DEApress

Tuesday
Dec 12th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Prigionieri politici palestinesi: prosegue lo sciopero della fame

E-mail Stampa PDF

barghouti-120613.jpgDal 17 aprile scorso circa 2.000 prigionieri politici palestinesi sono in sciopero della fame. La lotta è iniziata in occasione della Giornata Nazionale del Prigioniero Palestinese, per chiedere il miglioramento delle dure condizioni di vita nelle carceri, la fine della pratica dell'isolamento, l'accesso alle cure mediche, il rispetto del diritto di visita da parte di legali e familiari e, soprattutto, la fine dell'utilizzo della detenzione amministrativa, misura cautelare che – in violazione del diritto internazionale – permette a Israele di detenere chiunque a tempo indefinito ed in assenza di processo o accuse formali. Attualmente, i prigionieri politici palestinesi detenuti nelle carceri israeliane sono più di 7.000, di cui oltre 600 in detenzione amministrativa.

L'iniziativa è partita dal leader carismatico di Al Fatah, Marwan Al Barghouti, in carcere dal 2002 e condannato a cinque ergastoli da un tribunale israeliano. Agli inizi di maggio, anche il segretario generale del Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina, Ahmad Sa'adat, ha si è unito sciopero, assieme a decine di altri leader di diverse fazioni politiche palestinesi.

Si tratta di una protesta contro Israele e la dura politica carceraria attuata dell'Israeli Prison Service in spregio alle norme di diritto internazionale umanitario. Ma il messaggio è diretto anche ai vertici di Al Fatah che hanno emarginato Al Barghouti, leader popolarissimo nei Territori Occupati e noto come il "Mandela palestinese", che ora punta a mettere sotto pressione il presidente Abu Mazen. Lo sciopero della fame, infatti, è in aperta contestazione della cooperazione di sicurezza tra l'Autorità Nazionale Palestinese e Israele.

Del resto la linea morbida di Abu Mazen ha subito una sonora bocciatura proprio sabato scorso, alle elezioni per il rinnovo di 145 consigli comunali in Cisgiordania. Nonostante il boicottaggio di Hamas, FPLP e Jihad, il partito Al Fatah ha portato a casa una sostanziale sfiducia dalla maggioranza dei palestinesi: forte astensionismo (ha votato solo il 53% degli aventi diritto) e molti seggi persi a vantaggio di liste indipendenti e formazioni minori. Un chiaro segnale di malcontento a causa della crisi economica, delle accuse di corruzione e del totale fallimento di 23 anni di trattative con Israele per il raggiungimento dello Stato indipendente, a fronte del rilancio della colonizzazione in Cisgiordania da parte del governo Netanyahu.

Dopo quasi un mese di sciopero della fame, le condizioni di salute dei prigionieri continuano ad aggravarsi, mentre prosegue la repressione da parte dell'amministrazione carceraria. Le misure punitive vanno dall'isolamento ai trasferimenti, a cui si aggiungono il divieto di partecipare all'ora d'aria, le perquisizioni corporali e le confisca di oggetti personali, fino ad arrivare a forme di tortura psicologica come la privazione del sonno.

Preoccupanti sono anche le difficoltà frapposte alle visite da parte di medici indipendenti e, in generale all'accesso alle cure e all'acqua. Pare, infatti, che l'autorità carceraria abbia fornito ai detenuti tazze di plastica per bere dal rubinetto piuttosto che l'acqua potabile solitamente fornita.

Tra le mosse per fermare lo sciopero, spunta anche un filmato che dovrebbe provare il «tradimento» di Barghouti, sorpreso a mangiare dei biscotti. La moglie Fadwa sostiene che il video sia un falso, mentre l'avvocato Elias Sabbagh spiega che la trappola è stata organizzata dai secondini, perché in isolamento non avrebbe potuto procurarsi il cibo: «Una mossa prevista che fa parte della guerra psicologica».

Al Barghouti, che solo due giorni fa ha potuto incontrare il suo legale dall'inizio dello sciopero, ha confermato l'intenzione di «continuare la sua battaglia finché le richieste dei prigionieri non saranno esaudite» e di «essere pronto ad aumentare la sua protesta smettendo di bere l'acqua».

L'avvocato Sabbagh ha riferito che il prigioniero ha già perso 13 chili ma mantiene il buon umore nonostante le tremende condizioni di detenzione in isolamento: secondo il legale non si è mai potuto cambiare i vestiti ed è sottoposto a forti rumori per diverse ore al giorno, che prova ad attutire con dei fazzoletti di carta nelle orecchie.

Il leader della protesta ha anche invitato i due principali partiti palestinesi, Hamas e Fatah, a giungere ad una riconciliazione nazionale ed ha ammonito l'Autorità Nazionale Palestinese guidata da Fatah a non riprendere il cosiddetto processo di pace con Tel Aviv: «I negoziati sono inutili finché Israele non si impegnerà a porre fine all'occupazione, non la smetterà di costruire le colonie, non si ritirerà dalle aree occupate nel 1967, non riconoscerà il diritto del popolo palestinese all'autodeterminazione che comporterà la creazione di uno stato completamente indipendente nei confini del 1967 e la cui capitale sarà l'amata Gerusalemme, non ammetterà il ritorno dei rifugiati palestinesi e libererà tutti i prigionieri».

Intanto la tensione nei Territori Occupati continua a salire: violenti scontri tra manifestanti ed esercito si sono registrati ieri a Ramallah e Bettemme, in occasione del 69° anniversario della Nakba, la «Catastrofe», espressione con cui i palestinesi ricordano la nascita dello Stato israeliano e la pulizia etnica della Palestina.

Share

 

Concorsi & Festival

Ultime Nove

L'AltopArlAnte . 12 Dicembre 2017
Ritorna il Premio Bindi Winter, l’edizione speciale invernale del Festival della canzone d’autore. Il Premio Bindi si tiene tutti gli anni in luglio davanti al mare di Santa Margherita Ligure ed è uno dei festival più importanti della canzone d...
DEApress . 12 Dicembre 2017
Era il 12 dicembre del 1969: una bomba di Stato chiudeva in modo tragico la decade che aveva visto saldarsi in Italia la rivolta studentesca con quella operaia, segnando pesantemente quella successiva, conclusa con altra bomba, ancor più micidiale, a...
Fabrizio Cucchi . 11 Dicembre 2017
In una visita a sorpresa alla base russa in Siria di Hmeymim, Putin questa mattina ha annunciato un parziale ritiro delle truppe russe dalla regione (1). Questo annuncio è stato accompagnato da "roboanti cifre" sui successi russi nella zona. "Sono st...
DEApress . 11 Dicembre 2017
Riceviamo e pubblichiamo:"Giovedì 14.12.17, ore 18h.30, presso il Centro Java per il ciclo di incontri "Approfondimenti Stupefacenti": Guerra e DrogaIncontro con Alessandro De Pascale - giornalistaMaggiori informazioni su www.infojava.itDagli oppiace...
L'AltopArlAnte . 11 Dicembre 2017
  Il gruppo della versatile musicista traccia in questo disco un percorso musicale d’impronta folk-rock volto a rappresentare la figura femminile in ogni possibile sfumatura. Lionheart è la rappresentazione di una donna, è “La Donna” ed è tante...
L'AltopArlAnte . 11 Dicembre 2017
  Dopo una carriera già ricca di riconoscimenti (finalista al Premio Tenco, attore e autore teatrale e cinematografico, compositore di successi musicali e sigle radiofoniche), l’eclettico artista, già frontman de Il Parto delle Nuvole Pesanti, propo...
L'AltopArlAnte . 11 Dicembre 2017
  Prodotto con la collaborazione di Jamie Sellers (Alesha Dixon, Pixie Lott) presso il Run Wild Music di Londra, il brano incontra atmosfere che spaziano fra pop e dark portando a galla il tema della libertà come superamento delle catene espressive ...
Silvana Grippi . 10 Dicembre 2017
9 dicembre 2017 - Presentazione del libro di Lara Poggi - Figlia del destino" Ed. DEA/2017  Una vittoria per Lara Poggi che vede i suoi pensieri di tanti anni messi su carta e presentati in Libreria. Tanti amici, amiche e sconosciuti per feste...
Silvana Grippi . 09 Dicembre 2017

Galleria DEA su YouTube

Social Share Buttons