DEApress

Wednesday
Apr 26th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Pio Baldelli

E-mail Stampa PDF

DEApress Archivio 2017 -
Abbiamo trovato all'usato questo raro libro "Il cinema per l'Uomo" a cura di Renato May, che riporta gli atti ufficiali della seconda settimana cinematografica dei cattolici italiani, svoltasi ad Assisi dal 26 settembre al 2 ottobre 1966 Tra i relatori, Pio Baldelli 

FullSizeRender_5.jpg

Visualizzazione di FullSizeRender.jpg

Qui di seguito un articolo, scritto da Gianni Quilici poco dopo la morte di Pio Baldelli, richiama l'attenzione su una parte importante degli interessi del maestro Baldelli che viene raramente presa in considerazione.

"Le sue lezioni al Magistero erano affollatissime. Perché erano un evento. E l'evento era, innanzitutto, lui: Pio Baldelli. La sua capacità di essere anche spettacolo.

Baldelli, infatti, non era soltanto l'insegnante, era, soprattutto, l'artista, che riusciva a creare, attraverso la parola, una tensione intellettuale fortissima. Una parola mai convenzionale, casuale, ma energica, elegante, precisa, metaforica e secondo le esigenze appassionata, sarcastica, velenosa; una voce potente, chiara e modulata da un ritmo musicale che ne conosceva i cambiamenti, le toccate e le fughe, secondo un'arte retorica, si intuiva, studiata e consumata. Soprattutto poteva fare affermazioni coraggiose, spregiudicate, provocatorie per il potere o per i poteri, esponendosi in prima persona, perché ciò che diceva era sempre documentato, analizzato, elaborato.

Non stupisce quindi che la cultura di massa dell'informazione televisiva e cartacea abbia sostanzialmente ignorato la sua morte; ciò che mi ha sorpreso è la convenzionalità con cui, anche i giornali della sinistra, l'hanno accolta. L'unico articolo da me letto (considerando anche il Web), che un po' rimanda alla grandezza di Baldelli è apparso (solo) su l'Unità regionale toscana a firma di Omar Calabrese.

Ma ciò che è più sconcertante (per me) è il silenzio su Pio Baldelli critico cinematografico, perché è forse questo il lascito più grande e duraturo del suo patrimonio di studioso a tutto campo.

Aggiungo che non mi stupisce: Baldelli da tempo è ignorato dalla critica giovane e meno giovane. Difficile trovare in un libro di cinema uscito in questi anni una citazione, una presenza nelle bibliografie, anche quando si ragiona su film e registi da lui studiati.
Perché? La risposta estremamente schematica è: molta della critica, oggi come ieri, o è impressionistica (si basa su considerazioni così poco motivate dal testo da essere facilmente rovesciabili) oppure di tipo ideologico-filosofico (un tempo il condizionamento era politico).

Baldelli, invece, è stato uno studioso meticolosissimo dell'intero corpo filmico o di qualsiasi altro oggetto di meditazione preso in esame ed insieme un critico militante, che ha esplorato nella teoria e nella pratica forme e contenuti di un cinema e, più in generale, di un'informazione altra (rileggersi le pagine illuminanti del suo libro più famoso Informazione e contro informazione (mazzotta editore). La sua disamina di un film è sempre stata molto documentata (genesi di un'opera e suoi propositi e difficoltà, panorama critico) e geniale, perché sapeva cogliere, con una prosa molto visiva, la forza, ma anche le cadute e le ragioni estetiche, culturali di ciò.

Basta leggersi i suoi libri Luchino Visconti, Roberto Rossellini e in Cinema dell'ambiguita I e II, ciò che scrive su Antonioni e Bergman per accorgersi di quanto siano poco confutabili le critiche, che già allora rivolgeva a film celebrati, di cui pure riconosceva la grandezza come, per citare alla rinfusa, Rocco e i suoi fratelli, Francesco giullare di Dio, La dolce vita o le acutissime osservazioni anche sociologiche di un film abilissimo, ma sopravvalutato come Per un pugno di dollari.

Per questo riscoprire Pio Baldelli è anche ripensare la critica, il cinema e la sua storia, è ripubblicare la sua opera e quella parte, credo considerevole, rimasta nei cassetti.
* da La linea dell'occhio 54

BIOGRAFIA

Pio Baldelli (Perugia, 1923 – Firenze, 20 giugno 2005) è stato uno scrittore e giornalista italiano, teorico della comunicazione di massa, pioniere in Italia del concetto di controinformazione.
E' allievo di Aldo Capitini. Si trasferisce da Perugia a Firenze nei primi anni '70, occupando la cattedra di storia del cinema all'Università degli Studi di Firenze. Lega il proprio nome a innumerevoli volumi di critica del cinema e argomenti sociali e culturali.

L'opera più importante è "Informazione e Controinformazione" (1972), testo che risale al momento in cui diviene docente di teoria e tecnica delle comunicazioni di massa. Baldelli diviene un punto di riferimento per i giovani del cosiddetto Movimento Studentesco. Teorico della non-violenza, del pacifismo, accetta di diventare direttore responsabile del periodico Lotta Continua (alla cui organizzazione non sarà mai affiliato)[1].

Per tale periodico, scrive articoli in difesa dell'anarchico Pinelli; articoli per i quali viene denunciato dal commissario Calabresi[1]. Baldelli approfondisce gli studi sui rischi legati ai grandi mezzi di comunicazione e, proprio su queste basi, decide di sposare la causa delle prime radio e televisioni private; per questa ragione decide di concedere la propria firma di giornalista o anche di accettare la direzione responsabile di alcune testate fiorentine, come Controradio, Centro D.E.A. e DEApress.  Tra il 1980 e il 1983 è deputato eletto nelle file del Partito Radicale.

Opere

* Sociologia del cinema. Pubblico e critica cinematografica. 1963.
* Film e opera letteraria. 1964.
* I film di Luchino Visconti. 1965.
* Comunicazione audiovisiva e educazione. 1967.
* Politica culturale e comunicazioni di massa. 1968.
* Cinema dell'ambiguità. 1969.
* Cinema e lotta di liberazione. 1970.
* Educazione e cinema. 1970.
* Informazione e controinformazione. 1972. Riedito come Informazione e controinformazione. Ediz. integrale. Stampa Alternativa, 2006. ISBN 9788872269190.
* Roberto Rossellini. 1972.
* Luchino Visconti. 1974.
* Charlie Chaplin. 1977.
* Cybercomunicazioni e spazi pubblicitari. 1993.
* Nuovi alfabeti e scuola analfabeta. Tempi di cambiamento: verso il 2000. 1994.
* Mass media e violenza. 1996."

Mi piace riportare anche due commenti all'articolo di Quilici:

"Ricordo con affetto le lezioni di teoria e tecnica delle comunicazioni di massa di Pio Baldelli alla Facoltà di Magistero a Firenze, lezioni in cui spaziava a 360 gradi, dalla musica popolare alla politica. Memorabili le sue classificazioni dei vari politicastri italiani e il racconto del suo incontro, anzi scontro con Craxi nel transatlantico di Montecitorio, quando il tracotante pronunciò:"Baldelli me la pagherai!". Per una volta almeno nella storia ha poi pagato invece chi doveva pagare davvero. E poi quel giorno – non mi ricordo quale delle infinite guerre era cominciata – Pio arrivò a lezione – per qualche problema facemmo lezione in corridoio! – e aprì leggendo una filastrocca di Gianni Rodari sui bambini del mondo...
3 Aprile 2009 - Roberto Costa, 

....Isabella è stata la sua dolce compagna fino alla fine dei suoi giorni.Chi come me ed altri (pochi amici) ha vissuto con lui negli ultimi anni della sua vita...conosce il problema della sua solitudine e come egli fu negato dalla storia fiorentina per non essere stato massone, autoreferenziale e tronfio come i suoi colleghi docenti. Pio Baldelli nella sua vita fu un docente emerito, grande critico cinematofico e disse sempre ciò che pensava: schietto, sincero e molto critico. Ebbe tanti nemici ma anche molti amici.
Aprile 29, 2009 -  Silvana Grippi

Sono stato uno studente dell'Accademia di Belle Arti di Firenze dal 1972 al 1976 e in quegli anni Pio Baldelli teneva un corso di "Comunicazioni di massa". Un professore di quelli rari, lucido, puntuale, che ti proponeva una lettura delle opere difficilmente confutabile, "rivoluzionario" in ciò che sosteneva e nei modi in cui lo faceva; sempre dalla parte di chi era in difficoltà. Lo seguivamo anche alle lezioni che teneva a Magistero: affollatissime; "Il settimo sigillo", "Ossessione", "Il grido", "Il cinema sperimentale"... poi te lo ritrovavi di fianco alle manifestazione studentesche. Era il professore che diventava anche maestro.
 9 gennaio 2012 - Paolo Turchi

E' morto Pio Baldelli storico del cinema - la Republica

Storico del cinema, docente di teoria e tecnica delle comunicazioni di massa. Voce libera e trasversale dell' opposizione. Pio Baldelli è morto ieri a Firenze. Aveva ottantadue anni, era ricoverato all' ospedale di Santa Maria Nuova. Chi frequentava l' università negli anni Settanta-Ottanta ricorda ancora le sue lezioni nell' ateneo fiorentino con le aule stracolme di studenti alla facoltà di Magistero dove chiamava in cattedra con lui esponenti del mondo politico, del cinema, della cultura, del teatro (da Dario Fo a Marco Bellocchio, a Nanni Moretti). In ateneo ha organizzato per la prima volta una sfilata di moda, come evento di comunicazione. Giornalista pubblicista, ex parlamentare nei primi anni Ottanta, entrò alla Camera con la lista radicale di Marco Pannella, ma come indipendente. E' stato fra i primi studiosi in Italia a interessarsi delle comunicazioni di massa, a indagarne le fenomenologia. Come avevano fatto anche Pierpaolo Pasolini e Adele Cambria, aveva prestato la sua firma per dirigere il quotidiano «Lotta Continua» negli anni incandescenti della morte a Milano dell' anarchico Pinelli. Fu denunciato per diffamazione dal commissario Luigi Calabresi: Pio Baldelli fu anche processato e condannato per alcuni articoli usciti su «Lc», di quelle udienze sono rimasti storici i resoconti firmati da Camilla Cederna. Tra gli scritti di Baldelli, il volume «Informazione e controinformazione» è stato considerato alla fine degli anni Sessanta e in tutti gli anni Settanta, uno dei testi fondamentali sul tema della comunicazione. Prima di arrivare a Firenze, aveva insegnato all' ateneo di Cagliari, era stato allievo di Aldo Capitini e da sempre, Baldelli era teorico convinto della non violenza. Studioso attento ai movimenti giovanili, a tutto il nuovo che si affacciava alla società: quando nascono le prime radio libere, a metà degli anni Settanta, la casa di Baldelli in via dell' Oriolo a Firenze, si affolla di gente, registi, scrittori, giornalisti, giovani pubblicitari interessati a organizzare iniziative legate alle prime radio. Come aveva fatto con «Lotta Continua», Baldelli presta volentieri il suo nome per dirigere le prime emittenti alla ricerca di un direttore responsabile. Per diverso tempo guida ad esempio, Controradio. Domani alle 9, con rito laico, l' ultimo saluto a Baldelli, si terrà alle Cappelle del Commiato. 

Share

Ultimo aggiornamento ( Sabato 18 Febbraio 2017 10:01 )  

Concorsi & Festival

Ultime Nove

Silvana Grippi . 26 Aprile 2017
La libertà d'informazioe è i pericolo, secondo il rapporto 2017 di Reporters Sans Frontieres (RSF), l'organizzazione con base in Francia che vigila sullo stato dell'informazione. L'Italia, è risalita al 52/o, con un balzo di 25 po...
massimo.pieraccini . 26 Aprile 2017
La povertà stà diventando sempre più, purtroppo, un'attualità mondiale. Questa foto che pubblichiamo è stata scattata non molto tempo fa nella lussureggiante Barcellona, sulla Rambla una delle arterie centrali sia del traffico pedonale che veicolar...
DEApress . 26 Aprile 2017
Pasquale Abatangelo “Correvo pensando ad Anna” recensione di Davide Steccanella   “I dannati della terra” di Frants Fanon, pubblicato in Francia nel 1961 con la prefazione di Jean Paul Sarte, è stato, ha detto l’ex dirigente del Black P...
DEApress . 26 Aprile 2017
Cerchiamo opinions leader Vi aspettiamo ! La redazione D.E.A.press ri-apre le porte a chiunque voglia contribuire alle sue attività socialmente utili e per sostenere una informazione indipendente e partecipata!
Silvana Grippi . 26 Aprile 2017
    5x1000 al Centro D.E.A. è un benefit per la società L'Associazione D.E.A. onlus (Didattica-Espressione-Ambiente) lavora con volontari/e - fin dal 1987 - per una società migliore, libera e informata Destinarci il tuo 5X1000 per l...
Silvana Grippi . 25 Aprile 2017
25 Aprile 1945/2017 - Cosa è cambiato e come festeggiamo la memoria della liberazione dal nazifascismo? Voglio iniziare con una frase di Enzo Biagi che mi sembra appropriata: "Ciò che hai fatto non sarà dimenticato. Né i giorni, né gli uomini posson...
Silvana Grippi . 24 Aprile 2017
  REGGIO EMILIADAL 5 MAGGIO AL 9 LUGLIOFOTOGRAFIA EUROPEA 2017XII edizioneMappe del tempo. Memoria, archivi, futuroGiornate inaugurali 5-6-7 maggio 2017 Le principali istituzioni culturali della regione e le sedi espositive della città...
DEApress . 24 Aprile 2017
Riceviamo e pubblichiamo: Sabato 29 aprile 2017, ore 17.30 Ristorante Caffetteria La Loggia Piazzale Michelangelo, Firenze DIALOGO SUL CONTEMPORANEO a partire dalla figura di Lara Vinca Masini con Antonio Natali e Adolfo Natalini introduce Simone Si...
DEApress . 24 Aprile 2017
Riceviamo e pubblichiamo: 25 aprile e Primo maggio, Cgil-Cisl-Uil Toscana di categoria proclamano lo sciopero nel commercio. “Dopo Pasqua e Pasquetta, un altro no al sempre aperto” Firenze, 24-4-2017 - “In occasione di Pasqua e Pasquetta abbiamo as...

Galleria DEA su YouTube

Social Share Buttons