DEApress

Tuesday
Oct 23rd
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

L'Italia e i suoi porti

E-mail Stampa PDF

L’Italia è una Repubblica parlamentare e la capitale è Roma. Situata nell’Europa meridionale, con una popolazione di 60,6 milioni di abitanti è unita al tronco centro-occidentale del continente europeo dalla catena delle Alpi.

Grazie alla sua posizione, costituisce un ponte di passaggio tra Europa e Africa. Separa, inoltre, il bacino occidentale del mar Mediterraneo da quello centrale: il Mar Tirreno dallo Ionio, prolungandosi verso occidente con la Calabria e la Sicilia, che insieme formano geologicamente un’estensione peninsulare.

 I confini politici attuali si estendono complessivamente per 1800 Km. e lo sviluppo costiero della penisola è notevole: 7.456 km; molto più esteso della penisola iberica ma molto meno di quella balcanica.Tra l'Italia e l’Africa (penisola tunisina) intercorrono solo 140 km: tanti ne misura il canale di Sicilia.

L’Italia, per la sua strategica centrale posizione, è coinvolta per relazioni culturali, commerciali e, giocoforza, politiche, con tutto il bacino del Mediterraneo (relazioni che riguardano l’intera Europa, essendo l’Italia il sud dell’Unione e il confine naturale con l’Africa ed il Medio Oriente).

Il bacino del Mediterraneo si trova in una fase di grande trasformazione per il susseguirsi di alterazioni socio-politiche nei Paesi della regione che hanno creato una situazione di forte instabilità che determinato una percezione di insicurezza. Da un punto di vista geografico, l’Italia ha dunque un ruolo da protagonista nel Mediterraneo, vista la sua posizione centrale nel Mare Nostrum; dal lato pratico, tuttavia, la nostra politica pare seguire delle linee di condotta ondivaghe che a volte sembrano essere in contrasto con l’interesse nazionale.

Le aree che si affacciano del Mediterraneo attualmente sono scosse da profondi mutamenti a causa dell’instabilità dell’Africa e l’Italia sta cambiando la composizione numerica per l’arrivo di migliaia di profughi.

In questo quadro tutt’altro che roseo e statico, come si inserisce l’Italia trovandosi, volente o nolente, in prima linea e come agisce?

Purtoppo, agisce come “portaerei”, per lanciare operazioni amilitari (principalmente di ricognizione) o come hub logistico per operazioni sia vicine che più in profondità.A febbraio era trapelata la notizia che l’Italia aveva dato il consenso affinché droni armati potessero decollare dal suo territorio per "difendere" le forze speciali americane impiegate contro l’ISIS in Nord Africa.

In linea di principio dice che si tratterebbe solamente di missioni difensive necessarie a garantire la sicurezza delle forze sul terreno. Il che potrebbe anche essere un’ammissione indiretta del coinvolgimento di forze speciali italiane in Libia visto che la protezione offerta dai droni americani riguarderebbe anche loro. Le operazioni, che comunque dovrebbero sempre essere approvate dall’Italia (che rischia di creare non pochi contrasti a livello sia di comandi militari che politici), partono dalla base aerea di Sigonella che insieme alle altre basi militari del sud Italia fanno parte di una rete logistica e di intelligence più ampia.

Alcuni porti: 

I porti italiani hanno tutti un ruolo determinante per scambi culturali ed economici con tutti i paesi del Bacino Mediterraeo.

L'Italia, in quanto penisola, è circondata dal mare e, di conseguenza, sono numerose le città nate e sviluppate proprio lungo le coste che dispongono oggi di porti strategici non solo per gli scambi commerciali ma anche per il passaggio di turisti, sia dal punto di vista nazionale che internazionale. 

 

Il Porto di Trieste si affaccia sul mar Adriatico, è diviso in cinque aree a cui corrispondono cinque punti franchi, tre di cui adibite a fini commerciali (Il Punto Franco Vecchio, Il Punto Franco Nuovo e Il Terminal del legname, detto Scalo legnami), le altre due sono utilizzate a scopi industriali (Il terminal industriale ed Il terminal petroli che serve l'oleodotto Trieste-Ingolstadt). In seconda posizione figura il Porto di Genova, il più grande porto italiano per estensione, il primo per numero di linee di navigazione e movimentazione container con destinazione finale. Al terzo posto c'è il Porto di Cagliari che, come testimoniano reperti archeologici, era attivo sin dall'epoca fenicia e romana.

Oggi oltre che luoghi turistici sono importanti per la nostra economia e svolgono un ruolo di scambi anche culturalmente.

Share

Ultimo aggiornamento ( Martedì 10 Aprile 2018 18:18 )  

Concorsi & Festival

Ultime Nove

Piero Fantechi . 22 Ottobre 2018
A San Miniato al Monte si commemora Carlo Lorenzini La recente inaugurazione della mostra “Gernika” nella cripta della Basilica di San Miniato al Monte, precede di pochi giorni un anniversario molto importante: i 128 anni trascorsi dalla morte di C...
Piero Fantechi . 22 Ottobre 2018
POCA CONSAPEVOLEZZA DEI RISCHI DA PARTE DELLE IMPRESE ITALIANE. Grazie al progetto europeo “Life Derris” e al Coordinamento Agende 21 locali italiane, nasce una community di enti locali impegnati a supportarle nella prevenzione e nella riduzion...
Piero Fantechi . 22 Ottobre 2018
L’Associazione “Per Boboli” organizza martedì 30 ottobre 2018 alle 17.30, presso il Teatro del Rondò di Bacco (Piazza Pitti, 1 - Firenze), la conferenza “Il giardino inglese attraverso gli occhi di Jane Austen. Tra wilderne...
Piero Fantechi . 22 Ottobre 2018
  SUCCESSO DI DIDACTA ITALIA 2018 Nella seconda edizione della fiera sulla formazione +23% di biglietti venduti, oltre 23.000 partecipanti a seminari ed eventi, 130 giornalisti accreditati. Più di 100.000 persone raggiunte sui social Firenz...
Silvana Grippi . 20 Ottobre 2018
Tratto da Umanità nuova  Giovanna Caleffi (1897-1962) e Maria Luisa Berneri (1918-1949) sono conosciute come “moglie di” e “figlia di” Camillo Berneri, noto intellettuale antifascista e militante anarchico assassinato dai ...
Piero Fantechi . 19 Ottobre 2018
Ecco i nuovi servizi dell'Archivio fotografico DEApress - Nel nuovo Laboratorio saranno disponibili tessere sconto per soci a partire da Lunedì  Self Service con voce per l'autoproduzione (con spiegazioni vocali). Centro Sociocultural...
Piero Fantechi . 19 Ottobre 2018
Proseguono le iniziative del Centro Socioculturale D.E.A.onluspreviste per il mese di ottobre
Silvana Grippi . 19 Ottobre 2018
La ns. Associazione ha deciso di rivolgersi a giovani e adulti per iniziare a far conoscere DEApress. Eccovi le Giornate di Formazione per giovani che vogliono scrivere in un giornale web. Ogni mese organizzeremo tre mattine per aspiranti volontar...
Silvana Grippi . 19 Ottobre 2018
Sabato 20 Ottobre alle ore 18,00 nei locali del Centro Socioculturale D.E.A.onlus - Firenze Via degli Alfani 16/r PRESENTAZIONE E LETTURE DEL LIBRO: IL PROCESSO BATACCHI

Galleria DEA su YouTube

Social Share Buttons