DEApress

Wednesday
Apr 26th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Parlando di poesia araba con Hasan Atiya Al Nassar

E-mail Stampa PDF

Parlando di poesia araba con Hasan Atiya Al Nassar -

Silvana Grippi, Benedetta Rizzo, Eleonora Vanni

hasan.jpg

Un pomeriggio trascorso all’insegna della poesia con l’autore irakeno Hasan Atiya Al Nassar.

Sono state molte le curiosità da parte nostra verso il poeta, il quale ci ha parlato della propria vita: l’esilio a Firenze e i suoi studi, i lontani primi anni Novanta con i suoi esordi, le sue ispirazioni, la pena ed il dolore che ancora danno vita al carattere delle sue poesie; ma anche l'anelito di una patria lontana, la presa di coscienza della fragilità dell'uomo di fronte al mondo circostante, in una condizione d'esilio che va oltre quella puramente geografica, sono le tematiche fondamentali della sua poetica.

Le sue opere sono state pubblicate oltre che in Italia – per edizioni D.E.A - in Iraq, in Siria, in Libano, in Tunisia, in Iran, nel Regno Unito, in Francia, negli Stati Uniti e in Spagna .

Tra il 1991 e il 2012 numerosi sono stati i riconoscimenti a lui attribuiti per concorsi letterari e reading.

La redazione si è già occupata di poesia araba e delle sue origini:http://www.deapress.com/culture/letteratura/20708-la-poesia-araba.html

Insieme abbiamo letto ed analizzato alcune poesie estratte dalla raccolta “roghi sull’acqua babilonese” edito da Edizioni D.E.A (1 ed. 2003).

Il poeta ci ha piacevolmente narrato in lingua araba questa sua poesia.

La foresta del cielo 

Fra lei e la grande città le mappe del mondo.

Monti, campi d’erba, foreste nel cielo
ed alberi sulle pianure.

Nella grande città la ragazza di Incisa
porta ogni giorno il suo cuore,
porta fra i suoi libri l’ombrello.
Alla stazione i ferrovieri non l’han vista,
non la vide nessuno dei passeggeri.
Lei entra ed esce dalla città due volte:
la prima soffrendo per l’angoscia del cuore,
la seconda per la sua stanchezza
e per quella degli altri.

La ragazza di Incisa si arrabbia e piange da sola,
scrive versi e li nasconde
(versi di rivolta che altri non leggeranno,
versi di amori difficili).
Sfugge una lacrima ai suoi occhi:
“Noi in questa città saremo da oggi amici estranei”.

Dietro i vetri dei treni che fuggono
nasconde adesso con le poesie
la tristezza del cuore e i dolori degli altri,
non osserva il binario vuoto,
avvolge il suo fazzoletto imbevuto di pianto.
vede i resti della sua città appoggiata sul fiume,
sussurra il nome della Madonna santa
e si diffonde in lei il fuoco del cuore
che la brucia.

La ragazza di incisa non è venuta, oggi,
dalla sua città sul fiume:
non ha letto il suo capitolo di letteratura,
non ha portato l’ombrello come al solito…
non sono andato oggi alla stazione,
non ho potuto vedere il suo fazzoletto bianco.
Adesso fra il suo paese e la grande città
ci sono monti e campi d’erba e foreste nel cielo.

ok.jpg

Share

Ultimo aggiornamento ( Giovedì 23 Marzo 2017 15:13 )  

Concorsi & Festival

Ultime Nove

Silvana Grippi . 26 Aprile 2017
La libertà d'informazioe è i pericolo, secondo il rapporto 2017 di Reporters Sans Frontieres (RSF), l'organizzazione con base in Francia che vigila sullo stato dell'informazione. L'Italia, è risalita al 52/o, con un balzo di 25 po...
massimo.pieraccini . 26 Aprile 2017
La povertà stà diventando sempre più, purtroppo, un'attualità mondiale. Questa foto che pubblichiamo è stata scattata non molto tempo fa nella lussureggiante Barcellona, sulla Rambla una delle arterie centrali sia del traffico pedonale che veicolar...
DEApress . 26 Aprile 2017
Pasquale Abatangelo “Correvo pensando ad Anna” recensione di Davide Steccanella   “I dannati della terra” di Frants Fanon, pubblicato in Francia nel 1961 con la prefazione di Jean Paul Sarte, è stato, ha detto l’ex dirigente del Black P...
DEApress . 26 Aprile 2017
Cerchiamo opinions leader Vi aspettiamo ! La redazione D.E.A.press ri-apre le porte a chiunque voglia contribuire alle sue attività socialmente utili e per sostenere una informazione indipendente e partecipata!
Silvana Grippi . 26 Aprile 2017
    5x1000 al Centro D.E.A. è un benefit per la società L'Associazione D.E.A. onlus (Didattica-Espressione-Ambiente) lavora con volontari/e - fin dal 1987 - per una società migliore, libera e informata Destinarci il tuo 5X1000 per l...
Silvana Grippi . 25 Aprile 2017
25 Aprile 1945/2017 - Cosa è cambiato e come festeggiamo la memoria della liberazione dal nazifascismo? Voglio iniziare con una frase di Enzo Biagi che mi sembra appropriata: "Ciò che hai fatto non sarà dimenticato. Né i giorni, né gli uomini posson...
Silvana Grippi . 24 Aprile 2017
  REGGIO EMILIADAL 5 MAGGIO AL 9 LUGLIOFOTOGRAFIA EUROPEA 2017XII edizioneMappe del tempo. Memoria, archivi, futuroGiornate inaugurali 5-6-7 maggio 2017 Le principali istituzioni culturali della regione e le sedi espositive della città...
DEApress . 24 Aprile 2017
Riceviamo e pubblichiamo: Sabato 29 aprile 2017, ore 17.30 Ristorante Caffetteria La Loggia Piazzale Michelangelo, Firenze DIALOGO SUL CONTEMPORANEO a partire dalla figura di Lara Vinca Masini con Antonio Natali e Adolfo Natalini introduce Simone Si...
DEApress . 24 Aprile 2017
Riceviamo e pubblichiamo: 25 aprile e Primo maggio, Cgil-Cisl-Uil Toscana di categoria proclamano lo sciopero nel commercio. “Dopo Pasqua e Pasquetta, un altro no al sempre aperto” Firenze, 24-4-2017 - “In occasione di Pasqua e Pasquetta abbiamo as...

Galleria DEA su YouTube

Social Share Buttons