DEApress

Saturday
Sep 23rd
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Testimoni di Geova in fuga

E-mail Stampa PDF

Carcere.jpg

 

 

Succede il 20 aprile 2017, data in cui la Corte Suprema ha emesso una sentenza che vieta le attività dei Testimoni di Geova in Russia. Il giudice della Corte Suprema Jurij Grigor'evič Ivanenko ha accolto la richiesta presentata dal Ministero della Giustizia di "chiudere il Centro Amministrativo dei Testimoni di Geova in Russia, di sciogliere le associazioni religiose locali che fanno parte della sua struttura e di consegnare alla Federazione Russa tutte le proprietà dell'organizzazione religiosa". Questa sentenza impone la cessazione di tutte le attività degli enti giuridici dei Testimoni in Russia. Anche se i Testimoni di Geova impugneranno la sentenza davanti alla Camera d'appello della Corte Suprema, al momento il loro culto è effettivamente vietato. Sorge così un clima d'oppressione che rispolvera i ricordi di un regime comunista che sembra così lontano, eppure così vicino. Riemergono prese di posizione a discapito di coloro che professano un culto ritenuto dissonante e di conseguenza da sopprimere. La vita dei testimoni di Geova in Russia, sia degli individui sia delle famiglie, è completamente cambiata. Ora rischiano di essere perseguiti penalmente e imprigionati semplicemente perché professano la loro fede. Una drastica inversione di tendenza in un processo di globalizzazione che vede democratizzazione e libertà d'espressione al primo posto. Philip Brumley, referente legale dei Testimoni ha dichiarato: "La decisione di oggi è stata molto deludente. Un riesame oggettivo delle memorie scritte e delle prove presentate porta a un'unica legittima conclusione: il Centro Amministrativo non è mai stato coinvolto in nessuna cosiddetta attività estremista. Ricorreremo in appello".
Il 2 maggio 2017 un tribunale di Astana, capitale del Kazakistan, ha condannato Tejmur Achmedov a cinque anni di reclusione per aver svolto la sua pacifica opera di istruzione biblica, considerata dalla corte come un mezzo per "incitare alla discordia religiosa" e "promuovere la superiorità [religiosa]". Oltre alla pena detentiva, il giudice ha imposto ad Achmedov il divieto di partecipare all'opera di insegnamento della Bibbia per tre anni. Questa decisione ha messo il sessantunenne Tejmur Achmedov, marito e padre di tre figli, in una posizione particolarmente pericolosa, dato che soffre di un tumore sanguinante e gli sono state negate le cure mediche di cui ha bisogno.
I Testimoni di Geova considerano le azioni del tribunale di Astana come una prova del fatto che il Kazakistan voglia seguire il modello di persecuzione religiosa stabilito dalla Russia.
Tejmur Achmedov è vittima di una legge apparentemente nata come misura antiterrorismo a causa degli estremismi islamici che infondono sempre più paura e innescano politiche di allarme di massa. Gli organismi internazionali, inclusi il Comitato per i Diritti Umani delle Nazioni Unite e la Commissione statunitense sulla libertà religiosa internazionale, comunque, hanno invitato il Kazakistan a smettere di usare tali leggi per perseguitare un culto pacifico". David Semonian ha concluso: "Siamo preoccupati per tutti i nostri compagni di fede del Kazakistan e speriamo che possano svolgere la loro opera di istruzione biblica senza essere più attaccati. Questa opera è infatti nota in tutto il mondo per l'aiuto che dà alle comunità. Seguiremo tutti da vicino questo caso".
In seguito alla sentenza del 20 aprile 2017 emanata dalla Corte Suprema della Federazione Russa contro i Testimoni di Geova, un cittadino danese e alcuni cittadini russi sono stati arrestati la sera del 25 maggio 2017, dopo che la polizia aveva interrotto una loro pacifica rie religiosa. Almeno 15 agenti della polizia e del Servizio Federale di Sicurezza (FSB), tutti armati fino ai denti, hanno fatto irruzione durante una pacifica rie religiosa nella città di Orёl. La polizia ha fatto copie dei documenti di tutti i presenti e sequestrato i loro dispositivi elettronici. L'FSB ha inoltre arrestato Dennis Christensen, un testimone di Geova con cittadinanza danese. Subito dopo la polizia ha perquisito quattro case di testimoni di Geova situate in città. Il signor Christensen è il primo straniero in Russia a essere coinvolto in azioni ufficiali contro i Testimoni di Geova dopo la decisione della Corte Suprema russa. Se condannato, rischia un lungo periodo di reclusione. Le autorità violano le libertà fondamentali dei Testimoni e considerano illegali le loro attività religiose. Inoltre alcuni cittadini russi vedono questa decisione come un'autorizzazione a discriminare i Testimoni e perfino a commettere contro di loro crimini d'odio.
Poche ore dopo la sentenza, a San Pietroburgo un gruppo di uomini ha compiuto atti vandalici ai danni del più grande luogo di culto usato dai Testimoni di Geova in Russia, arrivando anche a minacciare i fedeli. Alcuni vandali hanno attaccato anche altri luoghi di culto, e persino case di Testimoni, a Kaliningrad, Mosca, Penza, Rostov, San Pietroburgo, Sverdlovsk, Voronež e Krasnojarsk. Il 24 maggio 2017, nella città di Žešart, nella Repubblica di Komi, una casa in cui si tenevano rii di Testimoni di Geova è stata gravemente danneggiata a causa di un incendio doloso. Oltre ai raid della polizia e al vandalismo, alcuni Testimoni sono stati aggrediti, minacciati a scuola e sul lavoro o hanno perso il proprio impiego. Si parla di atti di prevenzione terroristica che sono sfociati nella repressione di pensieri e idee religiose, magari difformi alle tipiche usanze della Russia, ma che non hanno mai professato simili trattamenti come quelli che sono stati inflitti alle loro case di culto. Questa discriminazione ha portato esattamente ai risultati che si sperava di evitare con la sentenza emanata. Così facendo ha recato danni a famiglie che professavano la pace e ha calpestato il diritto alla libertà religiosa emanato dal Comitato per i Diritti Umani dell'ONU.

"Sono molto preoccupato per questa ingiustificata repressione delle pacifiche attività dei membri delle comunità dei Testimoni di Geova in Russia. [...] Incoraggio le autorità russe a garantire che vengano tutelati i diritti dei membri della comunità dei Testimoni di Geova relativi alla libertà di religione e di credo, alla libertà di opinione e di espressione, e alla libertà di rie e di associazione, in conformità con l'obbligo del paese di rispettare le leggi internazionali per i diritti umani e gli impegni presi con l'OSCE (Michael Georg direttore dell'Ufficio per le istituzioni democratiche e i diritti umani dell'OSCE)

Share

 

Concorsi & Festival

Ultime Nove

Silvana Grippi . 22 Settembre 2017
Il Centro DEA organizza  Ripartono i CORSI BASE dei programmi leader della #grafica! Impara a post-produrre ed impaginare in 10 ore di corso su Adobe#Photoshop e Adobe #Indesign.➡️ DOVE SI SVOLGONO I CORSI?A Firenze, in Via Fa...
Silvana Grippi . 22 Settembre 2017
Partecipa al progetto editoriale "REPORTER sei TU" DEApress Journal intende coinvolgere uomini e donne, di varie categorie di età tra cui anche i giovani, ad un progetto aperto al contributo di tutti, rivolto all'espressione e alla comunicazione...
Silvana Grippi . 22 Settembre 2017
Inizia alla Galleria Il Ponte la stagione espositiva con l'artista Luca Patella - NON OSO/OSO NON - dal 22 settembre al 10 novembre 2017, una creazione eterogenea di varie forme espressive. L'artista definisce questa esposizione un dialogo tra COSC...
massimo.pieraccini . 22 Settembre 2017
  Arrivano domani sera sabato 23 settembre a Firenze il coro Bachis Sulis di Aritzo un paese dell'entroterra Sardo, in provincia di Nuoro tra Oristano e Arbatax, saranno ospiti del coro Fiorentino La Martinella al teatro Goldoni in via Santa Ma...
Veronica Cellai . 22 Settembre 2017
I bellissimi ritratti riuniti nella Mostra SCRAPS (ovvero "frammenti") saranno esposti presso la biblioteca Crescenzago (MI) fino all'8 ottobre 2017. Ingresso libero. "La prima volta che ho visto un ritratto di Hermes Mereghetti ho avuto la sensaz...
Silvana Grippi . 22 Settembre 2017
Nella fotografia la repressione marocchina contro manifestanti saharawi a Layoune - Sahara occidentale  
DEApress . 22 Settembre 2017
  CONTEMPORANEA FESTIVAL 2017 presenta SYNCHRE / Lorenzo Brusci, Luca Canciello inREQUIEM Centro per l'Arte Contemporanea Luigi Pecci: sabato 23 settembre, ore 22.30   Dal 22 al 26 settembre torna CONTEMPORANEA FESTIVAL, un punto...
Veronica Cellai . 22 Settembre 2017
Foto ripresa dal web   E' di tre giorni fa la notizia riguardante una classe di un istituto primario di Padova composta da tutti bambini stranieri, riportata da il Corriere di Padova. La scuola elementare Antonio Rosmini di Padova infatti è al...
DEApress . 22 Settembre 2017
Don Milani prima di Barbiana. L’esperienza del prete scomodo a Calenzano nello spettacolo che chiude Avamposti Festival Sabato 23 ore 21,30 e domenica 24 settembre ore 16,30 e 21.30 Teatro Manzoni - via Mascagni 18 - Calenzano (Fi) ...

Galleria DEA su YouTube

Social Share Buttons