DEApress

Friday
Nov 24th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

L'Opera e l'arte del riciclo

E-mail Stampa PDF

19894689_10211655104965653_2452023521487645959_n.jpg

OPERA E ARTE - La Cavalleria Rusticana si veste di scarti industriali

 

L’ecologia veste il teatro; il 13 luglio alle ore 21.30, torna protagonista del palco dell’Anfiteatro Fonte Mazzola di Peccioli il progetto SCART®. Andrà in scena per laRassegna 11 LuneCavalleria Rusticana, seconda produzione lirica dellaFondazione Pecciolia cura dell’Accademia Musicale Alta Valdera, con la regia di Gianmaria Romagnoli e in collaborazione con l’Istituto Modartech.

L’opera, capolavoro del compositore livornese Pietro Mascagni, vedrà per la prima volta i protagonisti e le comparse vestire abiti realizzati al 100% con materiale di recupero, proveniente dall’Officina SCART®di Waste Recycling, che dallo scorso anno è entrata a far parte delGruppo Hera.

I costumi di scena sono stati realizzati da alcune studentessedel corso in Design e Progettazione della Moda, Fashion Technology, Modellista dell’Istituto Modartechdi Pontedera, coordinate dalla stilista e docente di Fashion Design Chiara Mosti. Le giovani creative Beatrice Bazzano, Marta Palatresi, Irene Gonnelli, Laura Stellato, Margherita Giovannelli, Benedetta Dami, Elena Norci ed Erica Di Marco sono state ospiti dell’Officina SCART® di Waste Recycling per un periodo di tre settimane.

La prima fase del lavoro ha visto le studentesse prodigarsi in una ricerca storica sui costumi dello spettacolo: con la realizzazione dei bozzetti e dei cartamodelli, le studentesse hanno selezionato tessuti e materiali alternativi recuperati direttamente nei depositi in cui i rifiuti industriali di vario genere rimangono per breve tempo prima di essere avviati a recupero o a smaltimento. Per ultimo avviene il confezionamento dei vestiti e il “fitting”, ovvero la prova dei vestiti sugli attori.

Cavi e fili elettrici, componenti hardware per computer, ritagli di pelle e oggetti “sbagliati” destinati allo smaltimento come tomaie, provette e vari componenti per l'industria biomedicale e della moda, occhiali e cravatte sono tutti protagonisti recuperati dallo scarto e messi in scena. Naturalmente oltre a far parte del corredo vestiario, i materiali di ripristino sono utilizzati anche per l’ambientazione; nella fattispecie faranno parte della scene ambientate sia all’esterno, che negli interni di una chiesa siciliana nel giorno di Pasqua.

Tra i tati esempi di arredo abbiamo un’interpretazione della Deposizione del Rosso Fiorentino, interamente realizzata con rifiuti industriali provenienti dal mondo manifatturiero italiano (scarti di lavorazione prodotti dal tessile, dai calzaturifici, dall’industria farmaceutica e dai mobilifici del territorio). Così la figura di Cristo è il risultato dell’assemblaggio di accessori di borsettifici toscani mentre la Maddalena è tratteggiata da centinaia di cerniere lampo. Infine scarpe, catarifrangenti e tastiere di computer danno vita a tutti gli altri personaggi sul Golgota.

“Con Cavalleria Rusticana si rinnova la vocazione del progetto SCART®, attento ai giovani e alla loro formazione - spiega Maurizio Giani - SCART® è un laboratorio d’idee sempre aperto alle istituzioni anche attraverso rapporti di partenariato, come dimostrano le belle sinergie create finora con il territorio, penso all’Accademia di Belle Arti, al Comune di Santa Croce sull’Arno, Villa Pacchiani e ora a questaeccellenza nel campo della moda che è l’Istituto Modartech”.

Il Direttore di Modartech, Alessandro Bertiniprecisa come l’Istituto sia particolarmente felice per la collaborazione con il progetto SCART®di Waste Recycling, per “una delle tante collaborazioni che abbiamo stretto con il territorio e le eccellenze toscane”. Questa collaborazione dà continuità al progetto avviato in occasione del Fashion Show dell’Istituto Modartech, sul tema della sostenibilità e della sensibilizzazione al riutilizzo. Una serie di progetti didattici pensati per preparare fin da subito gli studenti alle dinamiche, alle tempistiche e alle metodologie dell’attività lavorativa e delle professioni creative, oltre che alle nozioni tecniche.

Share

Ultimo aggiornamento ( Martedì 11 Luglio 2017 12:54 )  

Concorsi & Festival

Ultime Nove

DEApress . 24 Novembre 2017
  E' in uscita il libro "Riflessioni sul Mediterraneo" - Atti del convegno e mostra fotografica organizzati nel 2016 presso l'Accademia La Colombaria dall'Archivio Storico DEA onlus e SDIAF. Potrà essere richiesto o acquistato nei punti vend...
DEApress . 24 Novembre 2017
Vi proponiamo una interessante iniziativa fotografica. Il workshop si può prenotare fin da ora!!    
DEApress . 24 Novembre 2017
  "RI-COSTRUENDO evidenzia la necessità di rinnovamento continuo dei luoghi urbani finalizzandone sempre più l’uso al fluire degli stili di vita e perfezionandone la resistenza agli eventi naturali e alle dinamiche dello sviluppo".  ...
DEApress . 24 Novembre 2017
Prosegue la diffusione del libro di Pasquale Abatangelo "Correvo pensando ad Anna".   Nell'area fiorentina il volume è gia acquistabile presso le seguenti Librerie: Libreria Majakovskij c/o CPA FI-SUD - Via Villamagna 27/a - Firenze C...
DEApress . 24 Novembre 2017
  Prosegue la mostra fotografica di Silvana Grippi con la collaborazione dell'Associazione SELMA "Cartografia e Ipotesi museale: Oggetti d'uso quotidiano nel Sahara". La mostra sarà visibile anche per le scuole fino al 10 Dicembre 2017 pres...
DEApress . 24 Novembre 2017
Lorenzo Bastida legge e commenta: Il Purgatorio di Dante. In memoria di Vittorio Sermonti. Con letture di Elisabetta Mari e Cinzia Calamai. Musiche di Domenico Luca Longo e Volfango Dami Regia di Massimiliano Paggetti Tecnico Audio Carlo Sonsu...
L'AltopArlAnte . 23 Novembre 2017
  Gli artisti di punta dell’etichetta si uniscono per un progetto che, con totale semplicità e senza gli schemi preconfezionati dettati dall’industria musicale, vuole traghettare un messaggio teso a valorizzare i veri valori della vita. “Brivido s...
L'AltopArlAnte . 23 Novembre 2017
  Un sound fortemente influenzato dal rock d’autore d’impronta americana si fa perno di un percorso narrativo che, ponendo le proprie radici nella letteratura e nel cinema d’oltreoceano, sa coniugare a perfezione ricchezza di contenuti e capacità d’...
L'AltopArlAnte . 23 Novembre 2017
  Il secondo singolo estrapolato dall’album di prossima uscita “Do di matto”, attraverso un sound psichedelico anni ’70, racconta le varie sfumature di un amore profondo ma insano. Come dice il titolo stesso la canzone narra di un amore tormentato...

Galleria DEA su YouTube

Social Share Buttons