DEApress

Saturday
May 26th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

"Fare mondo: poetica del futuro dimenticato"

E-mail Stampa PDF

Immagine56.png

Il Giardino dei Ciliegi (via dell'Agnolo 5, Firenze) in collaborazione con la Società Italiana delle Letterate organizza dall'8 al 10 dicembre 2017 il convegno "Fare mondo: poetica del futuro dimenticato".

"Importa quali storie facciano mondi, quali mondi facciano storie."
(Donna Haraway, 2011)


La scrittura delle donne offre infiniti esempi di affabulazione speculativa sul presente-passato-futuro, intrecciati in una miriade di incomplete configurazioni di luoghi, tempi, materia e significato; e di questi ci interessano particolarmente esempi del qui-ed-ora e delle connessioni tra il possibile e il reale. Ci interessa inoltre come esempi di negatività e di perdita si traducano nell’invenzione creativa del sé, e in pratiche politiche – resistenti, riluttanti, oppositive, alternative, effimere, o altro. Ogni donna costruisce una vita che è metafora centrale del suo modo di pensare il mondo. Le composizioni che creiamo in questi tempi di cambiamento sono ricche di messaggi incrociati del nostro impegno e delle nostre scelte. Fare mondo è un negoziato difficile senza esiti certi, ma il nostro quotidiano ne è narrazione e performance perché fare mondo è fare mondo. E poiché “il presente va conosciuto in relazione a mappe temporali e spaziali alternative che provengono da una percezione di mondi affettivi passati e futuri” (J. Muñoz), troviamo una prima ispirazione programmatica in questo passato non del tutto dimenticato.

La Storia racconta che in tempi lontani gli uomini cacciavano i mammuth mentre le donne seminavano, piantavano, raccoglievano; ma ha dimenticato, come invece ricordano Ursula Le Guin, e ora Donna Haraway, che per portare le cose le donne si sono inventate una sporta che è servita per raccontare una storia non narrata, non eroica, piena di gente qualunque, di perdite, di trasformazioni: un futuro condiviso nel nostro fare mondo.

Per questo convegno, dunque, accanto a possibili riflessioni politiche e speculazioni ecologiche, ci interessa vedere come la scrittura abbia dato forma alla materialità del vivere e a visioni oppositive o alternative che includono il lessico delle emozioni; come le scrittrici abbiano affrontato subalternità e normatività, disaffezione e disidentificazione nei futuri possibili o fuori norma di romanzi, fiction, poesia. La libertà del fuori pista e del non previsto può fare paura, ma dove il respiro si allarga pullulano le opzioni. Ci autorizzano a immaginare, a indagare convenzioni e discorsi, a riconoscere nei frattali dei linguaggi un ancoraggio delle infinite differenze che nutrono i processi micropolitici di cambiamento e trasformazione. E fanno emergere il processo poetico di come viviamo il mondo di cui siamo parte permeabile, inevitabilmente implicata nell’Antropocene, e dove perciò restiamo vigili a cercare di impedire iniquità, sfruttamento, spossessamento e distruzione.

PROGRAMMA:


Venerdì 8 dicembre
Ore 15-19,30


Utopia del vivere
Introduzione
Clotilde Barbarulli e Liana Borghi
discussione

Comporre una vita
Pamela Marelli
Elisa Coco
Alketa Vako
Michela Angelini
Alessandra Pigliaru

Video: Donna Haraway: Story Telling For Earthly Survival
grazie a Elisa Coco e Marta Bencich di Some Prefer Cake

Sabato 9 dicembre
ore 9,30-13,00

Giochi di stringhe
conduce Roberta Mazzanti

Laura Marzi
Pensare il futuro con Leggendaria 124
Cecilia Tedeschi
Innamorarsi del mondo:
Braidotti e Haraway sul divenire postumano

Lidia Curti
Convivenza tentacolare

Anna Antonia Ferrante
Tra le onde di Sense8.
Parentele radicali e telepatia nelle piattaforme

Discussione

Ore 15,30-19,30

Nicoletta Vallorani
Fare mondo 'altro':
Arcipelaghi alieni da Uk Leguin a Nnedi Okorafor

Alessandra Chiricosta
Un altro genere di Forza

Workshop: Cat's cradle
Conduce Elena Biagini

7 domande

Domenica 10 dicembre
ore 9,30-13,00

Distopie
Conduce Anna Picciolini

Olga Solombrino
Memorie del passato, archivi del futuro:
riscrivere l’appartenenza palestinese negli spazi digitali

Alessandra Marino
Atti di scrittura arrabbiata nell'India postcoloniale

Annamaria Rivera
Dalle politiche migranticide dell’Unione europea al razzismo ‘popolare’


per informazioni:
Clotilde Barbarulli, barbarullim@gmail.com;
Liana Borghi, liborg@cosmos.it
www.ilgiardinodeiciliegi.firenze.it

Share

Ultimo aggiornamento ( Giovedì 30 Novembre 2017 17:17 )  

Concorsi & Festival

Ultime Nove

Silvana Grippi . 26 Maggio 2018
Scelta per voi dal nostro archvo DEApress - foto di Silvana Grippi
Silvana Grippi . 25 Maggio 2018
Cerchiamo volontari per scannerizzare e preparare nuove pubblicazioni. Archiviazione di: Oggetti, strumenti, dal calotipo al vetro, pellicole B/N e colore, diapositive, foto e video digitali, filmati, dvd, libri ed altro, testimonianze di event...
Piero Fantechi . 25 Maggio 2018
SGRANA & TRABALLA 2018 24-25-26 MAGGIO TRE GIORNI DI MUSICA POPOLARE CENTRO POPOLARE AUTOGESTITO FIRENZE SUD VIA VILLAMAGNA 27A – FIRENZEwww.facebook.com/cpafirenzesud www.cpafisud.org TUTTI I GIORNI CIBO, CONCERTI E SOLIDARIETA’ —————————...
Piero Fantechi . 25 Maggio 2018
              
Beatrice Canzedda . 24 Maggio 2018
    Sabato 26 maggio alle ore 17.30, presso la Galleria ZetaEffe, si terrà l'inaugurazione della mostra Milleduecentosessantuno. Fra astrattismo e arte concettuale, fra modernità e contemporaneità di percorso creativo e s...
Silvana Grippi . 24 Maggio 2018
Piero Fantechi . 24 Maggio 2018
Ecco i nuovi quaderni autoprodotti da DEArt
Piero Fantechi . 24 Maggio 2018
Eccovi qui di seguito il progetto "Il Muro" dove vari artisti/e si incontrano Catalogo con il seguente link: https://issuu.com/deapress/docs/catalogom.u.r.o.empoli_finito
DEApress . 24 Maggio 2018
 Ecovillaggi in Italia   Negli ultimi anni sono sempre di più i paesi e le comunità europee che aderiscono all’iniziativa, compresa l’Italia, che dal 2016 con la RIVE e la Rete Italiana Cohousing contribuisce all’impegno di rendere questo...

Galleria DEA su YouTube

Social Share Buttons