DEApress

Thursday
Nov 23rd
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Il teatro come passione: intervista a Simona Venturi

E-mail Stampa PDF

Per la Rubrica "Reporter sei tu!" abbiamo intervistato Simona Venturi, attrice di teatro che recentemente è andata in scena con l'opera "Lettura integrale partecipata delle cosmicomiche di Calvino". Lo spettacolo, realizzato dalla compagnia teatrale "MalD'Estro" di cui Simonastessa fa parte, ha avuto luogo alla casa del Popolo di Settignano, sulle colline di Firenze.

La compagnia MalD'Estro è stata creata circa tre anni fa da un'idea comune di Simona e Leonardo, appassionati di teatro; con un breve passato da studentessa di Scienze Politiche alla Facoltà di Firenze, ben presto la nostra amica ha capito di avere un interesse più forte che lo studio non poteva trattenere. Cosi, quasi 20enne, decide di intraprendere un rapporto col teatro, sempre più coinvolgente.

L'idea di creare, insieme al fratello, una compagnia teatrale ha avuto come fulcro, non solo l'interesse per il teatro ma anche la volontà di trasformare il teatro stesso in qualcosa di più moderno, dinamico, interattivo, specialmente attraverso due fattori: prima di tutto una lettura partecipativa che sottolinea tutte le figure attoriali sulla scena e non focalizza l'attenzione sui "solisti". E poi la capacità di coinvolgere il pubblico e gli spettatori in modo molto diretto, ogni volta, con la lettura di una piccola parte ad una persona diversa.

Tra gli autori preferiti di Simona ce ne sono due in particolare: tra quelli più "antichi" il russo Anton Cechov mentre tra i contemporanei spicca lo stile del britannico Harold Pinter.

Simona ama fortemente il teatro per l'emotività che si riesce ad esprimere attraverso esso, ma non ha dei ruoli che preferisce rispetto ad altri. L'unica differenza sostanziale sta nella tipologia di carattere delle protagoniste: piuttosto che impersonificare soggetti femminili o delle opere a tinte romantiche e sentimentali, l'attrice ha una preferenza netta per le donne forti, di grande personalità e carattere, dove la figura femminile può essere esaltata maggiormente.

A domanda precisa su una ipotetica scelta tra teatro e televisione, Simona ha ribadito il suo perenne interesse per il teatro, poiché trovarebbe sempre maggior gratificazione personale nel contatto visivo col pubblico piuttosto che quello freddo e indiretto di una telecamera che riprende la scena. Una scelta interessante, che denota la forte personalità di Simona capace di reggere una maggiore pressione davanti al pubblico e che in qualche modo rende meno labile il confine tra la vita quotidiana e le parti teatrali che ella impersonifica. Oltre al fatto che eventuali errori in scena possono essere risolti rapidamente proprio grazie al coinvolgimento degli altri attori, come un gruppo di persone sempre unito.

Hanno partecipato all'Intervista/Dibattito a cura di Silvana Grippi: Paolo Ferrantini e Silvio De Rosa.

Precedente articolo su DEApress:

http://www.deapress.com/deapress-segnala/eventi/20901-teatro-di-cestello.html

Per saperne di più su altre opere andate in scena:

http://www.deapress.com/culture/teatro/20901-teatro-di-cestello.html

Share

Ultimo aggiornamento ( Lunedì 24 Luglio 2017 22:10 )  

Concorsi & Festival

Ultime Nove

L'AltopArlAnte . 23 Novembre 2017
  Gli artisti di punta dell’etichetta si uniscono per un progetto che, con totale semplicità e senza gli schemi preconfezionati dettati dall’industria musicale, vuole traghettare un messaggio teso a valorizzare i veri valori della vita. “Brivido s...
L'AltopArlAnte . 23 Novembre 2017
  Un sound fortemente influenzato dal rock d’autore d’impronta americana si fa perno di un percorso narrativo che, ponendo le proprie radici nella letteratura e nel cinema d’oltreoceano, sa coniugare a perfezione ricchezza di contenuti e capacità d’...
L'AltopArlAnte . 23 Novembre 2017
  Il secondo singolo estrapolato dall’album di prossima uscita “Do di matto”, attraverso un sound psichedelico anni ’70, racconta le varie sfumature di un amore profondo ma insano. Come dice il titolo stesso la canzone narra di un amore tormentato...
DEApress . 22 Novembre 2017
Giornata ricca di appuntamenti, oggi mercoledì 22 novembre, con l'Università degli Studi di Firenze. Gli eventi, ospitati tutti nel centro della città, si muovono tra innovazione, contrasto al bullismo, arte e ricordi di solidarietà: Ore 9.00 – Aula...
Silvana Grippi . 22 Novembre 2017
Associazione Socioculturale D.E.A. onlus DEApress Foto - Video, Grafica e Articoli vari compresi contenuti parziali, Mostre didattiche   Regolamento Fotografie, video, articoli, editoria,mostre didattiche, copie di immagini grafiche e/o icon...
DEApress . 22 Novembre 2017
Silvana Grippi . 21 Novembre 2017
La fotografia ha una sua dimensione storica e per poter meglio capirla bisogna partire dal "punto di vista storico" odierno e affrontato nei termini in cui si vuole e/o si deve usare. Quindi chi si approccia alla fotografia deve imparare e comprender...
Silvana Grippi . 21 Novembre 2017
VI ASPETTIAMO!
DEApress . 21 Novembre 2017
  L’ho sempre saputo, ed. Derive Approdi, 2017 DAVIDE STECCANELLA    “La donna raccontava e io scoprivo”.  Una fiaba moderna che narra l’incontro immaginario tra due detenute.  Un incontro folgorante nello squallore...

Galleria DEA su YouTube

Social Share Buttons