DEApress

Wednesday
Apr 26th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

mense scolastiche scontro infinito

E-mail Stampa PDF

 

A Firenze da qualche tempo è divenuto uno degli argomenti predominanti, il cibo somministrato ai bimbi dal servizio mensa della scuola. Una mattina, addirittura, tre delle radio più ascoltate della città trattavano il medesimo argomento nello stesso momento. Il Comune che gestisce il servizio ha predisposto un menù, ma pare che il menù non sia di gradimento dei bimbi e ciò inevitabilmente scatena il malumore prima, e le ire poi, dei genitori. Ne nasce inevitabilmente una disputa, dove il comune sostiene che il menù è equilibrato e che soddisfa totalmente le necessità di giusto apporto dei valori nutritivi necessari alla crescita dei fanciulli. Le famiglie dal canto loro lamentano che il gusto dei cibi non è di gradimento dei figli, e che un buon settanta per cento dei pasti forniti finisce nella spazzatura. Pronta la replica del Comune che con giri più o meno larghi di parole sostiene che sono bimbi viziati. Tanto che ad una delle suddette trasmissioni radiofoniche una rappresentante del Comune ha candidamente affermato, se il bambino non mangia oggi, mangerà domani o dopodomani, basta non dargli al ritorno a casa sostanziose merende! Una mamma risponde prontamente che non deve essere nessuno a dargli istruzioni su come educare il proprio figlio.
Insomma appare un muro contro muro. Il Comune per quanto formalmente si dichiari disponibile ad andare incontro alle esigenze delle famiglie di fatto, dicono le famiglie, non ha apportato sostanziali cambiamenti ai menù, o comunque quelle poche cose cambiate non hanno prodotto miglioramenti apprezzabili. Il Comune attraverso i vari soggetti coinvolti a più livelli, ha dato origine a commissioni e controlli, che sono andati ad analizzare le modalità di preparazione, le condizioni dei pasti al punto di cottura, che in qualche caso è dentro la scuola, in altri invece è una delle tante società di catering. Non è ancora ben spiegato che risultati queste attività abbiano prodotto ma la cosa certa che è che i bimbi non gradiscono i pasti somministrati e di conseguenza i genitori sono sempre più sul piede di guerra! Non parlano i produttori di questi pasti, che per poco più di tre euro devono acquistare le materie prime, preparare i pasti e trasportarli fino al plesso scolastico. Ora se si pensa che un discreto ristorante, per quanto economico, costa difficilmente meno di venti euro a persona, e non devono consegnare nulla, appare chiaro che ci sia una certa distanza, seppur con tutte le varianti del caso.
Infine, pare che non vi sia neppure la possibilità per i genitori di fornire i propri figli con un pasto preparato a casa da poter consumare a scuola, per i poveri bimbi non resta che adeguare le papille gustative, e apprezzare quello che le mense gli propineranno, fino alla prossima mossa degli agguerritissimi comitati di genitori.
La polemica è apertissima senza esclusioni di argomentazioni, da quelle di qualche rappresentante delle istituzioni che accusa i genitori di strumentalizzare i bambini per le loro lotte ideologiche, a quelle delle famiglie che accusano l'istituzione di non voler far passi indietro e affrontare questo argomento di così alta sensibilità con la tipica arroganza istituzionale.

Share

 

Concorsi & Festival

Ultime Nove

Silvana Grippi . 26 Aprile 2017
La libertà d'informazioe è i pericolo, secondo il rapporto 2017 di Reporters Sans Frontieres (RSF), l'organizzazione con base in Francia che vigila sullo stato dell'informazione. L'Italia, è risalita al 52/o, con un balzo di 25 po...
massimo.pieraccini . 26 Aprile 2017
La povertà stà diventando sempre più, purtroppo, un'attualità mondiale. Questa foto che pubblichiamo è stata scattata non molto tempo fa nella lussureggiante Barcellona, sulla Rambla una delle arterie centrali sia del traffico pedonale che veicolar...
DEApress . 26 Aprile 2017
Pasquale Abatangelo “Correvo pensando ad Anna” recensione di Davide Steccanella   “I dannati della terra” di Frants Fanon, pubblicato in Francia nel 1961 con la prefazione di Jean Paul Sarte, è stato, ha detto l’ex dirigente del Black P...
DEApress . 26 Aprile 2017
Cerchiamo opinions leader Vi aspettiamo ! La redazione D.E.A.press ri-apre le porte a chiunque voglia contribuire alle sue attività socialmente utili e per sostenere una informazione indipendente e partecipata!
Silvana Grippi . 26 Aprile 2017
    5x1000 al Centro D.E.A. è un benefit per la società L'Associazione D.E.A. onlus (Didattica-Espressione-Ambiente) lavora con volontari/e - fin dal 1987 - per una società migliore, libera e informata Destinarci il tuo 5X1000 per l...
Silvana Grippi . 25 Aprile 2017
25 Aprile 1945/2017 - Cosa è cambiato e come festeggiamo la memoria della liberazione dal nazifascismo? Voglio iniziare con una frase di Enzo Biagi che mi sembra appropriata: "Ciò che hai fatto non sarà dimenticato. Né i giorni, né gli uomini posson...
Silvana Grippi . 24 Aprile 2017
  REGGIO EMILIADAL 5 MAGGIO AL 9 LUGLIOFOTOGRAFIA EUROPEA 2017XII edizioneMappe del tempo. Memoria, archivi, futuroGiornate inaugurali 5-6-7 maggio 2017 Le principali istituzioni culturali della regione e le sedi espositive della città...
DEApress . 24 Aprile 2017
Riceviamo e pubblichiamo: Sabato 29 aprile 2017, ore 17.30 Ristorante Caffetteria La Loggia Piazzale Michelangelo, Firenze DIALOGO SUL CONTEMPORANEO a partire dalla figura di Lara Vinca Masini con Antonio Natali e Adolfo Natalini introduce Simone Si...
DEApress . 24 Aprile 2017
Riceviamo e pubblichiamo: 25 aprile e Primo maggio, Cgil-Cisl-Uil Toscana di categoria proclamano lo sciopero nel commercio. “Dopo Pasqua e Pasquetta, un altro no al sempre aperto” Firenze, 24-4-2017 - “In occasione di Pasqua e Pasquetta abbiamo as...

Galleria DEA su YouTube

Social Share Buttons