DEApress

Tuesday
Dec 12th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Davide Buzzi: un disco infiammabile

E-mail Stampa PDF

DAVIDE BUZZI
"NON ASCOLTARE IN CASO D'INCENDIO"

DAVIDE_BUZZI_cover_album.jpg

"SE TE NE VAI" - Official Video

Da Davide Buzzi il pensiero mi arriva a quello di Ivano Fossati. Non solo per scenari musicali poco italiani in cui la parola diventa protagonista in tutto e per tutto riportando quinti “tutto a casa”. Ci penso anche per quel piglio americano che spesso da Fossati ho sempre ascoltato… e non solo da lui ovviamente. L’America in Davide Buzzi sembra essere un punto di arrivo e questo disco non si nasconde dietro alcuna maschera. Un suono sincero, forse poco grintoso ma decisamente pulito di umanità. Il disco si intitola “Non ascoltare in caso d’incendio” quasi a volerci rappresentare quanto sia “infiammabile” l’anima del cantautore. E se brani come “Alice e le Ali” ci riporta a pieno nella nostra bellissima tradizione con una ballata dolcissima di primavere rionali, altri momenti come “Romaneschi” davvero ci troviamo gocce di psichedelia e quel qualcosa che riporta la memoria inevitabilmente ai suoni delle nuove avanguardie punk o post rock. Ma sempre in italiano, sia chiaro… sempre con il piglio del nostro santo pop che ha tradizioni ancestrali difficili da scardinare. Nel disco anche 3 omaggi a collaborazioni e riferimenti di stile: e troviamo prima fra tutte “A muso duro” di Pierangelo Bertoli e troviamo anche Massimo Priviero che duetta con il nostro in “Salvatore Fiumana” (che quasi ricalca un poco il sound e la filosofia del nuovo disco del cantautore veneto) e poi abbiamo il piacere di ascoltare “Canzone d’addio” che è proprio un inedito di Priviero. E non manca appunto l’estero che se non è America allora è Australia (e non so perché in fondo mi viene sempre da pensare ad una cosa soltanto): troviamo una collaborazione importante per Buzzi e parliamo del cantautore Jason Kemp che qui scrive “On the road” di cui troviamo una traduzione in italiano. Davide Buzzi realizza un disco che, complice anche la produzione artistica di Alex Campise, riesce a fare della sua vena d’autore italiana un concentrato rock di ampio respiro e di molteplici versioni: non è una canzone che si adagia sugli allori e neanche un ascolto che fa finta di recitare una parte che non gli compete. Un disco semplice a cui manca ancora quel brano per svettare di gusto e di mercato e, forse con un coraggio che fa solo elogiato, manca anche di quel suono che lo rende competitivo rispetto alla plastica certificata. Ma sono sicuro che è proprio questo il vero motivo: non diventare anch’esso figlio e fratello di quella plastica. Sound’s good.

Share

Ultimo aggiornamento ( Martedì 05 Dicembre 2017 18:57 )  

Concorsi & Festival

Ultime Nove

Leonardo Marinelli . 12 Dicembre 2017
Ha raggiunto l'80% di adesione lo sciopero nazionale dei medici e dirigenti del Servizio sanitario nazionale, indetto per oggi. Sono circa 134.000 i professionisti che hanno deciso di astenersi dal recarsi presso i propri posti di lavoro e le prime p...
L'AltopArlAnte . 12 Dicembre 2017
  Pubblicato dall’etichetta Rusty Records, il caleidoscopico pezzo che unisce pop, folk e accenni di musica classica, anticipa il progetto #robadamati La canzone "Passo Dopo Passo" di Giuseppe D'Amati, è in gran parte autobiografica. E' dedicata...
L'AltopArlAnte . 12 Dicembre 2017
Ritorna il Premio Bindi Winter, l’edizione speciale invernale del Festival della canzone d’autore. Il Premio Bindi si tiene tutti gli anni in luglio davanti al mare di Santa Margherita Ligure ed è uno dei festival più importanti della canzone d...
DEApress . 12 Dicembre 2017
Era il 12 dicembre del 1969: una bomba di Stato chiudeva in modo tragico la decade che aveva visto saldarsi in Italia la rivolta studentesca con quella operaia, segnando pesantemente quella successiva, conclusa con altra bomba, ancor più micidiale, a...
Fabrizio Cucchi . 11 Dicembre 2017
In una visita a sorpresa alla base russa in Siria di Hmeymim, Putin questa mattina ha annunciato un parziale ritiro delle truppe russe dalla regione (1). Questo annuncio è stato accompagnato da "roboanti cifre" sui successi russi nella zona. "Sono st...
DEApress . 11 Dicembre 2017
Riceviamo e pubblichiamo:"Giovedì 14.12.17, ore 18h.30, presso il Centro Java per il ciclo di incontri "Approfondimenti Stupefacenti": Guerra e DrogaIncontro con Alessandro De Pascale - giornalistaMaggiori informazioni su www.infojava.itDagli oppiace...
L'AltopArlAnte . 11 Dicembre 2017
  Il gruppo della versatile musicista traccia in questo disco un percorso musicale d’impronta folk-rock volto a rappresentare la figura femminile in ogni possibile sfumatura. Lionheart è la rappresentazione di una donna, è “La Donna” ed è tante...
L'AltopArlAnte . 11 Dicembre 2017
  Dopo una carriera già ricca di riconoscimenti (finalista al Premio Tenco, attore e autore teatrale e cinematografico, compositore di successi musicali e sigle radiofoniche), l’eclettico artista, già frontman de Il Parto delle Nuvole Pesanti, propo...
L'AltopArlAnte . 11 Dicembre 2017
  Prodotto con la collaborazione di Jamie Sellers (Alesha Dixon, Pixie Lott) presso il Run Wild Music di Londra, il brano incontra atmosfere che spaziano fra pop e dark portando a galla il tema della libertà come superamento delle catene espressive ...

Galleria DEA su YouTube

Social Share Buttons