DEApress

Monday
Oct 22nd
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Wesatimes.com - Sahara occidentale - comunica

E-mail Stampa PDF
 
Riceviamo e pubblichiamo: http://it.wesatimes.com 
 
Mohamed Ayoubi del gruppo Gdeim Izik, prigioniero politico è deceduto nella sua casa ad Laayoune.

La prima vittima del gruppo saharawi Gdeim Izik eroi nazionali, ingiustamente condannato dal regime di occupazione a pene detentive dure. Il Marocco è responsabile di questa morte in una lunga storia di omicidi, torture, sparizioni forzate, bombardamenti.

Il lento genocidio del popolo Saharawi finirà solo il giorno in cui l Marocco uscirà dai territori occupati e la comunità internazionale si assumerà le proprie responsabilità.

Ayoubi che è stato arrestato dalle autorità di occupazione marocchina durante lo smantellamento di Gdeim Izik il 8 novembre 2010. E’ stata una vittima di stupro e tortura fisica e psicologica per diversi giorni presso la sede della gendarmeria e la stazione di polizia nella Città occupata di Laayoune.  E’ stato anche trasferito in diverse prigioni in Marocco.

A causa delle torture subite, ha dovuto rimanere su una sedia a rotelle durante la sua detenzione a Salé 2 fino al 12 gennaio 2011, quando è stato trasferito all’ospedale Souissi Rabat dove è stato ammesso fino al 28 febbraio 2011.

Quando tornò in prigione riuscì a camminare, ma a causa delle torture e delle sue condizioni diabetiche e problemi ai reni, continuò con gravi problemi di salute e senza la necessaria assistenza medica.

A partire dal 31 ottobre 2011, tutti i prigionieri di Gdeim Izik hanno iniziato uno sciopero della fame che è durato più di un mese. Il 2 dicembre 2011, il Consiglio per i diritti umani marocchino ha negoziato con gli scioperanti il ​​rilascio di Mohamed Ayoubi, che era una delle principali richieste a causa del suo stato di salute estremamente grave.

Nelle sue condizioni di libertà condizionale, Ayoubi ha dovuto presentarsi davanti al tribunale militare per il processo al gruppo Gdeim Izik nel febbraio 2013, dove è stato condannato a 20 anni di prigione, ma ha proseguito in libertà vigilata.

La salute di Mohamed Ayoubi lo ha costretto a iniziare l’emodialisi e dicembre 2016 è stato ancora una volta la corte con il gruppo di Gdeim Izik, dopo la decisione della Corte Suprema del Marocco che ha inviato il processo alla corte d’appello di vendita, il tribunale militare non aveva la competenza per giudicare i civili e secondo la Corte Suprema non aveva fornito prove sufficienti per dimostrare le accuse.

Ayoubi non ha partecipato la maggior parte delle sessioni del processo, che è durato sette mesi, come aveva due sedute settimanali di emodialisi, il caso è stato separato dal processo del resto del gruppo nel giugno 2017 e il 20 dicembre 2017, un anno dopo l’inizio del processo, Ayoubi è stato nuovamente condannato in contumacia a 20 anni di carcere in libertà vigilata.

Nel gennaio 2018, due dita sono state amputate, la situazione sanitaria peggiora giornalmente fino a al il 21 febbraio,

Ayoubi muore nell’ospedale di El Aaiún senza aver avuto giustizia.

Omar Zein Bachir 

Share

Ultimo aggiornamento ( Giovedì 22 Febbraio 2018 13:00 )  

Concorsi & Festival

Ultime Nove

Piero Fantechi . 22 Ottobre 2018
A San Miniato al Monte si commemora Carlo Lorenzini La recente inaugurazione della mostra “Gernika” nella cripta della Basilica di San Miniato al Monte, precede di pochi giorni un anniversario molto importante: i 128 anni trascorsi dalla morte di C...
Piero Fantechi . 22 Ottobre 2018
POCA CONSAPEVOLEZZA DEI RISCHI DA PARTE DELLE IMPRESE ITALIANE. Grazie al progetto europeo “Life Derris” e al Coordinamento Agende 21 locali italiane, nasce una community di enti locali impegnati a supportarle nella prevenzione e nella riduzion...
Piero Fantechi . 22 Ottobre 2018
L’Associazione “Per Boboli” organizza martedì 30 ottobre 2018 alle 17.30, presso il Teatro del Rondò di Bacco (Piazza Pitti, 1 - Firenze), la conferenza “Il giardino inglese attraverso gli occhi di Jane Austen. Tra wilderne...
Piero Fantechi . 22 Ottobre 2018
  SUCCESSO DI DIDACTA ITALIA 2018 Nella seconda edizione della fiera sulla formazione +23% di biglietti venduti, oltre 23.000 partecipanti a seminari ed eventi, 130 giornalisti accreditati. Più di 100.000 persone raggiunte sui social Firenz...
Silvana Grippi . 20 Ottobre 2018
Tratto da Umanità nuova  Giovanna Caleffi (1897-1962) e Maria Luisa Berneri (1918-1949) sono conosciute come “moglie di” e “figlia di” Camillo Berneri, noto intellettuale antifascista e militante anarchico assassinato dai ...
Piero Fantechi . 19 Ottobre 2018
Ecco i nuovi servizi dell'Archivio fotografico DEApress - Nel nuovo Laboratorio saranno disponibili tessere sconto per soci a partire da Lunedì  Self Service con voce per l'autoproduzione (con spiegazioni vocali). Centro Sociocultural...
Piero Fantechi . 19 Ottobre 2018
Proseguono le iniziative del Centro Socioculturale D.E.A.onluspreviste per il mese di ottobre
Silvana Grippi . 19 Ottobre 2018
La ns. Associazione ha deciso di rivolgersi a giovani e adulti per iniziare a far conoscere DEApress. Eccovi le Giornate di Formazione per giovani che vogliono scrivere in un giornale web. Ogni mese organizzeremo tre mattine per aspiranti volontar...
Silvana Grippi . 19 Ottobre 2018
Sabato 20 Ottobre alle ore 18,00 nei locali del Centro Socioculturale D.E.A.onlus - Firenze Via degli Alfani 16/r PRESENTAZIONE E LETTURE DEL LIBRO: IL PROCESSO BATACCHI

Galleria DEA su YouTube

Social Share Buttons