voi, mi salvo io: il fratello di Pennac è un personaggio simpaticissimo - ed irritante - che, tra sintesi fulminanti e ami lanciati al pesciolino curioso, gli infonde l'amore per la lettura che lo segnerà a vita).

Quel "toh" è espressione della assoluta certezza che quel libro mi piacerà, è un biscottino al cane, un croccantino al gatto, un gancio di lattina sul quale precipita un raggio di sole per una gazza.

Quindi scodinzolando, ma procedendo altera, ghermisco il libro. "L'uomo che piantava gli alberi", di Jean Giono. Poche pagine, lo leggo mentre preparo melanzane alla piastra, tanto cuociono da sole (amo il cibo che non chiede pensieri, tranne quando vuol essere una dedica).

Eh sì, mi piace. Già nella prefazione una citazione che è una metafora: "Qualsiasi stupido è capace di distruggere gli alberi" (John Muir)

Un uomo, con un animo che definiremmo zen, in una landa desolata e arida della Provenza nella quale vive solo con le sue pecore dopo la morte della moglie e del figlio, ogni sera seleziona con attenzione le ghiande che pianterà in un terreno che dà poche speranze... è deciso a riforestare la valle abbandonata.

Il narratore incontra Elzéard Bouffier durante un'escursione e rimane in sua compagnia qualche giorno, affascinato e curioso. Bouffier gli racconta che pianta ogni giorno cento ghiande, e che ne ha già piantate centomila, aspettandosi di vederne sbocciare diecimila. Nel frattempo studia la riproduzione dei faggi e delle betulle.

Il giovane riparte, la vita lo assorbe, la prima guerra mondiale lo chiama. Il ricordo dell'uomo non lo ha mai abbandonato, e dopo 6 anni torna a cercarlo.

Trova, costernato, una foresta di querce, boschetti di faggi e di betulle, e Bouffier che continua a riforestare la landa. Nel frattempo è diventato apicoltore, temendo che le pecore potessero danneggiare il processo che ha, inoltre, rimesso in moto il naturale meccanismo a catena, anche i ruscelli hanno ripreso il corso interrotto. Da quel momento, ogni anno, il narratore torna da Bouffier seguendone i progressi, e quando una guardia forestale sbalordita dice loro che non ha mai visto spuntare una foresta dal nulla, portando nei luoghi delegazioni governative, è lui a rivelare la verità ad un amico funzionario forestale, il quale si impegna a dichiarare la zona riserva naturale protetta. Accompagneremo i due amici per molti anni, vedendo la speranza tornare in luoghi dai quali era sparita; non conteremo più gli alberi ma le diecimila persone che sono tornate a ripopolare i borghi. Un libro delizioso.

Stamattina arrivo, dopo qualche tempo che mancavo, alla stazione di Santa Maria Novella e penso che esista davvero un filo conduttore nelle cose, che un evento sia l'avvertimento di un altro, non legati tra loro seppur legati.

Alla stazione non c'è più un albero. Non uno.

Non ci sono più gli stormi di uccelli che stordivano, dei quali guardavo affascinata i disegni incomprensibili dei loro voli compatti. Transenne, operai, via la fermata d'autobus.

Scopro poco dopo, chiedendo in giro, che il progetto del Comune ha previsto l'abbattimento di trecento alberi in centro a Firenze, promettendo di piantarne ottocento. Non capisco, non poteva piantarne cinquecento e basta?

Dice: no, tra quelli espiantati alcuni erano quasi malati. "Quasi"?

Dice: la manutenzione costa tanto, allora li tolgono e li rimettono. E questo non costa? Quanto si risparmia con il metodo radicale? E i nuovi alberi non avranno bisogno comunque di manutenzione? 

Si dice che gli alberi da espiantare siano ottomila in totale. Io penso a Bouffier, a Muir. 

Share

 

Concorsi & Festival

Ultime Nove

Silvio Terenzi . 20 Febbraio 2018
YATO "Post Shock" "CONSCIOCK" - Official HD Quello di Yato è una prova di stile più che un disco di avanguardia. La canzone d'autore che incontra il dub meno didascalico e l'elettronica più flessibile. Il pop regna sovrano ma senza dettare regole ...
Silvana Grippi . 20 Febbraio 2018
Appunti e Riflessioni La fotografia ha una sua dimensione storica e per poter meglio capirla bisogna partire da un "punto di vista contemporaneo" e affrontato culturalmente sia nell'ambito della sua storia che nei termini fenomenologici della soci...
Piero Fantechi . 20 Febbraio 2018
Museo e Istituto Fiorentino di Preistoria "Paolo Graziosi" via dell’Oriuolo, 24 (all'interno della Biblioteca delle Oblate – I piano)   MOSTRA FOTOGRAFICA ANGOLA   Viaggio tra gli Hereros in Africa Centrale  di Massimo Casprin...
Piero Fantechi . 20 Febbraio 2018
Combo Social Club Via Mannelli, 2 Firenze GIOVEDÌ 22 FEBBRAIO 2018 Ganji Killah presenta “Amazon Grime Mixtape” Feat. Ninjaz Mc, Yodaman ,Charlie Dakilo, Nanne, XL Mad. Dj set : LSWR & HypeGrade Ingresso libero In apertura “Creep Giuli...
Silvana Grippi . 19 Febbraio 2018
             ONLUS                                      Forum AMBIENTE Località Palagione, Via Volterrana 50050...
DEApress . 19 Febbraio 2018
FOOD FOREST CAMPING Corso residenziale teorico pratico di progettazione e realizzazione (in parte) di una food forest di 60 metri per 10 che includerà una serie di piccole piazzole per campeggiare completamente autonome da un punto di vista idric...
Piero Fantechi . 19 Febbraio 2018
Università di Firenze, Architettura si racconta Fino a venerdì 23 “Dida Research Week”, incontri con docenti e ricercatori Città collegate da piste ciclabili sopraelevate, spazi di coabitazione, design a prova di terremoto. Dove sta andando l’a...
Piero Fantechi . 19 Febbraio 2018
Giovedì 22 febbraio, dalle ore 19.30, a Siena lo spazio di Cacio & Pere ( via dei Termini 70) ospita un appuntamento all’insegna delle contaminazioni culturali La non violenza come risposta alla guerra: a Siena i fotografi di Life in Syria pre...
Silvana Grippi . 19 Febbraio 2018
Work in Progress DEA - Free Entry   Eccovi le iniziative in programma marzo-aprile 2018 Corsi, Seminari e Laboratori Storia della Fotografia, Montaggio Video. Grafica: Adobe photoshop (post produzione e Adobe Indesign (editing) Eventi Acc...

Galleria DEA su YouTube

Social Share Buttons