DEApress

Tuesday
Oct 23rd
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Dì che ti manda Picone - di Lucio Aiello per Elvio Porta

E-mail Stampa PDF
Santana2.jpg
Foto archivio di Lucio Aiello con la compagna Raffaela Toscano ed Elvio Porta
Napoli - Si è tenuta mercoledì scorso al Teatro Diana di Napoli la conferenza stampa per la presentazione della stagione teatrale 2017/18, che promette di essere interessante.
La mia attenzione, per impulso emotivo, si concentra sulla commedia in due atti Dì che ti manda Picone, scritta da Lucio Aiello su appunti iniziati con Elvio Porta - attore, regista e sceneggiatore scomparso l’anno scorso -, sull’evoluzione di Antonio, figlio di Pasquale, che, nel pluripremiato film Mi manda Picone del 1983, vide il padre darsi fuoco nella sala consiliare del Comune di Napoli per protesta contro il licenziamento dall’Italsider. Antonio Picone è diventato un uomo di circa 50 anni che conserva le peculiarità caratteriali di un ragazzino: incompiuto, inaffidabile, immaturo. Un eterno bambinone incapace di prendersi alcuna responsabilità. La sua condizione di figlio di un "martire del lavoro” lo rende interessante agli occhi di un politico senza scrupoli, il Senatore Fernando Cafiero Palma che, con i suoi complici, vuole coinvolgerlo in una speculazione immobiliare che prevede lo sgombero di alcuni palazzi occupati da un orfanotrofio, una casa di riposo per anziani e un istituto per non vedenti. Progetta di candidare alle prossime elezioni Antonio, perché firmi, una volta eletto, le carte utili a dare il via alla nefasta iniziativa che vuole sostituire le meritorie attività sociali con un mega centro commerciale. Fortemente combattuto tra la sua onestà di fondo e il “mondo di privilegi e ricchezza” che il suo insistente cugino Raffaele, collaboratore del senatore, gli descrive a portata di mano, sta quasi per capitolare quando Mara, sua fidanzata “storica”, ordisce un assai fantasioso piano per impedirglielo. In un divertente susseguirsi di colpi di scena e situazioni paradossali, il nostro eroe scoprirà di essere migliore di quanto avrebbe creduto e... scopriremo il resto a dicembre in teatro, protagonisti Biagio Izzo e Mario Porfito.
Lucio Aiello racconta che quello che sa di scrittura glielo ha insegnato Elvio Porta in più di 12 anni di collaborazione. Si conobbero nel 1996 per lo spettacolo Avviso ritardo con i Trettrè, poi, diventati amici, Elvio Porta gli chiese di collaborare ai testi. Negli ultimi mesi Lucio Aiello ha ripreso in mano foto, appunti, bozze e idee che avevano messo insieme tra una pranzo, una cena, un tuffo in piscina, ma pure concentratissime sessioni di lavoro, e ci ha lavorato con nostalgia inevitabile, cercando di conservare i “sapori” che Elvio sapeva mettere nei suoi scritti, rispettando il più possibile stile ed intenzioni perché si sentisse la sua presenza imponente, per riuscire a portare in scena qualcosa che lo ricordasse a quanti (e qui ci sta tutta la vena polemica, rivendicatrice e amara) troppo presto lo hanno dimenticato.
Rivedo nella cucina della casa di Lucio Aiello questi due - apparentemente solenni - signori, Elvio Porta che prepara moscardini al vino rosso e il padrone di casa che arriva con una grappa sopraffina da “sentire assolutamente!”, mentre improvvisano, rimpallano gag, si rintuzzano, ridono, sembrano due scugnizzi alle prese con nuove sfide. Ricordo pure serissimi discorsi politici, durante i quali Elvio Porta mi demoliva illusioni con l’aria di chi conosce e sa, facendomi sentire un’inguaribile sognatrice, per concludere la discussione accesa con un improvviso, intenerito, “tienitele strette le tue illusioni, piccere’…". Aveva lo sguardo malinconico e fiero di chi molto ha vissuto, troppo ha capito, ma non si è arreso. Ha trasfuso anche questo: torna in scena con lo spirito che ha trasmesso.

Gli_Popotami.jpgFoto di Stefania Parmigiano

Share

 

Concorsi & Festival

Ultime Nove

Silvana Grippi . 23 Ottobre 2018
"Sono tremila, quattromila, seimila honduregni. Forse di più: nessuno può più contarli. Sul cammino si sono aggiunti alcuni guatemaltechi e salvadoregni. La settimana scorsa, in risposta a un messaggio lanciato sui social network, hanno deciso di las...
Piero Fantechi . 23 Ottobre 2018
Dal nostro Archivio Storico sul '68    Praga 1968 - Le idee del "nuovo corso"Jan Chech - Laterza - Dicembre 1968 La situazione attuale e i compiti politici del Movimento Studentesco Documento elaborato e approvato dall'Assemblea del...
Piero Fantechi . 23 Ottobre 2018
Sabato 27 ottobre - ore 10.30  NERI MARCORE' TEATRO DELLA PERGOLA  ...
Piero Fantechi . 23 Ottobre 2018
  Iscriviti | Pubblicità | Contatti [23|10|2018] Video contest Video contest #myRavenna. Be Inspired Dal 06/10/2018 al 15/11/2018 C'è un modo per misurare la bellezza di...
Piero Fantechi . 23 Ottobre 2018
Sabato 27 ottobre 2018 - ore 18 alla galleria ZetaEffe Anthony Sidney in concerto La magia delle proprie composizioni nelle corde della sua chitarra si prestano per ricreare  atmosfere nella meravigliosa cornice della mostra pittori...
Piero Fantechi . 23 Ottobre 2018
Fino al 31 Ottobre è visitabile la mostra foto documentaria I Fiori del Male Donne in manicomio nel regime fascista  a cura di Annacarla Valeriano e Costantino Di Sante Biblioteca Umanistica (Corridoio Brunelleschi e Sala Comparetti)Piaz...
Piero Fantechi . 22 Ottobre 2018
A San Miniato al Monte si commemora Carlo Lorenzini La recente inaugurazione della mostra “Gernika” nella cripta della Basilica di San Miniato al Monte, precede di pochi giorni un anniversario molto importante: i 128 anni trascorsi dalla morte di C...
Piero Fantechi . 22 Ottobre 2018
POCA CONSAPEVOLEZZA DEI RISCHI DA PARTE DELLE IMPRESE ITALIANE. Grazie al progetto europeo “Life Derris” e al Coordinamento Agende 21 locali italiane, nasce una community di enti locali impegnati a supportarle nella prevenzione e nella riduzion...
Piero Fantechi . 22 Ottobre 2018
L’Associazione “Per Boboli” organizza martedì 30 ottobre 2018 alle 17.30, presso il Teatro del Rondò di Bacco (Piazza Pitti, 1 - Firenze), la conferenza “Il giardino inglese attraverso gli occhi di Jane Austen. Tra wilderne...

Galleria DEA su YouTube

Social Share Buttons