DEApress

Thursday
Nov 23rd
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

La drammatica situazione dei Rohingya

E-mail Stampa PDF

Secondo il Burma Human Rights Network (BHRN), organizzazione con base in Gran Bretagna, la persecuzione della minoranza musulmana dei Rohingya non è limitata allo stato del Rakhine (nordovest del paese) , da dove almeno  123,000 persone sono fuggite nel vicino Bangladesh per sottrarsi alle recenti violenze. L'associazione accusa il governo, i monaci buddisti e i gruppi ultranazionalisti.  Il governo secondo il BHRN avrebbe amplificato una pericolosa narrazione che vede i Rohingya come un elemento alieno in un paese a maggioranza buddista.  Il gruppo ha intervistato più di 350 persne in 46 città per 8 mesi a partire dal marzo del 2016.  I Rohingya vivono in una specie di apartheid e hanno restrizioni alla libertà di movimento e alla cittadinanza. Queste restrizioni riguardano anche altri gruppi musulmani in tutta la nazione e anche l'accesso ai luoghi di culto non è sempre garantito.  Ai musulmani è vietato l'accesso in 21 villaggi del paese.

Le autorità non vogliono sentire parlare di discriminazione e parlano di operazioni anti-terrorismo nel Rakhine. 
A livello internazionale si sono moltiplicati gli appelli al Premio Nobel Aung San Suu Kyi, attualmente Consigliera di Stato e Ministro degli esteri del Myanmar,  tra cui quello della giovane Nobel pakistana Malala.
Aung San Suu Kyi si è difesa in una telefonata al presidente turco Erdogan, parlando di fake news e disinformazione.  
L'ultima ondata di violenza risale allo scorso ottobre quando ci fu  l' attacco di un piccolo gruppo di  Rohingya a un posto di frontiera; la repressione che ne è seguita è la peggiore degli ultimi anni e per molte ong è una pulizia etnica. Amnesty parla (è possibile firmare un appello anche sul sito della sezione italiana)   di sproporzionata campagna di violenza contro la minoranza etnica Rohingya, vittima di uccisioni, arresti arbitrari, sparizioni forzate, torture, stupri, distruzioni di case e proprietà.  Interi villaggi sono stati bruciati nelle ultime due settimane.  Amnesty  sottolinea anche che migliaia di persone sono isolate nelle montagne del Rakhine senza aiuti perchè  non è permesso alle organizzazioni umanitarie di raggiungere quelle zone. 
587 000 rifugiati  Rohingya sono presenti in vivono in Bangladesh, 350000 in Pakistan. Il Bangladesh ha protestato contro le mine collocate dalle autorità birmane lungo i confini per evitare il rientro dei profughi. L'area era già stata minata negli anni '90. Amnesty ha accusato il Bangladesh, che ha precedentemente rifugiato di riconoscere i Rohingya come rifugiati, di rimandare persone in Myanmar e di metterle così in una situazione rischiosa.

Share

 

Concorsi & Festival

Ultime Nove

L'AltopArlAnte . 23 Novembre 2017
  Gli artisti di punta dell’etichetta si uniscono per un progetto che, con totale semplicità e senza gli schemi preconfezionati dettati dall’industria musicale, vuole traghettare un messaggio teso a valorizzare i veri valori della vita. “Brivido s...
L'AltopArlAnte . 23 Novembre 2017
  Un sound fortemente influenzato dal rock d’autore d’impronta americana si fa perno di un percorso narrativo che, ponendo le proprie radici nella letteratura e nel cinema d’oltreoceano, sa coniugare a perfezione ricchezza di contenuti e capacità d’...
L'AltopArlAnte . 23 Novembre 2017
  Il secondo singolo estrapolato dall’album di prossima uscita “Do di matto”, attraverso un sound psichedelico anni ’70, racconta le varie sfumature di un amore profondo ma insano. Come dice il titolo stesso la canzone narra di un amore tormentato...
DEApress . 22 Novembre 2017
Giornata ricca di appuntamenti, oggi mercoledì 22 novembre, con l'Università degli Studi di Firenze. Gli eventi, ospitati tutti nel centro della città, si muovono tra innovazione, contrasto al bullismo, arte e ricordi di solidarietà: Ore 9.00 – Aula...
Silvana Grippi . 22 Novembre 2017
Associazione Socioculturale D.E.A. onlus DEApress Foto - Video, Grafica e Articoli vari compresi contenuti parziali, Mostre didattiche   Regolamento Fotografie, video, articoli, editoria,mostre didattiche, copie di immagini grafiche e/o icon...
DEApress . 22 Novembre 2017
Silvana Grippi . 21 Novembre 2017
La fotografia ha una sua dimensione storica e per poter meglio capirla bisogna partire dal "punto di vista storico" odierno e affrontato nei termini in cui si vuole e/o si deve usare. Quindi chi si approccia alla fotografia deve imparare e comprender...
Silvana Grippi . 21 Novembre 2017
VI ASPETTIAMO!
DEApress . 21 Novembre 2017
  L’ho sempre saputo, ed. Derive Approdi, 2017 DAVIDE STECCANELLA    “La donna raccontava e io scoprivo”.  Una fiaba moderna che narra l’incontro immaginario tra due detenute.  Un incontro folgorante nello squallore...

Galleria DEA su YouTube

Social Share Buttons