DEApress

Saturday
Sep 23rd
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

La lotta contro l'immigrazione incontrollata inizia sulla terraferma, non sull'acqua.

E-mail Stampa PDF

Da un'analisi tratta dal giornale britannico "The Guardian"

ad opera dell'autore di "Refugees Deeply", Daniel Howden.

download.png

Il Mar Mediterraneo è stata la culla per tante civiltà: la sua dinamicità ha portato una crescita delle relazioni sociali che hanno beneficiato tanti aspetti, in primis l'economia del continente europeo. Ma dopo tanto tempo siamo arrivati al punto in cui gli scambi e i trasporti di persone, la libera circolazione nel Mediterraneo è messa a repentaglio dalle vicende legate ai flussi migratori.
Da quando il problema dell'immigrazione dal Nord Africa ha assunto dimensioni preoccupanti, ogni stato dell'Unione ne è stato inficiato in qualche modo. Si sono aperte innumerevoli discussioni, a volte sfociate in litigi o azioni rivendicate (chiusura delle frontiere, accordi saltati, costruzioni di muri improvvisati, forze armate disposte in campo ecc...).

Oltre a questo, i tentativi di mediazione e di ricerca di compromessi sono all'ordine del giorno: già nel 2013 si ricorda l'operazione "Mare Nostrum" che aveva come obiettivo il controllo e recupero di tutte le imbarcazioni approssimate alle coste italiane in pericolo di vita. A seguito del suo fallimento, altre 2 operazioni, "Triton e Sophia", sono state perpetrate, con uno scopo pressoché opposto a quello di Mare Nostrum; impedire il contrabbando di immigranti, combattendo le reti nei territori incriminati.

Ma queste operazioni, evidentemente, non hanno avuto molti sviluppi fintanto che le reti di contrabbando continuano ad operare evolvendosi ogni volta che sembrano essere messe al bando. Una delle mediazioni più riuscite (anche se nella fattispecie molti storcono tuttora il naso) è quella che vede l'Italia cooperare con organi ed organizzazioni dell'Ue nel supporto diretto alle forze costiere della Libia mantenendo un certo grado di legittimazione ad agire nei loro territori, nonostante nel resto del paese ex-colonia italiana stiano combattendo una guerra civile.

I fatti dicono che la storia non cambia più di tanto: meno barconi effettivi ma un flusso numerico di persone che sbarcano, muoiono o cercano di arrivare in Italia. E ci sono già richieste a giro dell'Europa sulla necessità di mantenere (a spese europee) Triton e Sophia; la House of Lords inglese ha chiesto ufficiosamente di interrompere tali iniziative, preso atto della loro inefficacia.

Il contesto italiano resta quello più difficile per via delle battaglie tra populisti e nazionalisti che si rinforzano ad ogni evento. E soprattutto, senza fare nomi, ci sono attori politici che prendono il sopravvento nel pensiero comune legittimando a livello popolare un'unica via d'uscita al problema: quella più drastica, che toglierebbe ogni legittimazione alle missioni di salvataggio e recupero. Sempre secondo queste fazioni, sono le stesse ONG a dare adito al contrabbando, visto il loro crescente numero.
Nel 2015 e nel 2016 sono state diminuite le missioni a dimostrare come questi appelli siano stati influenti.

Il capo della commissione della House of Lords annessa per indagare sulla situazione, Baroness Verma ha indicato il punto: "People smuggling begins onshore, so a naval mission is the wrong tool for tackling this dangerous, inhumane and unscrupulous business. Once the boats have set sail, it is too late."Le reti di contrabbando si sviluppano sulla terraferma quindi le missioni in mare sono la soluzione sbagliata. Una volta che i barconi sono partiti, è già tardi.

La verità è che ci sono tante fazioni divise che confondono le idee e ben pochi politicanti disposti a raccontare ai loro elettori che non esistono soluzioni rapide, quando il problema ha una radice complessa. Esistono confini giuridici sottilissimi che le autorità europee non possono varcare pur di aiutare attori extraeuropei. E i battibecchi perenni su chi debba assumersi le responsabilità e le conseguenze sono solo distrazioni da qualsiasi forma risolutiva alla crisi.

Share

Ultimo aggiornamento ( Venerdì 14 Luglio 2017 12:41 )  

Concorsi & Festival

Ultime Nove

Silvana Grippi . 22 Settembre 2017
Il Centro DEA organizza  Ripartono i CORSI BASE dei programmi leader della #grafica! Impara a post-produrre ed impaginare in 10 ore di corso su Adobe#Photoshop e Adobe #Indesign.➡️ DOVE SI SVOLGONO I CORSI?A Firenze, in Via Fa...
Silvana Grippi . 22 Settembre 2017
Partecipa al progetto editoriale "REPORTER sei TU" DEApress Journal intende coinvolgere uomini e donne, di varie categorie di età tra cui anche i giovani, ad un progetto aperto al contributo di tutti, rivolto all'espressione e alla comunicazione...
Silvana Grippi . 22 Settembre 2017
Inizia alla Galleria Il Ponte la stagione espositiva con l'artista Luca Patella - NON OSO/OSO NON - dal 22 settembre al 10 novembre 2017, una creazione eterogenea di varie forme espressive. L'artista definisce questa esposizione un dialogo tra COSC...
massimo.pieraccini . 22 Settembre 2017
  Arrivano domani sera sabato 23 settembre a Firenze il coro Bachis Sulis di Aritzo un paese dell'entroterra Sardo, in provincia di Nuoro tra Oristano e Arbatax, saranno ospiti del coro Fiorentino La Martinella al teatro Goldoni in via Santa Ma...
Veronica Cellai . 22 Settembre 2017
I bellissimi ritratti riuniti nella Mostra SCRAPS (ovvero "frammenti") saranno esposti presso la biblioteca Crescenzago (MI) fino all'8 ottobre 2017. Ingresso libero. "La prima volta che ho visto un ritratto di Hermes Mereghetti ho avuto la sensaz...
Silvana Grippi . 22 Settembre 2017
Nella fotografia la repressione marocchina contro manifestanti saharawi a Layoune - Sahara occidentale  
DEApress . 22 Settembre 2017
  CONTEMPORANEA FESTIVAL 2017 presenta SYNCHRE / Lorenzo Brusci, Luca Canciello inREQUIEM Centro per l'Arte Contemporanea Luigi Pecci: sabato 23 settembre, ore 22.30   Dal 22 al 26 settembre torna CONTEMPORANEA FESTIVAL, un punto...
Veronica Cellai . 22 Settembre 2017
Foto ripresa dal web   E' di tre giorni fa la notizia riguardante una classe di un istituto primario di Padova composta da tutti bambini stranieri, riportata da il Corriere di Padova. La scuola elementare Antonio Rosmini di Padova infatti è al...
DEApress . 22 Settembre 2017
Don Milani prima di Barbiana. L’esperienza del prete scomodo a Calenzano nello spettacolo che chiude Avamposti Festival Sabato 23 ore 21,30 e domenica 24 settembre ore 16,30 e 21.30 Teatro Manzoni - via Mascagni 18 - Calenzano (Fi) ...

Galleria DEA su YouTube

Social Share Buttons