DEApress

Saturday
Sep 22nd
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

1529 LA FINE DELLA REPUBBLICA di FIRENZE : CORRUZIONE

E-mail Stampa PDF

1529  LA FINE  DELLA REPUBBLICA di FIRENZE :  CORRUZIONE



L'assedio di Firenze ( 1529-1530) che tolse a Firenze il suo stato di repubblica, per ridurla a Ducato e poi Granducato della Famiglia Medici  nasce da interessi personali e servili con la conseguenti ad una corruzione .
..................

Giuliano de' Medici, Papa Clemente VII , promise di riconoscere a Carlo V il titolo di “Imperatore del Sacro Romano Impero “  se avesse ordinato al suo potente esercito di assediare  Firenze vincerla e darla in proprietà della Famiglia Medici  dalla quale, per la quarta volta, era stati cacciata.
….................
Carlo V voleva quel titolo. Il riconoscimento dato dal Papa lo faceva prevalere su chi aspirava, come lui ad ottenerlo. Fu così che mandò il suo esercito formato in gran parte di mercenari tedeschi e spagnoli  ad assediare Firenze.
..........
Non soltanto questa fu la sola corruzione politica messa in atto dai Medici per fare  capitolare la città .
…..................
I fiorentini avevano scritto sui muri : Poveri ma liberi.  Questo motto faceva riferimento all'avere donato alla Repubblica tutto l'oro e l'argento personale e  della chiese per sostenere le spese dell'assedio fra cui il costo di Malatesta Baglioni, comandante mercenario della difesa di Firenze.
….................
Firenze assediata dall'esercito più importante militarmente del momento  non soltanto non cedeva ma dimostrava  una capacità di resistenza e di offesa, che danneggiava anche la fama  della potenza militare di chi l'assediava.
…................
Si permetteva  anche di beffeggiare gli assedianti  festeggiando il Carnevale con una partita di calcio in Piazza Santa Croce, che ancora  oggi è ricordata a Firenze con un torneo fra quartieri.
…................
La situazione fu risolta nel modo in cui i Medici era maestri.
Malatesta Baglioni fu corrotto. Gli fu promesso di farlo diventare Duca di una città di suo gradimento, se avesse operato in modo da fare arrendere la città.
…...............
Malatesta tradì tre volte Firenze
La prima quando i fiorentini si erano preparati ad una ben organizzata uscita notturna, era il giorno 11 dicembre , contro gli assedianti.
,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,
Nel momento in cui  i fiorentini guidati da  Fabrizio Colonna, uno dei capitano della repubblica, stava  mettere in atto l'attacco  conclusivo contro gli assedianti.
Malatesta Baglioni fece suonare il corno della ritirata. Rese inutile l'azione
…...................
La seconda volta  fu  quando fece conoscere al comandante degli assedianti, il principe Filiberto d'Orleans che Francesco Ferrucci stava per arrivare in aiuto di Firenze.
Contro questo aiuto marciarono le truppe imperiali in gran numero tolte all'assedio. Lo poterono fare  perché il Baglioni aveva assicurato che non avrebbe approfittato della situazione attaccando il campo militare degli assedianti che sarebbe rimasto sguarnito in particolare, da Bellosguardo al Giramontino.
A Gavinana  non soltanto mori Francesco Ferrucci ma la stessa speranza di aiuto di Firenze.
…..................
La terza volta fu  quando Baglioni dichiarò che avrebbe concordata la resa della città. I fiorentini non approvarono. Malatesta fece girare, dai suoi mercenari, i cannoni  che si trovavano sui bastioni di di San Piero a Gattolina oggi Porta Romana, perché potessero sparare sulla città. Fu la fine della Repubblica di Firenze.

…................
La promessa fatta al Malatesta di farlo Duca non fu mantenuta. Morì di malattia non molto dopo. Nasce il sospetto che non fosse una morte naturale. Lui era la prova vivente di un certo modo di agire della Famiglia Medici.
…..................
 La promessa che Firenze costretta ad arrendersi non avrebbe visto vendette su chi aveva partecipato alla difesa  non fu proprio mantenute. Chi lo aveva fatto non ebbe vita facile. Dante da Castiglione, uno dei capitani famosi nella difesa, fu invitato a Roma dal  Papa che volle complimentarsi con lui.  Purtroppo bevve  qualcosa  che  gli fece male. Morì
-------------------
Michelangelo che aveva curato i bastioni di difesa della città. Pensò bene di nascondersi.
Per molti mesi rimase in un soppalco della Chiesa di San Lorenzo. Il luogo è stato scoperto nel 1979. Nelle pareti ci sono disegni che il Buonarroti tracciò per passare il tempo.

                                                                                            Alessandro Badii
2017

Share

Ultimo aggiornamento ( Mercoledì 31 Gennaio 2018 18:13 )  

Concorsi & Festival

Ultime Nove

massimo.pieraccini . 21 Settembre 2018
       A Firenze si sono dati appuntamento gli studiosi delle università Europee insieme alle autorità ed a coloro che sono in prima linea nella gestione delle emergenze per parlare degli aspetti culturali legati alla gestione d...
Piero Fantechi . 21 Settembre 2018
Al via dal 7 Settembre presso la Sala Dei Marmi al Parterre, l'iniziativa del Centro Studi D.E.A.onlus a favore del Mediterraneo dove artisti, fotografi, poeti, scrittori, scultori, giornalisti, musicisti, attori e registi si incontrano p...
Piero Fantechi . 21 Settembre 2018
    Dal 21 al 23 settembre nel complesso monumentale delle Murate – negli spazi PAC - Progetti Arte Contemporanea, Caffè Letterario Le Murate e Libreria Nardini – si terrà la quarta edizione di Firenze RiVista, festival delle ...
DEApress . 21 Settembre 2018
Arezzo, 20 settembre 2018 - Piero Bruni e Filippo Bagni  due lavoratori morti per asfissia questa mattina all'Archivio di Stato di Arezzo Piero Bruni di 59 anni e Filippo Bagni di 55, entrambi residenti ad Arezzo sono le due vittime d...
DEApress . 21 Settembre 2018
BOGOTA'  - E' stato chiuso, il Museo dedicato alle gesta di Pablo Escobar, in modo temporaneo, fino a quando le irregolarità amministrative riscontrate non saranno risolte". Il museo che esalta la vita e le gesta di Pablo Escobar, il defun...
Silvana Grippi . 20 Settembre 2018
Foto del giorno scelta per voi dall'Archivio storico DEA  In viaggio tra Turchia, Siria e Libano -  Agosto 1998 Foto di Silvana Grippi    
Silvana Grippi . 20 Settembre 2018
  Un morto durante lo sgombero in una foresta contro gli ambientalisti che vivono da cinque anni su casette costruite sui rami degli alberi. Nella foresta di Hambach questa gente cortaggiosa che vuole impedire la deforestazione utile all'e...
DEApress . 20 Settembre 2018
L'Osservatorio nazionale sulla salute della donna (Onda) ha premiato il lavoro di due ricercatrici dell'Università di Firenze con un importante riconoscimento.  Benedetta Nacmias, docente di Neurologia, e Linda Vignozzi, docente di Endocr...
Beatrice Canzedda . 20 Settembre 2018
Il mondo dell'editoria saluta Inge Feltrinell, storica presidente della omonima casa, scomparsa all'età di 88 anni. "Ci lascia oggi Inge Feltrinelli. Condividiamo questo triste momento prendendoci l'impegno di continuare a percorrere la strada d...

Galleria DEA su YouTube

Social Share Buttons