DEApress

Thursday
May 25th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Inchiesta sulla rete delle associazioni a Firenze

E-mail Stampa PDF

“La maturità inizia a manifestarsi quando sentiamo che è più grande la nostra preoccupazione per gli altri che non per noi stessi.” Albert Einstein
Gli angeli dei nostri tempi sono tutti coloro che si interessano agli altri prima di interessarsi a se stessi.”
Wim Wenders

Una realtà del nostro tempo sono le associazioni del volontariato, per definizione senza scopo di lucro, animano da sempre la solidarietà, la partecipazione e l'integrazione sociale, operando soprattutto al servizio di quelle persone in difficoltà.

Il contributo di questo nuovo fenomeno è importante, ma negli anni recenti assistiamo però a una frammentazione tra le realtà delle associazioni, in cui si sta imponendo sempre maggiormente una gerarchia che impedisce di favorire la creazione e lo sviluppo di una rete di collaborazione.

Le associazioni sono ancora moltissime ma hanno cerchie ristrette, spesso manca una cooperazione come manca una diffusione tra i cittadini, che partecipano sempre meno. I giovani in primo luogo sembrano molto lontani da queste realtà. Si è osservato come siano cambiati i contesti moderni che hanno messo in crisi la stagione in cui si condividevano obiettivi comuni, portando piuttosto un sempre maggiore individualismo.

Sicuramente a questa situazione di forte frammentarietà, accompagnata da tante difficoltà, sarebbe necessario rispondere con un recupero della collettività, della collaborazione e del volontariato. Per aiutare chi ha bisogno e anche per migliorare le città, la vivibilità dei quartieri, per creare iniziative interessanti ed aperte a tutti, per condividere momenti ed idee, non solo su Facebook.

Per i cittadini è spesso difficile capire a chi possono rivolgersi ed hanno bisogno di punti di riferimento, per questo a Firenze è stato preso in considerazione dal Comune il concetto di creare una rete suddiviso nei vari quartieri. Esistono quindi Reti di Solidarietà che gratuitamente, tramite le diverse realtà del volontariato, aiutano persone in difficoltà (in primis anziani da assistere) nel trovare visite mediche, compagnia, informazioni sui servizi sociali o collegamento con associazioni di volontariato ecc.

Abbiamo parlato con la Rete di Solidarietà del Comune di Firenze Q.1 che, principalmente per la sua posizione centrale, si trova da oltre 15 anni a gestire numerose richieste cercando di aiutare chi ha difficoltà ad inserirsi nel contesto cittadino tramite le attività di microcredito, di ascolto e sostegno e – attraverso il progetto Ristorante Solidale – si occupa anche di distribuzione di alimenti. La Rete vive di volontari e svolge un lavoro prezioso, sebbene probabilmente non sufficiente vista la quantità di persone bisognose.

La Rete è fondamentalmente uno sportello di ascolto gestito da “cittadini per cittadini” che cerca di fare del suo meglio per aiutare singoli e associazioni varie, mettendoli in contatto, capendo le loro necessità e indirizzandoli correttamente.

Queste realtà sono molto utili per ristabilire i contatti, per recuperare i valori di solidarietà e collaborazione che sembrano sfuggirci. Vista l'importanza di tale realtà continueremo l'inchiesta con gli altri quartieri del Comune di Firenze per poi andare ad analizzare i rapporti di associazionismo in Italia.

Share

Ultimo aggiornamento ( Mercoledì 15 Marzo 2017 12:43 )  

Concorsi & Festival

Ultime Nove

L'AltopArlAnte . 24 Maggio 2017
La cantautrice senese descrive in musica l’iter evolutivo di una storia d’amore: dai primi passi fino alla trasformazione che accompagna i cambiamenti caratteriali dei due protagonisti. “Parlo di te” è la lucida analisi dell’evoluzione di una stor...
DEApress . 24 Maggio 2017
Si sono concluse, presso la Chiesetta di Santa Verdiana a Firenze, le prime due giornate di AFRICA DAY, festival indipendente organizzato dall'Università degli Studi di Firenze – Dipartimento di Architettura e dal Centro Socio-culturale DEA Onlus. Un...
L'AltopArlAnte . 24 Maggio 2017
  La cantautrice salentina con già alle spalle una carriera collaudata fatta di premi ottenuti in prestigiosi concorsi (Musicultura, Premio De Andrè) e collaborazioni prestigiose (Teresa De Sio, Cristiano De Andrè, Pacifico), presenta ora una chicca...
L'AltopArlAnte . 24 Maggio 2017
  La cantante napoletana, già semifinalista del Festival di Castrocaro, torna in radio dal 7 aprile con un brano esplosivo e ricco di energia. “Hello Hello” è la colonna sonora di “Smile Factor”, il film di prossima uscita che vede alla regia Igor ...
L'AltopArlAnte . 24 Maggio 2017
  Una canzone che, omaggiando una delle più importanti band del panorama musicale italiano caratterizzata da un excursus ricco di grandi occasioni colte in maniera vincente, descrive metaforicamente il tema delle occasioni mancate. I Toromeccanica...
Silvana Grippi . 24 Maggio 2017
Riceviamo e pubblichiamo volentieri IL C.P.A: STORIA DI RESISTENZA22 maggio 2017 [1] c'è tutto un mondo attorno. [2], Musiquorum live - Prossimi appuntamenti [3], storie [4] Il folk è musica popolare e dove si canta la musica popolare? Dove&...
DEApress . 24 Maggio 2017
Pasquale Abatangelo “Correvo pensando ad Anna” recensione di Davide Steccanella   “I dannati della terra” di Frants Fanon, pubblicato in Francia nel 1961 con la prefazione di Jean Paul Sarte, è stato, ha detto l’ex dirigente del Black P...
DEApress . 24 Maggio 2017
Cari soci, amici, lettori e conoscenti, prendete nota del nostro codice fiscale: 03938570482, è il codice da indicare per la destinazione del 5 per MILLE. Ci aiuterà a fare progetti di solidarietà e partecipazione. Servirà soprattutto a dare soste...
Paolo Tocco . 23 Maggio 2017
FABIO CRISEO"Avrei voluto essere Lapo Ercane" "Cci Vostri" - OFFICIAL VIDEO Onestamente ho cercato in rete per capirne di più e soprattutto per vedere se davvero dietro l’effige di questo cantautore non ci fosse altro. Ed invece devo ricredermi: ...

Galleria DEA su YouTube

Social Share Buttons