DEApress

Tuesday
Dec 12th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

mense scolastiche scontro infinito

E-mail Stampa PDF

 

A Firenze da qualche tempo è divenuto uno degli argomenti predominanti, il cibo somministrato ai bimbi dal servizio mensa della scuola. Una mattina, addirittura, tre delle radio più ascoltate della città trattavano il medesimo argomento nello stesso momento. Il Comune che gestisce il servizio ha predisposto un menù, ma pare che il menù non sia di gradimento dei bimbi e ciò inevitabilmente scatena il malumore prima, e le ire poi, dei genitori. Ne nasce inevitabilmente una disputa, dove il comune sostiene che il menù è equilibrato e che soddisfa totalmente le necessità di giusto apporto dei valori nutritivi necessari alla crescita dei fanciulli. Le famiglie dal canto loro lamentano che il gusto dei cibi non è di gradimento dei figli, e che un buon settanta per cento dei pasti forniti finisce nella spazzatura. Pronta la replica del Comune che con giri più o meno larghi di parole sostiene che sono bimbi viziati. Tanto che ad una delle suddette trasmissioni radiofoniche una rappresentante del Comune ha candidamente affermato, se il bambino non mangia oggi, mangerà domani o dopodomani, basta non dargli al ritorno a casa sostanziose merende! Una mamma risponde prontamente che non deve essere nessuno a dargli istruzioni su come educare il proprio figlio.
Insomma appare un muro contro muro. Il Comune per quanto formalmente si dichiari disponibile ad andare incontro alle esigenze delle famiglie di fatto, dicono le famiglie, non ha apportato sostanziali cambiamenti ai menù, o comunque quelle poche cose cambiate non hanno prodotto miglioramenti apprezzabili. Il Comune attraverso i vari soggetti coinvolti a più livelli, ha dato origine a commissioni e controlli, che sono andati ad analizzare le modalità di preparazione, le condizioni dei pasti al punto di cottura, che in qualche caso è dentro la scuola, in altri invece è una delle tante società di catering. Non è ancora ben spiegato che risultati queste attività abbiano prodotto ma la cosa certa che è che i bimbi non gradiscono i pasti somministrati e di conseguenza i genitori sono sempre più sul piede di guerra! Non parlano i produttori di questi pasti, che per poco più di tre euro devono acquistare le materie prime, preparare i pasti e trasportarli fino al plesso scolastico. Ora se si pensa che un discreto ristorante, per quanto economico, costa difficilmente meno di venti euro a persona, e non devono consegnare nulla, appare chiaro che ci sia una certa distanza, seppur con tutte le varianti del caso.
Infine, pare che non vi sia neppure la possibilità per i genitori di fornire i propri figli con un pasto preparato a casa da poter consumare a scuola, per i poveri bimbi non resta che adeguare le papille gustative, e apprezzare quello che le mense gli propineranno, fino alla prossima mossa degli agguerritissimi comitati di genitori.
La polemica è apertissima senza esclusioni di argomentazioni, da quelle di qualche rappresentante delle istituzioni che accusa i genitori di strumentalizzare i bambini per le loro lotte ideologiche, a quelle delle famiglie che accusano l'istituzione di non voler far passi indietro e affrontare questo argomento di così alta sensibilità con la tipica arroganza istituzionale.

Share

 

Concorsi & Festival

Ultime Nove

L'AltopArlAnte . 12 Dicembre 2017
Ritorna il Premio Bindi Winter, l’edizione speciale invernale del Festival della canzone d’autore. Il Premio Bindi si tiene tutti gli anni in luglio davanti al mare di Santa Margherita Ligure ed è uno dei festival più importanti della canzone d...
DEApress . 12 Dicembre 2017
Era il 12 dicembre del 1969: una bomba di Stato chiudeva in modo tragico la decade che aveva visto saldarsi in Italia la rivolta studentesca con quella operaia, segnando pesantemente quella successiva, conclusa con altra bomba, ancor più micidiale, a...
Fabrizio Cucchi . 11 Dicembre 2017
In una visita a sorpresa alla base russa in Siria di Hmeymim, Putin questa mattina ha annunciato un parziale ritiro delle truppe russe dalla regione (1). Questo annuncio è stato accompagnato da "roboanti cifre" sui successi russi nella zona. "Sono st...
DEApress . 11 Dicembre 2017
Riceviamo e pubblichiamo:"Giovedì 14.12.17, ore 18h.30, presso il Centro Java per il ciclo di incontri "Approfondimenti Stupefacenti": Guerra e DrogaIncontro con Alessandro De Pascale - giornalistaMaggiori informazioni su www.infojava.itDagli oppiace...
L'AltopArlAnte . 11 Dicembre 2017
  Il gruppo della versatile musicista traccia in questo disco un percorso musicale d’impronta folk-rock volto a rappresentare la figura femminile in ogni possibile sfumatura. Lionheart è la rappresentazione di una donna, è “La Donna” ed è tante...
L'AltopArlAnte . 11 Dicembre 2017
  Dopo una carriera già ricca di riconoscimenti (finalista al Premio Tenco, attore e autore teatrale e cinematografico, compositore di successi musicali e sigle radiofoniche), l’eclettico artista, già frontman de Il Parto delle Nuvole Pesanti, propo...
L'AltopArlAnte . 11 Dicembre 2017
  Prodotto con la collaborazione di Jamie Sellers (Alesha Dixon, Pixie Lott) presso il Run Wild Music di Londra, il brano incontra atmosfere che spaziano fra pop e dark portando a galla il tema della libertà come superamento delle catene espressive ...
Silvana Grippi . 10 Dicembre 2017
9 dicembre 2017 - Presentazione del libro di Lara Poggi - Figlia del destino" Ed. DEA/2017  Una vittoria per Lara Poggi che vede i suoi pensieri di tanti anni messi su carta e presentati in Libreria. Tanti amici, amiche e sconosciuti per feste...
Silvana Grippi . 09 Dicembre 2017

Galleria DEA su YouTube

Social Share Buttons