DEApress

Tuesday
Dec 11th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Karl Stengel - Galleria ZetaEffe - DI-SEGNI

E-mail Stampa PDF

PROSEGUE ALLA GALLERIA ZETAEFFE DI FIRENZE LA MOSTRA DI KARL STENGEL  DI-SEGNI

“(…) Io sono dell’opinione che non contino il tipo di formazione che un artista ha ricevuto, né il numero delle sue mostre, ma solo la sua creazione, il suo lavoro. Il mio consiste in uno sforzo continuo e onesto di conferire forma ed espressione nella maniera migliore e persuasiva, a ciò che vuole e deve assumere forma, a ciò che la vita mostra a me e a tutti noi e può giungere a un’espressione più intensa attraverso un’immagine, un’immagine che può essere un dipinto, una scultura, disegno, collage o altro (…)”

-Karl Stengel-

Questi disegni sono un diario di immagini – di estratti di quotidianità – che l’autore ha fissato e mette a disposizione dell’osservatore e se ne appropri e li abiti. Il segno è scultoreo ma non imbriglia il furore espressivo che, nella bella intuizione di Ed Mc Conmack, “ha una freschezza quasi da Art Brut”.

-Ivan Teobaldelli-

Davanti  ai disegni di Karl Stengel si capisce anche come la tradizionale limitatezza espressiva di questa tecnica non sia affatto un limite, ma come anzi essa sia propriamente un veicolo di immediatezza e pienezza allo stesso modoin cui sanno esserlo solo alcune forme della danza contemporanea o del jazz. Come in queste discipline anche nei disegni di Stengel appare subito evidente come l’antinomia astratto/figurativo abbia in realtà bene poco senso.

-Prof. Alessandro Tempi-

Karl Stengel nacque nel 1925 a Neusatz/Novisad, città sulle rive del Danubio, allora Ungheria.

Ancora in età scolare venne arruolato nell’esercito e alla fine del 1943 in tutta la sua compagnia venne fatto prigioniero dei russi. E, scherzo della sorte, proprio nel lager siberiano dove era rinchiuso, Karla Stengel ebbe la sua prima mostra: un ufficiale russo lo vide disegnare in una pausa di lavoro con un pezzo di carbone su un sacco di cemmento vuoto e gli chiese di ritrarre lui e i suoi colleghi russi. Era il 1944.

 

Galleria ZetaEffe

Via Maggio 47 Rosso

50125 Firenze

www.galleriazetaeffe.com

Share

Ultimo aggiornamento ( Martedì 03 Luglio 2018 17:59 )  

Concorsi & Festival

Ultime Nove

Silvio Terenzi . 11 Dicembre 2018
JOHNNY CASINI"PORT LUIS" "Dark Sunglasses" - OFFICIAL HD Da Correggio al resto del mondo dirmmo noi. Dall'Italia troppo impegnata a rispettare le mode fino all'America sognata e realmente vissuta al seguito di figure leggendarie come Phil Manzane...
Silvana Grippi . 11 Dicembre 2018
Silvana Grippi . 11 Dicembre 2018
Premio Nobel per la pace a Nadia Murad e Denis Mukwege        Premio assegnato all'attivista yazida irachena e al medico congolese lo scorso 5 ottobre.  La consegna nel giorno in cui si celebrano i 70 anni della Dichiaraz...
Piero Fantechi . 11 Dicembre 2018
Nel mese di Dicembre c/o il Centro Socioculturale D.E.A., via degli Alfani 16/r MERCATINO DI NATALE Oggetti Vintage, Arte, Artigianato, Riciclo, Libri, Fotografie PER I VOSTRI REGALI In foto un esempio di autoproduzione dei nostri soci: riciclagg...
Piero Fantechi . 11 Dicembre 2018
Giornata Mondiale dei Diritti umani Ieri 10 Dicembre in occasione della Giornata Mondiale dei Diritti Umani si è tenuta presso la sede del Quartiere 5 alla Biblioteca Filippo Buonarroti in Villa Pozzolini, la presentazione del libro fotografico di...
Silvana Grippi . 10 Dicembre 2018
Piero Fantechi . 10 Dicembre 2018
Identità Sahrawi – Il senso del vivere di Silvana Grippi LIBRO FOTOGRAFICO Immaginatevi di uscire di casa. Dovete fare spesa? Avete bisogno di un farmaco? Qualcosa da vestire? O magari siete studenti e rinnovate la quotidiana assonnata migrazion...
Silvana Grippi . 10 Dicembre 2018
Segnalo questo articolo su di un giovane del Ghana che si è ucciso per disperazione.    Ha finito la sua odissea alla ricerca dell'accoglienza in un locale degradato dove si riparava dal freddo la notte. Un giovane del Ghana, 35 anni, è s...
Piero Fantechi . 10 Dicembre 2018
  Una truffa a quattro ruote che non conosce età. È quella del contachilometri, manomesso dal rivenditore per piazzare un'auto usata ad un prezzo molto più alto. Vecchio e noto, questo raggiro sembra non risentire del passare d...

Galleria DEA su YouTube

Social Share Buttons