DEApress

Tuesday
Oct 23rd
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Gillo Dorfles - Forza di essere e Alchimia

E-mail Stampa PDF

.

Gillo Dorfles, è morto , teorico e critico d'arte, si definiva uno spirito creativo: artista/scrittore.

Nato a Trieste nel 1910 (quando Trieste faceva parte dell'Impero austro ungarico) da padre goriziano e madre genovese, tra poco avrebbe compiuto 108 anni (12 aprile). Laureato in medicina e specializzato in psichiatria, aveva anche una grande passione per i cavalli, Angelo detto 'Gillo' nei suoi ultimi anni ha scelto e preferito l'attività di pittore senza tralasiare l'impegno come critico e studioso d'arte. Ha insegnato estetica nelle Università di Firenze, Trieste, Venezia e Milano Giovanissimo, affianca ai suoi studi di medicina la sua capacità di scrivere e discutere di arte. Inizierà poi ad insegnare Architettura, Decorazione (Estetica) nelle Università di Firenze, Milano, Cagliari e Trieste. Nel 1948, fu tra i fondatori del MAC (Movimento Arte Concreta) e caposaldo dell'astrattismo. Insieme con Atanasio Soldati, Gianni Monnet e Bruno Munari, è stato tra i fondatori del Mac - Movimento per l'arte concreta e nel 1956 contribuisce alla realizzazione dell'Adi (Associazione per il disegno industriale). Dorfles partecipa in maniera sostanziale al rinnovamento nel dopoguerra dell'estetica italiana, del modo di vedere l'arte e la produzione di oggetti del nostro tempo, attento alla fotografia come alla pubblicità, spesso provando ad affrontare l'aspetto socio-antropologico dei fenomeni estetici e culturali, facendo ricorso anche agli strumenti della linguistica.
Forza di essere : Gillo Dorfles si è preso il lusso di sperimentare di tutto, dalla medicina alla filosofia, l'arte, l'architettura, la musica, la moda. Ha conosciuto tutti i personaggi straordinari di fine novecento: da Italo Svevo (quando era impiegato in una fabbrica di vernici) a Eugenio Montale (intimo amico). A Firenze incontra gli architetti Michelucci, Ricci e Savioli e il docente di comunicazione Pio Baldelli. E’ stato ospite di Frank Lloyd Wright e amico personale di Renzo Piano. Lucio Fontana ( che ha contribuito a lanciare). Ha incontrato Cesare Pavese e altri poeti e scrittori: battibeccato con Salvatore Quasimodo.
Gillo si è occupato di Arte, gusto, miti, mode: decano dei critici italiani e pittore di talento, Dorfles è stato uno straordinario testimone e protagonista del Novecento e oltre''L'arte è l'unica passione a cui sono rimasto sempre fedele, sin dalle prime folgorazioni dell'astrattismo di Klee e di Kandinsky'', ha ripetuto spesso. Anche se l'interesse per la psichiatria, le sue letture attente di Jung e Rudolf Steiner, rimarranno una sorta di filo conduttore in molti suoi scritti. Negli ultimi tempi si era fortemente concentrato sulla passione per l'alchimia.
Una vita spesa a cercare un personaggio o oggetto immaginario “Vitrol“ che nel 2010 la sua attività artistica lo porta ad inventare l'enigmatico personaggio che ha dato il titolo alla sua ultima rassegna e che nasconde nel suo nome uno degli acronimi più usati dagli alchimisti. La sua vitriol, confidava, la vedeva come una pietra "piccola, poco pesante" e forse, chissà, alla fine l'ha anche trovata. Lucido e attivo fino all'ultimo, tanto da partecipare a metà di gennaio 2017 alla Triennale di Milano con la mostra 'Vitriol, Disegni di Gillo Dorfles, che diventerà una summa del suo pensiero artistico, una personale dedicata ai disegni (dal 2010 al 2016)”. “Ho dimenticato metà secolo e sto dimenticando l'altra metà perché voglio vivere nel futuro… Ognuno cerchi il suo Vitrol…Ognuno deve costruirsi il suo Vitriol"… la ricerca della Pietra Filosofale è quella del mistero che sta alla base della vita". Di lui ricorderemo il suo corpo magrissimo e quella sua splendida faccia, scolpita dalle rughe . Il suo segreto, forse proprio l'elisir di lunga vita, che gli ha bella vita vissuta con passione e curiosità per il presente con capacità di essere 'contemporaneo' senza cedimenti, quindi non solo un testimone ma soprattutto figura trasversale e non canonica.

------------------------------------------------------------

Accademico onorario di Brera, Fellow della World Academy of Art and Sciences, Dottore honoris causa del Politecnico di Milano e dell'Universitad Autonoma di Città del Messico, ha ricevuto tantissimi premi, dal Compasso d'oro dell'associazione per il design industriale (ADI) al Premio della critica internazionale di Girona, Matchette Award for Aesthetics . Tantissime le sue pubblicazioni: "Il divenire delle arti" (1959), "Ultime tendenze dell'arte d'oggi" (1961), "Il kitch" (1968), "Le oscillazioni dal gusto" (1970), "Il divenire della critica" (1976), "Elogio della disarmonia" (1976), "Il feticcio quotidiano" (1988), "Conformisti" (1997). La sua bibliografia è enorme come i suoi interessi. In tanti decenni di attività ha scritto monografie di artisti (da Bosch fino a Toti Scialoja), ha pubblicato studi sull'architettura e un saggio che ha fatto epoca sul disegno industriale (Il disegno industriale e la sua estetica, 1963). Con un libro diventato un cult ha insegnato agli italiani cos'è il kitsch (Il Kitsch, antologia del cattivo gusto, 1968). Nel 2012, a 45 anni di distanza dall'uscita di quel testo (pietra miliare per comprendere l'evoluzione del cattivo gusto nell'arte moderna), la Triennale di Milano gli ha reso omaggio con una mostra (Gillo Dorfles. Kitsch oggi il Kitsch) per descrivere il fenomeno in tutte le sue più recenti articolazioni.

........................

Share

Ultimo aggiornamento ( Sabato 03 Marzo 2018 11:52 )  

Concorsi & Festival

Ultime Nove

Piero Fantechi . 22 Ottobre 2018
A San Miniato al Monte si commemora Carlo Lorenzini La recente inaugurazione della mostra “Gernika” nella cripta della Basilica di San Miniato al Monte, precede di pochi giorni un anniversario molto importante: i 128 anni trascorsi dalla morte di C...
Piero Fantechi . 22 Ottobre 2018
POCA CONSAPEVOLEZZA DEI RISCHI DA PARTE DELLE IMPRESE ITALIANE. Grazie al progetto europeo “Life Derris” e al Coordinamento Agende 21 locali italiane, nasce una community di enti locali impegnati a supportarle nella prevenzione e nella riduzion...
Piero Fantechi . 22 Ottobre 2018
L’Associazione “Per Boboli” organizza martedì 30 ottobre 2018 alle 17.30, presso il Teatro del Rondò di Bacco (Piazza Pitti, 1 - Firenze), la conferenza “Il giardino inglese attraverso gli occhi di Jane Austen. Tra wilderne...
Piero Fantechi . 22 Ottobre 2018
  SUCCESSO DI DIDACTA ITALIA 2018 Nella seconda edizione della fiera sulla formazione +23% di biglietti venduti, oltre 23.000 partecipanti a seminari ed eventi, 130 giornalisti accreditati. Più di 100.000 persone raggiunte sui social Firenz...
Silvana Grippi . 20 Ottobre 2018
Tratto da Umanità nuova  Giovanna Caleffi (1897-1962) e Maria Luisa Berneri (1918-1949) sono conosciute come “moglie di” e “figlia di” Camillo Berneri, noto intellettuale antifascista e militante anarchico assassinato dai ...
Piero Fantechi . 19 Ottobre 2018
Ecco i nuovi servizi dell'Archivio fotografico DEApress - Nel nuovo Laboratorio saranno disponibili tessere sconto per soci a partire da Lunedì  Self Service con voce per l'autoproduzione (con spiegazioni vocali). Centro Sociocultural...
Piero Fantechi . 19 Ottobre 2018
Proseguono le iniziative del Centro Socioculturale D.E.A.onluspreviste per il mese di ottobre
Silvana Grippi . 19 Ottobre 2018
La ns. Associazione ha deciso di rivolgersi a giovani e adulti per iniziare a far conoscere DEApress. Eccovi le Giornate di Formazione per giovani che vogliono scrivere in un giornale web. Ogni mese organizzeremo tre mattine per aspiranti volontar...
Silvana Grippi . 19 Ottobre 2018
Sabato 20 Ottobre alle ore 18,00 nei locali del Centro Socioculturale D.E.A.onlus - Firenze Via degli Alfani 16/r PRESENTAZIONE E LETTURE DEL LIBRO: IL PROCESSO BATACCHI

Galleria DEA su YouTube

Social Share Buttons