DEApress

Monday
Feb 19th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Editoriale - oggi parliamo di Università

E-mail Stampa PDF

EDITORIALE

Parliamo di università

Quaranta anni di mancanza di lungimiranza legislativa nel settore universitario nazionale ci porta a riconsiderare il problema. Oggi più che mai il dislivello è invalicabile e ci poniamo la seguente domanda: Che differenza c’è tra l’università pubblica e privata?

Le Università pubbliche sono fuori controllo sia amministrativamente che nella ricerca e ne paga le conseguenze la didattica mentre le private, che sono per la maggioranza in mano ad altri paesi, sono aumentate a dismisura e vengono gestite in maggior parte dal luogo di provenienza (Università americane al primo posto).
In questi giorni gli scioperi dei docenti hanno mostrato quanto sia necessario lo sviluppo di nuove energie per la costruzione di vere scuole. La struttura competitiva trascura il concetto di qualità e valore che non passa certamente per la “meritocrazia” che non esiste in quanto sempre relativa.
Favorire la crescita di un sistema misto con offerta universitaria pubblica e privata, rappresenterebbe una novità per il nostro Paese e una introduzione di dinamicità in un mondo che oggi rischia di essere troppo statico. Introdurre come “novità” la chiamata in diretta favorirebbe chi? Non è nuova la modalità esposta in quanto si ritornerebbe alle modalità mistificazioni del curriculum ad hoc e delle conoscenze personali.  Cosa manca in questo contesto?  Un sistema più moderno che possa individuare le nuove prospettive giovanili e creare presupposti per lo sviluppo della cultura e del socialmente utile. Sono perfettamente consapevole che ciò richiederebbe una serie di cambiamenti ma è nelle situazioni di crisi che è indispensabile creare nuovi modelli.
Il sistema universitario italiano è incancrenito e manca di prospettive nell’avvio e nella progressione della carriera dei docenti, nessuna riforma potrà mai introdurre competitività, se la progressione della carriera universitaria è gestita con meccanismi strani e con favoritismi.  Manca una disciplina degli organismi tecnico-scientifici collegati agli Atenei per lo sviluppo dei prodotti della ricerca.
Negli Stati Uniti, ma anche in Europa e, più recentemente, in Asia, molti Atenei pubblici e privati hanno da tempo sviluppato al loro fianco parchi scientifici di prim’ordine, istituzioni che rappresentano, ad un tempo, i terminali della ricerca universitaria e i volani per l’economia e lo sviluppo dei territori.  Le università ricevono un beneficio (anche economico) da tali organismi, si crea occupazione nell’innovazione e si stimola la ricerca scientifica. In Italia sono stati realizzati, spesso con lodevoli intenzioni di partenza, almeno a parole, pallidi e costosi simulacri, non sempre adatti allo scopo. Occorre invece riportare ottimismo, in modo che l’Università, specchio estremo del Paese, diventi crescita che potrebbe rendere - attraverso creatività, innovazione, ottima didattica -  eccellenza il corpo docente che motivi e qualifichi gli studenti, i quali potranno sviluppare crescita culturale e professionale sia durante che dopo lo studio.

Share

Ultimo aggiornamento ( Venerdì 15 Settembre 2017 10:35 )  

Concorsi & Festival

Ultime Nove

Silvana Grippi . 19 Febbraio 2018
             ONLUS                                      Forum AMBIENTE Località Palagione, Via Volterrana 50050...
DEApress . 19 Febbraio 2018
FOOD FOREST CAMPING Corso residenziale teorico pratico di progettazione e realizzazione (in parte) di una food forest di 60 metri per 10 che includerà una serie di piccole piazzole per campeggiare completamente autonome da un punto di vista idric...
Piero Fantechi . 19 Febbraio 2018
Università di Firenze, Architettura si racconta Fino a venerdì 23 “Dida Research Week”, incontri con docenti e ricercatori Città collegate da piste ciclabili sopraelevate, spazi di coabitazione, design a prova di terremoto. Dove sta andando l’a...
Piero Fantechi . 19 Febbraio 2018
Giovedì 22 febbraio, dalle ore 19.30, a Siena lo spazio di Cacio & Pere ( via dei Termini 70) ospita un appuntamento all’insegna delle contaminazioni culturali La non violenza come risposta alla guerra: a Siena i fotografi di Life in Syria pre...
Silvana Grippi . 19 Febbraio 2018
Work in Progress DEA - Free Entry   Eccovi le iniziative in programma marzo-aprile 2018 Corsi, Seminari e Laboratori Storia della Fotografia, Montaggio Video. Grafica: Adobe photoshop (post produzione e Adobe Indesign (editing) Eventi Acc...
DEApress . 19 Febbraio 2018
    Il Centro Studi DEA onlus ha finito il lavoro di Ricerca sulla pubbliczione "Processo Batacchi". Atti a cura di G. Nerbini, Editore -1900. 10 centesimi - Note e commenti di Eugenio Ciacchi. Hanno collaborato: Gianni Bro...
Fabrizio Cucchi . 19 Febbraio 2018
  Ci sono molte esperienze, in vario grado “incomunicabili”, ossia esperienze che non possono essere efficacemente descritte a chi non le ha provate. L’esperienza della detenzione è tra queste. Salvatore Ricciardi, il quale è passato attraver...
Silvana Grippi . 19 Febbraio 2018
Una città che vive ai margini: Firenze   Fotonarrazione di Silvana Grippi       Fot. 1 Futuro deserto     Foto 2 - L'angelo vendicatore           Foto 3 - Bar fallito &nbs...
Lara Fontanelli . 19 Febbraio 2018
  VERI Volontari negli Ecovillaggi della Rete Italiana ·  PANTA REI Il progetto Panta Rei nasce con la volontà di recuperare un’area agricola abbandonata e degradata, ma con forti potenzialità. L’idea m...

Galleria DEA su YouTube

Social Share Buttons