DEApress

Saturday
Nov 17th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Il DNA degli antichi Longobardi

E-mail Stampa PDF

Ricerca_DNA_Longobardi.jpg

 

Primo studio internazionale sul DNA dei Longobardi

Analizzate le sepolture in due siti in Italia e Ungheria

Pubblicazione su Nature Communications guidata dall’Università di Firenze, dal Max Planck Institute di Jena  e da atenei USA

Realizzato per la prima volta uno studio del genoma completo di individui appartenenti alle popolazioni barbariche Longobarde. 

La ricerca sul DNA degli antichi Longobardi è stata condotta su 63 campioni provenienti da due cimiteri del VI secolo d.C. – a Szólád in Ungheria e a Collegno (TO) in Italia –, a cura di un team internazionale guidato da ricercatori del Dipartimento di Biologia dell’Università di Firenze, del Max Planck Institute di Jena, dell’Università Stony Brook di New York e dell’Institute for Advanced Study di Princeton (New Jersey). 

Lo studio - che ha coinvolto in un’ottica interdisciplinare antropologi, genetisti, storici ed archeologi ed è stato pubblicato su Nature Communications (“Understanding 6th-century barbarian social organization and migration through paleogenomics" DOI: 10.1038/s41467-018-06024-4) - getta nuova luce sulle invasioni barbariche, un momento chiave della storia europea ancora poco conosciuto anche a causa delle molteplici interpretazioni delle fonti scritte , e  contribuisce alla ricostruzione storica della vita delle comunità longobarde e della loro interazione con le popolazioni locali.

“L’esame delle sepolture – spiega David Caramelli, capo del team fiorentino composto anche dalle ricercatrici Stefania Vai, Martina Lari e Alessandra Modi – suggerisce che entrambe le comunità contenevano un mix di individui con background genetici diversi”. Infatti, individui sepolti insieme a elaborati corredi funebri – spade e scudi per gli uomini, collane di perline e spille per le donne – hanno rivelato un’eredità genetica associata ai moderni europei centro-settentrionali, oltre che il consumo di una dieta alimentare ricca di proteine. Mentre altri individui, con genomi più simili a popolazioni attuali del sud Europa, erano accompagnati nella sepoltura da una minore abbondanza di beni ed erano caratterizzati da un regime alimentare più povero.

La ricerca sul DNA ha consentito di ricostruire l’elenco completo degli ascendenti delle persone sepolte: ambedue i cimiteri, a più di 1000 km di distanza, erano organizzati attorno a uno/due grandi gruppi di parenti, la maggioranza dei quali individui di sesso maschile, con ricco corredo armato e riconducibili al ceppo centro-settentrionale. “I dati ricavati – commenta Caramelli,  docente di Antropologia all'Università di Firenze  - sono compatibili con l’ipotesi della migrazione a lunga distanza dei longobardi dalla Pannonia (la moderna Ungheria) all’Italia settentrionale nel VI secolo d.C. e comprovano il mescolamento non solo culturale ma anche genetico dei barbari con le popolazioni italiche, a parziale correzione di una lettura storica dell’insediamento longobardo, che sottolineava un netto distacco fra le popolazioni germaniche e quelle locali”.

Lo studio, partecipato da numerose istituzioni di ricerca internazionali, ha visto il contributo anche dell’Università di Padova, dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e degli atenei di Sassari e Ferrara.

“Mentre sono ormai numerosi gli studi sul DNA antico dei nostri progenitori preistorici, questa ricerca costituisce il primo studio genomico completo sulle popolazioni barbariche longobarde – ha concluso Caramelli – ; da anni la scuola fiorentina costituisce un punto di riferimento internazionale nell’analisi sul DNA antico”.

 

Share

 

Concorsi & Festival

Ultime Nove

DEApress . 16 Novembre 2018
Un viaggio straordinario dentro il futuro dell’umanità, nel cuore del Cern, al confine tra Francia e Svizzera, non solo il più grande laboratorio al mondo di fisica delle particelle, ma una vera e propria cittadella, dove menti bri...
DEApress . 16 Novembre 2018
Palazzo Medici Riccardi presenta la mostra 'Banksy. This is not a photo opportunity', a cura di Gianluca Marziani e Stefano S. Antonelli, promossa e prodotta dall’Associazione MetaMorfosi, con il Patrocinio della Città Metropolitana di Firenze, il so...
DEApress . 16 Novembre 2018
Oltre 50 ore di musica in più di 50 luoghi della cultura per 80 appuntamenti, tutti a ingresso gratuito: sabato 1 e domenica 2 dicembre Firenze si trasforma in un grande palcoscenico per la terza edizione di Strings City, il primo...
DEApress . 16 Novembre 2018
BIBLIOTECA DELLE OBLATE VIA DELL’ORIUOLO 24 - FIRENZE MARTEDÌ 27 NOVEMBRE 2018   TAVOLA ROTONDA   RINASCITA DELLA LOGGIA NEOPLATONICA DI CAREGGI     Recupero e valorizzazione di un bene pubblico con l’utilizzo in si...
Silvana Grippi . 15 Novembre 2018
Mobilitazione generale contro il DDL Pillon - Facoltà di lettere, Università degli studi di Firenze - 15 Novembre Foto di Silvana Grippi/ Archivio DEA  
DEApress . 14 Novembre 2018
VIII edizioneArte design artigianato e cultura contemporanea in Via Maggio e dintorni1 – 24 dicembre 2018 In occasione della VIII edizione di CONTEMPORANEAMENTE. Arte design artigianato e cultura contemporanea, a Firenze d...
Silvio Terenzi . 14 Novembre 2018
FRANCESCO CAMIN"PALINDROMI" "TARTARUGHE" - Official HD Appena 8 inediti per dimostrare capacità e freschezza. Un esordio a tutti gli effetti quello che corona la carriera ancora giovane ma ricca di soddisfazioni di Francesco Camin. Si intitola ...
DEApress . 14 Novembre 2018
Da ottobre a Novembre la Galleria D.E.A. e l'agenzia di stampa DEApress hanno organizzato una serie di incontri, ospitati alcuni dalla Sala Espositiva LIFE Architetture, Architetto Lino Ferrieri, e altri presso la nuova sede di via Alfani 16/R a...

Galleria DEA su YouTube

Social Share Buttons