DEApress

Tuesday
Dec 12th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Venezuela - Caracas

E-mail Stampa PDF

L'immagine può contenere: 1 persona, con sorriso, folla

 

 

Si sono concluse a Caracas con una imponente manifestazione antimperialista le quattro giornate di solidarietà mondiale intitolate Todos Somos Venezuela. Dopo un ampio dibattito che si è svolto nei diversi tavoli, è stato approvato un Proclama di sostegno al “dialogo mondiale per la pace, la sovranità e la democrazia bolivariana” e un decalogo di proposte: un Piano d'azione “per rafforzare la solidarietà con la Rivoluzione bolivariana e per dare impulso alle lotte per l'emancipazione dei popoli”.
A complemento teorico delle attività, il Teatro Teresa Carreño ha ospitato il forum Antiimperialismo y luchas sociales. Al tavolo, tre accademici di alto profilo – Carmen Bohorquez, Adan Chavez, Ana Esther Ceceña – e un giornalista argentino pluripremiato, da anni in trincea nella battaglia delle idee, Carlos Aznarez, direttore della rivista Resumen Latinoamericano. 
Nella relazione introduttiva, la storica venezuelana Carmen Bohorquez ha analizzato la natura degli attacchi contro il socialismo bolivariano all'interno della logica delle “rivoluzioni colorate” che hanno preso piede in alcuni stati post-sovietici: in apparenza con metodi non-violenti e di disobbedienza civile riassunti nei testi di Gene Sharp, in realtà con l'obiettivo di preparare la strada alle aggressioni imperialiste per imporre governi subarterni alle politiche occidentali. 
Strategie che non hanno però fatto breccia nella società venezuelana e che si sono scontrate con l'alto livello di coscienza del popolo bolivariano. Dal colpo di Stato contro Hugo Chavez, organizzato dalle oligarchie nel 2002, passando per il paro petrolifero e poi per i tentativi violenti di sovvertire i governi di Chavez e di Maduro, l'imperialismo nordamericano e le destre venezuelane che lo rappresentano hanno cercato di azzerare la sovranità e l'indipendenza della República Bolivariana de Venezuela, ma sono stati respinti. Nonostante quattro mesi di attacchi violenti, oltre 8 mil

ioni di venezuelani si sono recati alle urne per votare i candidati all'Assemblea Nazionale Costituente (Anc), il 30 luglio di quest'anno. 

Il professor Adan Chavez, fratello maggiore del Comandante scomparso e Presidente de Asuntos Internacionales de la Anc ha spiegato le modalità con le quali l'imperialismo tenta di imporre relazioni asimmetriche ai paesi del sud globale che intende sottomettere. Ha denunciato l'acuirsi di strategie destabilizzanti contro i governi progressisti e rivoluzionari del continente latinoamericano dopo l'arrivo di Donald Trump. Ha ricordato la lunga storia di aggressioni Usa contro i popoli dell'America latina, rinnovando l'impegno antimperialista per contenere le aggressioni contro la rivol

uzione bolivariana: “Ci stiamo scontrando – ha detto – con l'impero più cinico e potente nella storia dell'umanità, ma il popolo resta fermo nella difesa della sua patria, non hanno potuto né potranno con noi”. 

L'economista messicana Ana Esther Ceceña ha illustrato le diverse strategie Usa per estendere il suo controllo nel mondo attraverso la dislocazione e l'uso delle basi militari: “Il Pentagono – ha spiegato – dispone di una mappa strategica per impadronirsi delle riserve minerali e delle ricchezze più importanti”. Per questo, ha bisogno di destabilizzare i territori che le possiedono, mettendoli in “situazione di guerra”: creando, soprattutto, situazioni di fragilità economico-sociale che giustifichino l'intervento esterno e gli consentano di entrare nei paesi presi di mira. Alcune basi militari hanno proprio questo compito specifico.
Carlos Aznarez, che durante la dittatura civico-militare argentina è stato in carcere e poi in clandestinità, ha messo in evidenza l'importanza della resistenza popolare contro l'imperialismo nordamericano, responsable della distruzione dell'ecosistema e della manipolazione mediatica mondiale. La lotta di classe – ha precisato – non si esaurisce nelle elezioni e nelle regole dettate dalla democrazia borghese. 
In assenza di un'alternativa credibile, forte e organizzata, quando tornano governi neoliberisti come Macri in Argentina o Temer in Brasile, s'impongono le stesse ricette impopolari, basate su licenziamenti massicci e azzeramento delle conquiste sociali che hanno consentito a milioni di persone di uscire dalla povertà. E si riaffacciano i metodi delle dittature, come nel caso della scomparsa del mapuche argentino Santiago Maldonado. 
Aznarez, giornalista d'analisi e d'impegno, ha sottolineato il ruolo del “terrorismo mediatico” come elemento di sostegno fondamentale alle “truppe imperialiste”. Difendere il Venezuela bolivariano – ha detto – significa lottare per tutto il continente, “se Macri e Temer verranno scalzati dal potere dipenderà dai nostri popoli”.

Share

Ultimo aggiornamento ( Venerdì 22 Settembre 2017 08:38 )  

Concorsi & Festival

Ultime Nove

Leonardo Marinelli . 12 Dicembre 2017
Ha raggiunto l'80% di adesione lo sciopero nazionale dei medici e dirigenti del Servizio sanitario nazionale, indetto per oggi. Sono circa 134.000 i professionisti che hanno deciso di astenersi dal recarsi presso i propri posti di lavoro e le prime p...
L'AltopArlAnte . 12 Dicembre 2017
  Pubblicato dall’etichetta Rusty Records, il caleidoscopico pezzo che unisce pop, folk e accenni di musica classica, anticipa il progetto #robadamati La canzone "Passo Dopo Passo" di Giuseppe D'Amati, è in gran parte autobiografica. E' dedicata...
L'AltopArlAnte . 12 Dicembre 2017
Ritorna il Premio Bindi Winter, l’edizione speciale invernale del Festival della canzone d’autore. Il Premio Bindi si tiene tutti gli anni in luglio davanti al mare di Santa Margherita Ligure ed è uno dei festival più importanti della canzone d...
DEApress . 12 Dicembre 2017
Era il 12 dicembre del 1969: una bomba di Stato chiudeva in modo tragico la decade che aveva visto saldarsi in Italia la rivolta studentesca con quella operaia, segnando pesantemente quella successiva, conclusa con altra bomba, ancor più micidiale, a...
Fabrizio Cucchi . 11 Dicembre 2017
In una visita a sorpresa alla base russa in Siria di Hmeymim, Putin questa mattina ha annunciato un parziale ritiro delle truppe russe dalla regione (1). Questo annuncio è stato accompagnato da "roboanti cifre" sui successi russi nella zona. "Sono st...
DEApress . 11 Dicembre 2017
Riceviamo e pubblichiamo:"Giovedì 14.12.17, ore 18h.30, presso il Centro Java per il ciclo di incontri "Approfondimenti Stupefacenti": Guerra e DrogaIncontro con Alessandro De Pascale - giornalistaMaggiori informazioni su www.infojava.itDagli oppiace...
L'AltopArlAnte . 11 Dicembre 2017
  Il gruppo della versatile musicista traccia in questo disco un percorso musicale d’impronta folk-rock volto a rappresentare la figura femminile in ogni possibile sfumatura. Lionheart è la rappresentazione di una donna, è “La Donna” ed è tante...
L'AltopArlAnte . 11 Dicembre 2017
  Dopo una carriera già ricca di riconoscimenti (finalista al Premio Tenco, attore e autore teatrale e cinematografico, compositore di successi musicali e sigle radiofoniche), l’eclettico artista, già frontman de Il Parto delle Nuvole Pesanti, propo...
L'AltopArlAnte . 11 Dicembre 2017
  Prodotto con la collaborazione di Jamie Sellers (Alesha Dixon, Pixie Lott) presso il Run Wild Music di Londra, il brano incontra atmosfere che spaziano fra pop e dark portando a galla il tema della libertà come superamento delle catene espressive ...

Galleria DEA su YouTube

Social Share Buttons