DEApress

Tuesday
Oct 23rd
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Furti a Firenze - Donne e minorenni

E-mail Stampa PDF

porta.jpg

Sempre più a Firenze si stanno verificando furti in appartamento eseguiti da donne anche minorenni. Per me si tratta di stigmatizzare il concetto che non è importante se straniero/a o italiano/a (come purtroppo in questo periodo si usa normalmente fare), bensì considerare altri due aspetti. Il primo, lapalissiano, è che si tratta di furti, come tali reati, e quindi gli autori o autrici sono definibili comunemente ladri/e. L'altro aspetto abbraccia invece la condizione della donna, costretta (non sisa da chi) che le sfrutta in quanto minorenni.

In questi ultimi giorni gli uomini della Squadra Volante hanno fermato tre ragazze - rispettivamente di 12, 15 e 17 anni - che avevano messo a segno un altro furto in appartamento in zona Campo Marte. Anche in questo caso ad allertare il 113 è stato un vicino di casa, insospettito dai forti rumori provenienti dal palazzo. Quando gli agenti sono entrati nello stabile hanno sorpreso due delle ragazze per le scale, mentre una terza stava uscendo proprio dall’abitazione presa di mira. La polizia ha recuperato dalle loro borse diversa refurtiva, tra cui alcuni orologi di marca e monili in oro rubati pochi attimi prima, oltre ad una serie di cacciaviti e strumenti da effrazione con i quali era stata verosimilmente forzata la porta dell’abitazione visitata. La 15enne e la 17enne sono state accompagnate al Centro di Prima Accoglienza mentre la più piccola, minore non imputabile, è stata al momento affidata ad un Centro per minori.

Abbiamo cercato approfondire con la vittima di un furto simile quelle che sono le sensazioni di chi si trova ad affrontare suo malgrado in questo evento. 

S.G, - Non è nemmeno il primo, per lei, quest'anno. Ci racconta:
"
 ...sono ancora scossa.... è chiaro che quando ci accorgiamo di una intrusione così invasiva nella propria sfera privata, fra le proprie cose ed i propri ricordi, nella propria intimità è destabilizzante. Oltre al danno economico del furto e dei danni provocati dall'effrazione c'è anche la perdita di ricordi e oggetti d'affetto. Facilmente ci si può abbandonare alla rabbia, alla frustrazione e, facilmente, anche arrivare a considerazioni di carattere "razzista", riconducento tutto alle difficoltà presunte di convivenza con deliquenza comune." 

Non è così per S.G. che, invece, vorrebbe cogliere questa spiacevole occasione per poter parlare con queste ragazzine autrici del furto ed avere la possibilità di incontrarle prima che per loro subentri l'abitudine alla sopravvivenza"

Le chiediamo di raccontarci del primo e del secondo furto:

27 Ottobre - Rientrando la sera a casa dal lavoro ho intravisto la luce della camera da letto accesa che ero sicura di aver spento. A quella vista, ho avuto già il primo sospetto che si è materializzato quando, entrando in camera da letto, prendo visione dei portagioie svuotati sul letto. Così, in un attimo, erano spariti i miei ricordi di una vita dei nonni, mamme, zia e figlia. Gli oggetti raccolti da tre generazioni (dai nonni a mia figlia). Mi viene riferito da una vicina di aver incontrato per le scale condominiali tre donne giovani (forse parenti) di cui una incinta. 
8 Maggio - Non appena faticosamente superato e smaltito il dolore procuratomi dal primo evento, considerandomi sicura che che non sarebbero tornate sullo stesso luogo....eccoci di nuovo. Non avevo ancora trovato occasione e risorse per rinforzare la porta di ingresso. Rincaso dal lavoro alle 12.30, entro nel portone e mi accingo a salire le scale quando incontro una prima ragazza che saluto, come si usa fare fra persone educate. Subito dietro arriva una sconda ragazza, che mi sfila accanto salutandomi. Poi vedo dietro una terza giovanissima ragazzina che abbassa gli occhi e mi viene spontaneo chiederle da dove stessero scendendo dato che mi sono subito ricordata del fatto che il furto precedente era stato fatto da tre donne. Per tutta risposta le ragazze con le borse a tracolla, jeans e scarpe da ginnastica iniziano a correre precipitandosi dalle scale. Il tempo di realizzare e iniziare a rincorrerle che loro erano gia per strada e correvano velocemente verso via Masaccio. Questa volta pensavo di aver giustizia, in quanto il pronto intervento inizia a cercarle e poi avevano recepito i video dal negozio in angolo.  Ma invece niente!  
Per me che difendo l'indifendibile mi è sembrato uno sfregio. Comunque voglio andare a fondo alla questione e continuerò ad indagare per poter conoscere i genitori di queste ragazze e guardarle in faccia. Non riavrò ciò che mi è stato rubato ma la mia morale mi spinge a chiedere la loro rieducazione e l'identificazione di chi le sfrutta!"



 

Share

Ultimo aggiornamento ( Giovedì 31 Maggio 2018 19:19 )  

Concorsi & Festival

Ultime Nove

Piero Fantechi . 22 Ottobre 2018
A San Miniato al Monte si commemora Carlo Lorenzini La recente inaugurazione della mostra “Gernika” nella cripta della Basilica di San Miniato al Monte, precede di pochi giorni un anniversario molto importante: i 128 anni trascorsi dalla morte di C...
Piero Fantechi . 22 Ottobre 2018
POCA CONSAPEVOLEZZA DEI RISCHI DA PARTE DELLE IMPRESE ITALIANE. Grazie al progetto europeo “Life Derris” e al Coordinamento Agende 21 locali italiane, nasce una community di enti locali impegnati a supportarle nella prevenzione e nella riduzion...
Piero Fantechi . 22 Ottobre 2018
L’Associazione “Per Boboli” organizza martedì 30 ottobre 2018 alle 17.30, presso il Teatro del Rondò di Bacco (Piazza Pitti, 1 - Firenze), la conferenza “Il giardino inglese attraverso gli occhi di Jane Austen. Tra wilderne...
Piero Fantechi . 22 Ottobre 2018
  SUCCESSO DI DIDACTA ITALIA 2018 Nella seconda edizione della fiera sulla formazione +23% di biglietti venduti, oltre 23.000 partecipanti a seminari ed eventi, 130 giornalisti accreditati. Più di 100.000 persone raggiunte sui social Firenz...
Silvana Grippi . 20 Ottobre 2018
Tratto da Umanità nuova  Giovanna Caleffi (1897-1962) e Maria Luisa Berneri (1918-1949) sono conosciute come “moglie di” e “figlia di” Camillo Berneri, noto intellettuale antifascista e militante anarchico assassinato dai ...
Piero Fantechi . 19 Ottobre 2018
Ecco i nuovi servizi dell'Archivio fotografico DEApress - Nel nuovo Laboratorio saranno disponibili tessere sconto per soci a partire da Lunedì  Self Service con voce per l'autoproduzione (con spiegazioni vocali). Centro Sociocultural...
Piero Fantechi . 19 Ottobre 2018
Proseguono le iniziative del Centro Socioculturale D.E.A.onluspreviste per il mese di ottobre
Silvana Grippi . 19 Ottobre 2018
La ns. Associazione ha deciso di rivolgersi a giovani e adulti per iniziare a far conoscere DEApress. Eccovi le Giornate di Formazione per giovani che vogliono scrivere in un giornale web. Ogni mese organizzeremo tre mattine per aspiranti volontar...
Silvana Grippi . 19 Ottobre 2018
Sabato 20 Ottobre alle ore 18,00 nei locali del Centro Socioculturale D.E.A.onlus - Firenze Via degli Alfani 16/r PRESENTAZIONE E LETTURE DEL LIBRO: IL PROCESSO BATACCHI

Galleria DEA su YouTube

Social Share Buttons