DEApress

Wednesday
Feb 21st
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Omeopatia a confronto

E-mail Stampa PDF

OMEOPATIA: VALUTAZIONI A CONFRONTO

Risultati immagini per omeopatia a confronto

La premessa è d'obbligo: con questo articolo la redazione non intende esporsi in alcun modo per nessuna linea di pensiero a riguardo del tema argomentato, ma solo una semplice esposizione di opposte valutazioni.

In questi giorni la pagine dei giornali e i servizi radiotelevisivi di tutta Italia hanno riportato in auge un argomento tra i più dibattuti in campo sanitario: l’omeopatia.

Una tipologia di cura per il corpo, sempre più accettato come metodo di cura dalle famiglie italiane. Sicuramente il dato rilevante è la crescita esponenziale del numero di persone che affidano all’omeopatia, negli ultimi dieci anni.

Due sono le scuole di pensiero che da molti anni ormai si battono; una che si mantiene fedele ai principi della “Medicina tradizionale”, l'altraa favore dei rimedi omeopatici.

Possiamo riassumere le differenze delle 2 categorie in questo modo: i fautori dell’omeopatia giustificano gli effetti con il fatto che l’utilizzo non contrasta la malattia con determinati principi attivi ma piuttosto attua un forma definita come “similitudine del farmaco”: in tal senso il principio attivo nei rimedi omeopatici è diluito, frazionato in modo da avere un impatto per il corpo meno diretto ma allo stesso tempo cura la malattia. Quello “tradizionalista”, da sempre si basa sui risvolti scientifici e le ricerche cliniche che, ultimamente, hanno notevolmente migliorato ed allungato la vita media. Ricerche - è opportuno ricordarlo - che sono state favorite da un progresso nelle metodiche di analisi (chirurgiche o di rianimazione) e nelle diagnosi.

Uno studio di alcuni anni fa, pubblicato sulla rinomata rivista medica BMC Public Health, ha interessato quasi 3800 individui tra adulti e bambini. Il risultato ha mostrato un discreto successo per i metodi omeopatici, equiparando i diversi risvolti della vicenda in tre parti: un terzo ha continuato a curarsi con l’omeopatia per più di una malattia, un altro terzo ha concluso le cure con pieno successo ed un ulteriore terzo ha interrotto la cura per i mancati risvolti positivi e senza aver conseguito alcun giovamento.
Se da una parte i sostenitori della causa omeopatica hanno trovato ampi risvolti, dall’altra è una pratica che preclude vantaggi di tipo fiscale: questo perché i prodotti omeopatici non sono a carico del servizio sanitario nazionale e di conseguenza ogni articolo acquistato per scopo terapeutico non ha alcun beneficio sui soldi utilizzati dall’individuo.

La medicina tradizionale invece ha secoli di storia alle spalle e usufruisce di un numero infinto tra ricerche ed analisi, al giorno d’oggi finanziate lautamente. Nonostante ciò, l’Italia rimane uno dei paesi con una percentuale del PIL tra le più basse del mondo per quanto riguarda gli investimenti nei settori di ricerca. E per quanto riguarda il settore omeopatico il discorso non cambia, visto il numero esiguo di strutture ospedaliere presenti sul territorio, la più importante delle quali si trova proprio qui in Toscana nel comune maremmano di Pitigliano.

Come già detto, la medicinatradizionalepuò contare su anni e anni disuccessiin vari campi e questo ha portato a debellareun gran numero di malattie: un esempio tra tanti è il trattamento dell’ulcera, per la quale una volta si moriva, mentre adesso non è altro che unamagagnapasseggera. Possiamo menzionare il mondo deitrapiantiche oggi danno una seconda chance, una nuova vita a tantipazientiche altrimenti non avrebbero avuto possibilità.

Al di là di queste considerazioni, rimane un conflitto aperto dove esponenti di ogni classe sociale disquisiscono a favore o meno. Ma la morte del piccolo Francesco di Ancona riapre una conflittualità, e macchia indelebilemente questa categoria di individui che, per una rimarcata disconoscenza degli argomenti, a causa di pregiudizi fossilizzati, rischiano di porre ulteriori danni a carico della collettività.

Il tema dell’omeopatia da tempoimmemorehaun forte legame con quello dei vaccini. Per approfondire questo tema rimandiamo i nostri lettori ad un altro articolo (link di riferimento

http://www.deapress.com/articoli-mainmenu-29/inchieste-mainmenu-30/21249-2017-06-01-20-37-42.html)

Share

Ultimo aggiornamento ( Venerdì 16 Giugno 2017 12:15 )  

Concorsi & Festival

Ultime Nove

Piero Fantechi . 21 Febbraio 2018
    L’architetto Stefano Boeri al secondo incontro del master ‘Futuro vegetale’ Venerdì 23 febbraio, ore 18.15 – Teatro Niccolini Introduce il direttore del Dipartimento di Architettura dell’Università di Firenze (Dida)Saverio Mecc...
Silvio Terenzi . 20 Febbraio 2018
YATO "Post Shock" "CONSCIOCK" - Official HD Quello di Yato è una prova di stile più che un disco di avanguardia. La canzone d'autore che incontra il dub meno didascalico e l'elettronica più flessibile. Il pop regna sovrano ma senza dettare regole ...
Silvana Grippi . 20 Febbraio 2018
Appunti e Riflessioni La fotografia ha una sua dimensione storica e per poter meglio capirla bisogna partire da un "punto di vista contemporaneo" e affrontato culturalmente sia nell'ambito della sua storia che nei termini fenomenologici della soci...
Piero Fantechi . 20 Febbraio 2018
Museo e Istituto Fiorentino di Preistoria "Paolo Graziosi" via dell’Oriuolo, 24 (all'interno della Biblioteca delle Oblate – I piano)   MOSTRA FOTOGRAFICA ANGOLA   Viaggio tra gli Hereros in Africa Centrale  di Massimo Casprin...
Piero Fantechi . 20 Febbraio 2018
Combo Social Club Via Mannelli, 2 Firenze GIOVEDÌ 22 FEBBRAIO 2018 Ganji Killah presenta “Amazon Grime Mixtape” Feat. Ninjaz Mc, Yodaman ,Charlie Dakilo, Nanne, XL Mad. Dj set : LSWR & HypeGrade Ingresso libero In apertura “Creep Giuli...
Silvana Grippi . 19 Febbraio 2018
             ONLUS                                      Forum AMBIENTE Località Palagione, Via Volterrana 50050...
DEApress . 19 Febbraio 2018
FOOD FOREST CAMPING Corso residenziale teorico pratico di progettazione e realizzazione (in parte) di una food forest di 60 metri per 10 che includerà una serie di piccole piazzole per campeggiare completamente autonome da un punto di vista idric...
Piero Fantechi . 19 Febbraio 2018
Università di Firenze, Architettura si racconta Fino a venerdì 23 “Dida Research Week”, incontri con docenti e ricercatori Città collegate da piste ciclabili sopraelevate, spazi di coabitazione, design a prova di terremoto. Dove sta andando l’a...
Piero Fantechi . 19 Febbraio 2018
Giovedì 22 febbraio, dalle ore 19.30, a Siena lo spazio di Cacio & Pere ( via dei Termini 70) ospita un appuntamento all’insegna delle contaminazioni culturali La non violenza come risposta alla guerra: a Siena i fotografi di Life in Syria pre...

Galleria DEA su YouTube

Social Share Buttons