DEApress

Monday
Aug 20th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

"Na'nticchia" is back! Il maestro del panino si trasferisce in Morgani.

E-mail Stampa PDF

26993979_2455144758043534_9112837142132225818_n.jpg
L'anno nuovo porta buone notizie per i buongustai di Firenze Nord. Udite udite, dopo un anno e mezzo di stop, la storica panineria "Na'nticchia" riapre i battenti in via Taddeo Alderotti 8/r (angolo Hotel Careggi), proprio dietro il Polo Universitario di Morgagni ed a pochi minuti dai vecchi e affezionatissimi clienti di Novoli.

Da queste parti, infatti, sono davvero in pochi a non conoscere il "piacere del panino" di Eugenio, cosentino di origine, che dall'ormai lontano 2003 fonde i sapori forti della tradizione gastronomica contadina calabrese con la cultura fiorentina del panino. Così – a pane e 'nduja"i' Calabrese" ha sfamato generazioni di studenti e non solo. Ebbene, non si dica che a Firenze non si può mangiare bene spendendo il giusto! Chi, come il sottoscritto, ha vissuto gli anni universitari in quel di Novoli, ricorda bene l'arte di destreggiarsi tra i vassoi della mensa o, in alternativa, cafè e supermarket radical chic sorti come funghi sull'onda della "riqualificazione" del quartiere. Risultato: code sfiancanti e rapporto qualità-prezzo non proprio benevolo.

Invece, per chi amava l'autenticità delle cose buone fatte alla vecchia maniera c'era "Na'nticchia". Un'espressione che in dialetto calabrese indica una "piccolissima quantità" di qualcosa. In realtà, nulla di più lontano dalle notevoli dimensioni di sfilatini e schiacciate custodite in una grande cesta di vimini e dalla generosità del companatico. All'ora di punta, la vecchia latteria che ospitava "Na'nticchia" diventava un chiassoso brulicare di avventori, un formidabile luogo di incontro animato da mille voci, chiacchiere e battute, senza dimenticare gli immancabili dibattiti sulla buona cucina, ispirati ovviamente dalla vista del lungo bancone ricolmo di salumi, formaggi, verdure e salse assortite.

23795775_1515554958526548_6586740203879243280_n.png

L'insieme di questi elementi sapientemente dosati ha fatto entrare il panino di Eugenio nel Pantheon dello street food fiorentino – e non mi riferisco certo a quello posticcio spenna-turisti – accanto a i' Lampredotto, la schiacciata di' Vianino o i migliori kebab. Ma forse "Na'nticchia" ha una marcia in più, che non sta solo nella qualità del cibo e nei prezzi low-cost, ma nell'atmosfera familiare a metà tra l'osteria e la fiera di paese, nell'allegra spensieratezza che vi si ritrova e nella cultura dell'ospitalità e dell'abbondanza, trasportate fin qui dalla lontana terra del Sud. Preparatevi, dunque, ad un istrionico ristoratore che conosce tutti i suoi clienti per nome, con i quali ama conversare e dei quali sa leggere i gusti, amalgamando gli ingredienti giusti per assemblare il panino perfetto per ognuno di essi.

La notizia della chiusura dello storico esercizio, un anno e mezzo fa, è stata perciò un duro colpo per molti. Ma oggi "Na'nticchia" è di nuovo in pista con i suoi cavalli di battaglia. Uno dei pochi posti – se non l'unico – dove poter gustare la celebra 'Nduja di Spilinga o la Stracciatella pugliese, ma anche la schiacciata con la Finocchiona toscana e ancora capicollo, spianata piccante, prosciutti, pecorini, caciocavallo e molto altro, il tutto condito da ottime salse, tra cui quelle piccanti preparate a mano con i peperoncini calabresi.

Infine, qualche piccolo consiglio per chi appresta ad entrare nel mondo di "Na'nticchia": primo, se non riuscite a scegliere tra i prodotti del suo bancone lasciate fare a lui, non ne rimarrete delusi. Secondo, se vi piace il peperoncino non sfidatelo dicendo che lo mangiate a colazione o pavoneggiandovi per quella volta quando per scommessa lo avete mangiato a morsi, altrimenti rischiate di pentirvene sul serio!

Share

Ultimo aggiornamento ( Giovedì 18 Gennaio 2018 13:01 )  

Concorsi & Festival

Ultime Nove

Silvana Grippi . 18 Agosto 2018
  Firenze, Palazzo Vecchio ore 11.30 Tanti auguri a Lara e Roberto per il loro matrimonio
Silvana Grippi . 17 Agosto 2018
La musica degli anni settanta e Claudio Lolli - due ricordi indelebili "siamo noi a far bella la luna..riprendiamoci la vita, la terra, la luna e l'abbondanza..." Claudio Lolli è nato a Bologna il 28 marzo 1950 è morto oggi...
Silvana Grippi . 17 Agosto 2018
In Sudan le vie stradali molto spesso non sono percorribili a causa delle piogge e quindi in alternativa come mezzo di trasporto c'è la piroga. Questa volta purtroppo la situazione è stata fatale a ventiquattro bambini che stavano andando a scuola e ...
Marco Ranaldi . 16 Agosto 2018
  Sembra ferma l'acqua chiara, ma si muove piano piano. Incomincia a fremere, ha voglia di correre. Vibrazioni dell'anima, che incomcio a conoscere. Emozioni semplice, che comunque abituano la nostra età ad andar sempre dove il cuore vuol...
Silvana Grippi . 16 Agosto 2018
Tante sono le domande che dobbiamo porci dopo questa tragedia dei ponti che cadono ma, secondo me, la più importante è:. Come si fa a costruire dei ponti in calcestruzzo armato senza verificare quanti anni potranno durare?   Guardiamo insieme...
Silvana Grippi . 16 Agosto 2018
Aretha Louise Franklin ci ha lasciato!   Nata a Memphis, 25 marzo 1942 ha iniziato a cantare all'età di 15 anni ed è diventata un simbolo della musica gospel, soul e R&B. Possiamo considerarla una cantautrice e brava pianista, era sopra...
Silvana Grippi . 14 Agosto 2018
14 agosto ore 12.00 - Un disastro dell' ultima ora - Oggi alle 11.00 circa sull’A10 Genova è crollato il ponte Morandi, ha ceduto il viadotto che attraversa il tratto autostradale ligure. Ora si stanno cercando le vittime dopo si cercheranno le res...
Silvana Grippi . 14 Agosto 2018
  L’ultimo muro dipinto da Zed1 a Montegranaro per Veregra Street Festival, porta il titolo  di ‘Un viaggio per le stelle’.        Così come Zed1 ci ha insegnato, i suoi muri non sono mai semplici disegni, ma fant...
DEApress . 13 Agosto 2018
Carissimo, quella di Sant'Anna non fu l'ultima mascalzonata degli americani, che si trovavano a quel punto a Pisa. Se avessero voluto, in mezz'ora sarebbero arrivati in Versilia. L'11 agosto liberarono Firenze, il 12 lasciarono che i tedeschi ammazz...

Galleria DEA su YouTube

Social Share Buttons