DEApress

Monday
Feb 19th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Scrittori al Vieusseux

E-mail Stampa PDF
    

Verso i 200 anni del Gabinetto G.P. Vieusseux1819 - 2019

SCRITTORI RACCONTANO SCRITTORI

Seconda edizione

Sabato 17 febbraio

Sala Ferri - Palazzo Strozzi, ore 11.00

Federica Manzon racconta Umberto Saba

Il Gabinetto Vieusseux prosegue il suo cammino verso i 200 anni con la seconda edizione di Scrittori raccontano scrittori, un programma di rilettura dei classici del Novecento a cura di Alba Donati e Gloria Manghetti. Il progetto ha il Patrocinio del Comune di Firenze e del Centro per il Libro e la Lettura del Mibact, ed è stato sostenuto e condiviso dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze.Scrittori raccontano Scrittori rientra nel percorso  di avvicinamento ai 200 anni nel Gabinetto Vieusseux. Iniziato nel 2017, e quest'anno alla sua seconda edizione, il ciclo prevede che ogni anno dieci scrittori/scrittrici siano invitati a scegliere un Autore del novecento da raccontare ai ragazzi non prima, però, di aver consultato i preziosi documenti conservati nell’Archivio Contemporaneo del Vieusseux alla ricerca di  qualcosa di nuovo.  Gli scrittori e le scrittrici hanno scelto un autore compagno\a, maestro\a, di cui raccontare la storia, la figura intellettuale, il percorso, la vita, i libri partendo dalla consultazione delle carte conservate in sede. “Abbiamo chiesto agli scrittori di oggi - dice la presidente Alba Donati - una rilettura degli scrittori di ieri fatta a partire da qualcosa di nuovo trovato nei loro appunti, negli scarabocchi, in una variante scritta a margine, in un disegno sul quaderno di appunti. Un gesto importante che offre la possibilità  ai più giovani di venire a conoscenza di quel deposito di ricchezze che è un fondo archivistico.”L’archivio Bonsanti ha più di 150 fondi, “un suggestivo percorso – dice la direttrice Gloria Manghetti – tra autografi, dipinti, libri, oggetti, fotografie, e cimeli vari che ben si prestano a un viaggio della o nella memoria.”. L’obiettivo è portare gli studenti del liceo ad ascoltare 10 lezioni eccellenti, fatte dai migliori scrittori di oggi su 10 scrittori di ieri. Sensibilizzare quindi le giovani generazioni a conoscere da vicino e da dentro la letteratura, e recuperare l'amore per la cultura umanistica.Dopo Mauro Covacich e Antonio Moresco, il ciclo prosegue sabato 17 febbraio con Federica Manzon su Umberto Saba.

Guardando a Saba come a un esponente emblematico della cultura triestina di quel momento magico che fu l’inizio Novecento, Manzon rifletterà sul potere che i luoghi hanno nelle nostre vite. Trieste è infatti una città poco indulgente, città di frontiera che fugge l'identità e ha il suo tratto distintivo nella commistione e nell'indeterminatezza. E proprio il bisogno di fuggire da una città che gli era intimamente vitale e la conseguente peregrinazione continua sono per Manzon solo alcune delle molte contraddizioni che rendono Saba una figura di artista iper contemporaneo. In una lettura narrativa e biografica dell’opera del poeta, passando attraverso l’esoterismo, la psicanalisi e i simbolisti russi, la scrittrice cercherà di dare corpo a quell’ inafferrabile aria dell’est che significa ancora così tanto per la letteratura.


I prossimi incontri: Giorgio Vasta su Giuseppe Fenoglio (24/02), Maria Pia Veladiano su Eugenio Montale (3/03),  Michele Mari su Carlo Emilio Gadda (10/03), Alessandro Zaccuri su Carlo Betocchi (17/03), Francesca Manfredi su Dino Buzzati (24/03), Valeria Parrella su Anna Maria Ortese(07/04), Alessandra Sarchi su Paolo Volponi (14/04).
Federica Manzon è nata nel 1981 a Pordenone, vive e lavora a Milano. Ha vissuto molti anni a Trieste, dove ha studiato, laureandosi in Filosofia contemporanea. E’ autrice di Come si dice addio (2008, reportage narrativo), Di fama e di sventura (2011, Premio Rapallo Carige per la Letteratura Femminile e il Premio Campiello Selezione Giuria dei Letterati) e La nostalgia degli altri (2017). Attualmente è editor della Narrativa Straniera a Mondadori. Collabora con l’organizzazione del festival letterario Pordenonelegge, il quotidiano di Trieste "Il Piccolo" ed è redattrice della rivista letteraria “Nuovi Argomenti”.

 

Umberto Sabanome di penna di Umberto Poli, nasce a Trieste nel 1883. Per omaggiare le radici ebraiche materne si firmò poeticamente cambiando il cognome con “Saba”, che in ebraico significa “nonno”. Nel 1903 si stabilisce a Pisa per frequentare l’Università, ma nell’estate dell’anno successivo torna nella città natia a causa di una forte depressione. Nel 1910 viene pubblicataPoesie, subito succeduta da Coi miei occhi Nel 1911 sposa Lina da cui avrà una figlia.Nel 1913 la famiglia Saba emigra a Bologna e l’anno dopo a Milano. Dopo la prima guerra mondiale apre a Trieste una piccola libreria antiquaria che gli consentirà di vivere modestamente e di dedicarsi alla produzione poetica. Nel 1921 esce la prima edizione del Canzonierecui seguono le altre fino a quella definitiva pubblicata nel 1961, dopo la morte dell’autore. Nel 1938 deve lasciare Trieste per Parigi a causa delle leggi razziali e, tornato in Italia l’anno successivo, cerca rifugio prima a Roma e poi a Firenze. Nel 1943 viene pubblicata la raccolta Ultime cose, che verrà poi rieditata da Einaudi nel 1945. Neldopoguerra si trasferisce a Milano dove collabora colCorriere della sera per circa dieci anni e pubblica con Mondadori Scorciatoie e raccontini, e successivamente laStoria e cronistoria del CanzoniereMuore a Gorizia nel 1957.


I progetti sono stati pensati per le scuole medie superiori. Ogni incontro sarà seguito da un massimo di due classi.  Gli incontri saranno comunque aperti al pubblico fino a esaurimento posti.

Scrittori_raccontano_scrittori_2018.jpg

GABINETTO G.P. VIEUSSEUX
Palazzo Strozzi / Firenze UFFICIO STAMPA
Coordinamento e comunicazione
Debora Ercoli d.ercoli@vieusseux.it
3490907797Attività Culturali 055 288342
Lucia Pastacaldi l.pastacaldi@vieusseux.it
Franco Zabagli f.zabagli@vieusseux.it
www.vieusseux.it

 

Share

Ultimo aggiornamento ( Lunedì 12 Febbraio 2018 13:34 )  

Concorsi & Festival

Ultime Nove

DEApress . 19 Febbraio 2018
FOOD FOREST CAMPING Corso residenziale teorico pratico di progettazione e realizzazione (in parte) di una food forest di 60 metri per 10 che includerà una serie di piccole piazzole per campeggiare completamente autonome da un punto di vista idric...
Piero Fantechi . 19 Febbraio 2018
Università di Firenze, Architettura si racconta Fino a venerdì 23 “Dida Research Week”, incontri con docenti e ricercatori Città collegate da piste ciclabili sopraelevate, spazi di coabitazione, design a prova di terremoto. Dove sta andando l’a...
Piero Fantechi . 19 Febbraio 2018
Giovedì 22 febbraio, dalle ore 19.30, a Siena lo spazio di Cacio & Pere ( via dei Termini 70) ospita un appuntamento all’insegna delle contaminazioni culturali La non violenza come risposta alla guerra: a Siena i fotografi di Life in Syria pre...
Silvana Grippi . 19 Febbraio 2018
Work in Progress DEA - Free Entry   Eccovi le iniziative in programma marzo-aprile 2018 Corsi, Seminari e Laboratori Storia della Fotografia, Montaggio Video. Grafica: Adobe photoshop (post produzione e Adobe Indesign (editing) Eventi Acc...
DEApress . 19 Febbraio 2018
    Il Centro Studi DEA onlus ha finito il lavoro di Ricerca sulla pubbliczione "Processo Batacchi". Atti a cura di G. Nerbini, Editore -1900. 10 centesimi - Note e commenti di Eugenio Ciacchi. Hanno collaborato: Gianni Bro...
Fabrizio Cucchi . 19 Febbraio 2018
  Ci sono molte esperienze, in vario grado “incomunicabili”, ossia esperienze che non possono essere efficacemente descritte a chi non le ha provate. L’esperienza della detenzione è tra queste. Salvatore Ricciardi, il quale è passato attraver...
Silvana Grippi . 19 Febbraio 2018
Una città che vive ai margini: Firenze   Fotonarrazione di Silvana Grippi       Fot. 1 Futuro deserto     Foto 2 - L'angelo vendicatore           Foto 3 - Bar fallito &nbs...
Lara Fontanelli . 19 Febbraio 2018
  VERI Volontari negli Ecovillaggi della Rete Italiana ·  PANTA REI Il progetto Panta Rei nasce con la volontà di recuperare un’area agricola abbandonata e degradata, ma con forti potenzialità. L’idea m...
Silvana Grippi . 19 Febbraio 2018

Galleria DEA su YouTube

Social Share Buttons