DEApress

Saturday
May 26th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Wesatimes.com - Sahara occidentale - comunica

E-mail Stampa PDF
 
Riceviamo e pubblichiamo: http://it.wesatimes.com 
 
Mohamed Ayoubi del gruppo Gdeim Izik, prigioniero politico è deceduto nella sua casa ad Laayoune.

La prima vittima del gruppo saharawi Gdeim Izik eroi nazionali, ingiustamente condannato dal regime di occupazione a pene detentive dure. Il Marocco è responsabile di questa morte in una lunga storia di omicidi, torture, sparizioni forzate, bombardamenti.

Il lento genocidio del popolo Saharawi finirà solo il giorno in cui l Marocco uscirà dai territori occupati e la comunità internazionale si assumerà le proprie responsabilità.

Ayoubi che è stato arrestato dalle autorità di occupazione marocchina durante lo smantellamento di Gdeim Izik il 8 novembre 2010. E’ stata una vittima di stupro e tortura fisica e psicologica per diversi giorni presso la sede della gendarmeria e la stazione di polizia nella Città occupata di Laayoune.  E’ stato anche trasferito in diverse prigioni in Marocco.

A causa delle torture subite, ha dovuto rimanere su una sedia a rotelle durante la sua detenzione a Salé 2 fino al 12 gennaio 2011, quando è stato trasferito all’ospedale Souissi Rabat dove è stato ammesso fino al 28 febbraio 2011.

Quando tornò in prigione riuscì a camminare, ma a causa delle torture e delle sue condizioni diabetiche e problemi ai reni, continuò con gravi problemi di salute e senza la necessaria assistenza medica.

A partire dal 31 ottobre 2011, tutti i prigionieri di Gdeim Izik hanno iniziato uno sciopero della fame che è durato più di un mese. Il 2 dicembre 2011, il Consiglio per i diritti umani marocchino ha negoziato con gli scioperanti il ​​rilascio di Mohamed Ayoubi, che era una delle principali richieste a causa del suo stato di salute estremamente grave.

Nelle sue condizioni di libertà condizionale, Ayoubi ha dovuto presentarsi davanti al tribunale militare per il processo al gruppo Gdeim Izik nel febbraio 2013, dove è stato condannato a 20 anni di prigione, ma ha proseguito in libertà vigilata.

La salute di Mohamed Ayoubi lo ha costretto a iniziare l’emodialisi e dicembre 2016 è stato ancora una volta la corte con il gruppo di Gdeim Izik, dopo la decisione della Corte Suprema del Marocco che ha inviato il processo alla corte d’appello di vendita, il tribunale militare non aveva la competenza per giudicare i civili e secondo la Corte Suprema non aveva fornito prove sufficienti per dimostrare le accuse.

Ayoubi non ha partecipato la maggior parte delle sessioni del processo, che è durato sette mesi, come aveva due sedute settimanali di emodialisi, il caso è stato separato dal processo del resto del gruppo nel giugno 2017 e il 20 dicembre 2017, un anno dopo l’inizio del processo, Ayoubi è stato nuovamente condannato in contumacia a 20 anni di carcere in libertà vigilata.

Nel gennaio 2018, due dita sono state amputate, la situazione sanitaria peggiora giornalmente fino a al il 21 febbraio,

Ayoubi muore nell’ospedale di El Aaiún senza aver avuto giustizia.

Omar Zein Bachir 

Share

Ultimo aggiornamento ( Giovedì 22 Febbraio 2018 13:00 )  

Concorsi & Festival

Ultime Nove

Silvana Grippi . 26 Maggio 2018
Scelta per voi dal nostro archvo DEApress - foto di Silvana Grippi
Silvana Grippi . 25 Maggio 2018
Cerchiamo volontari per scannerizzare e preparare nuove pubblicazioni. Archiviazione di: Oggetti, strumenti, dal calotipo al vetro, pellicole B/N e colore, diapositive, foto e video digitali, filmati, dvd, libri ed altro, testimonianze di event...
Piero Fantechi . 25 Maggio 2018
SGRANA & TRABALLA 2018 24-25-26 MAGGIO TRE GIORNI DI MUSICA POPOLARE CENTRO POPOLARE AUTOGESTITO FIRENZE SUD VIA VILLAMAGNA 27A – FIRENZEwww.facebook.com/cpafirenzesud www.cpafisud.org TUTTI I GIORNI CIBO, CONCERTI E SOLIDARIETA’ —————————...
Piero Fantechi . 25 Maggio 2018
              
Beatrice Canzedda . 24 Maggio 2018
    Sabato 26 maggio alle ore 17.30, presso la Galleria ZetaEffe, si terrà l'inaugurazione della mostra Milleduecentosessantuno. Fra astrattismo e arte concettuale, fra modernità e contemporaneità di percorso creativo e s...
Silvana Grippi . 24 Maggio 2018
Piero Fantechi . 24 Maggio 2018
Ecco i nuovi quaderni autoprodotti da DEArt
Piero Fantechi . 24 Maggio 2018
Eccovi qui di seguito il progetto "Il Muro" dove vari artisti/e si incontrano Catalogo con il seguente link: https://issuu.com/deapress/docs/catalogom.u.r.o.empoli_finito
DEApress . 24 Maggio 2018
 Ecovillaggi in Italia   Negli ultimi anni sono sempre di più i paesi e le comunità europee che aderiscono all’iniziativa, compresa l’Italia, che dal 2016 con la RIVE e la Rete Italiana Cohousing contribuisce all’impegno di rendere questo...

Galleria DEA su YouTube

Social Share Buttons