DEApress

Monday
Oct 22nd
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Pesca nel Sahara Occidentale

E-mail Stampa PDF

eu_morocco_sharks_610x200.jpg

La Corte di giustizia dell'Unione europea ritiene che l'accordo di pesca UE-Marocco non si applichi al pesce saharawi

Mohamed Dihani e Omar

Il tribunale dell'UE ha emesso una sentenza in cui si afferma che l'Accordo di partenariato nel settore della pesca UE-Marocco è valido solo se non si applica alle acque del Sahara occidentale.

La Corte di giustizia dell’Unione Europea (Cjue) ha nuovamente ribadito ieri che gli accordi commerciali dell’UE col Marocco, pur restando validi, non riguardano il Sahara Occidentale per il semplice motivo che questo territorio non fa parte del Marocco. La Corte europea era stata chiamata a pronunciarsi dall’Alta corte del Regno Unito sull’Accordo di pesca tra UE e Marocco (2012-18), a seguito della denuncia contro il governo inglese di una ong, la Western Sahara Campaign (WSC). Londra infatti autorizza navi inglesi a pescare nelle acque del Sahara Occidentale e ad importare prodotti con le esenzioni doganali nel quadro dell’Accordo.

I giudici europei hanno motivato la decisione col fatto che una diversa interpretazione dell’Accordo violerebbe le norme del diritto internazionale, ed in particolare il principio di autodeterminazione, norme che l’UE si è obbligata a rispettare fin dalla sua nascita. La sentenza è stata salutata con sollievo da tutta la comunità saharawi, tanto più che è coincisa con il 42° anniversario (27 febbraio 1976) della proclamazione della Repubblica Araba Sahrawi Democratica (RASD), in esilio nel deserto algerino.

La decisione non giunge del tutto inaspettata. Nel dicembre 2016 la Corte si era già espressa nello stesso senso, escludendo il Sahara Occidentale dall’Accordo di libero scambio UE-Marocco del 2012. Spetta però ai tribunali dei singoli stati far rispettare la sentenza. Il primo tribunale a doversi pronunciare sarà quello inglese che aveva sospeso il processo iniziato dalla WSC, per rivolgersi alla Corte di giustizia, in quanto la pesca è materia di competenza esclusiva dell’UE.

Le due sentenze sono destinate a pesare sui prossimi accordi col Marocco. Quello sulla pesca scade il 14 luglio e lo scorso 19 febbraio il Consiglio europeo ha autorizzato la Commissione a negoziarne il rinnovo. 

Il Marocco ricatta l’Europa minacciando di aprire le porte all’immigrazione illegale e di stipulare intese con altri paesi (Russia e Giappone) nel caso in cui il Sahara Occidentale venga escluso dal nuovo accordo, tanto più che, secondo i dati forniti dalla stessa Commissione europea, il 91,5% del pescato proviene proprio dalle acque sahrawi. La Spagna, da parte sua, sostiene il vecchio accordo perché sono soprattutto i pescherecci spagnoli a beneficiarne. L’Italia non ha chiesto licenze per i suoi pescherecci, ma è il secondo importatore di pesce dal Marocco dopo la Spagna.

Colpisce in tutto ciò la doppiezza dell’UE. Da una parte l’Europa sostiene ufficialmente il diritto all’autodeterminazione del Sahara Occidentale e gli sforzi dell’Onu per un referendum, e dall’altra consente alle sue imprese di sottrarre le risorse naturali al legittimo proprietario, il popolo sahrawi, nel quadro di accordi commerciali stipulati con il Marocco. Più volte la legittimità di questi accordi era stata sollevata da parlamentari europei e da alcuni stati membri, ma l’UE aveva deciso di andare ipocritamente avanti come se nulla fosse.

Share

 

Concorsi & Festival

Ultime Nove

Piero Fantechi . 22 Ottobre 2018
A San Miniato al Monte si commemora Carlo Lorenzini La recente inaugurazione della mostra “Gernika” nella cripta della Basilica di San Miniato al Monte, precede di pochi giorni un anniversario molto importante: i 128 anni trascorsi dalla morte di C...
Piero Fantechi . 22 Ottobre 2018
POCA CONSAPEVOLEZZA DEI RISCHI DA PARTE DELLE IMPRESE ITALIANE. Grazie al progetto europeo “Life Derris” e al Coordinamento Agende 21 locali italiane, nasce una community di enti locali impegnati a supportarle nella prevenzione e nella riduzion...
Piero Fantechi . 22 Ottobre 2018
L’Associazione “Per Boboli” organizza martedì 30 ottobre 2018 alle 17.30, presso il Teatro del Rondò di Bacco (Piazza Pitti, 1 - Firenze), la conferenza “Il giardino inglese attraverso gli occhi di Jane Austen. Tra wilderne...
Piero Fantechi . 22 Ottobre 2018
  SUCCESSO DI DIDACTA ITALIA 2018 Nella seconda edizione della fiera sulla formazione +23% di biglietti venduti, oltre 23.000 partecipanti a seminari ed eventi, 130 giornalisti accreditati. Più di 100.000 persone raggiunte sui social Firenz...
Silvana Grippi . 20 Ottobre 2018
Tratto da Umanità nuova  Giovanna Caleffi (1897-1962) e Maria Luisa Berneri (1918-1949) sono conosciute come “moglie di” e “figlia di” Camillo Berneri, noto intellettuale antifascista e militante anarchico assassinato dai ...
Piero Fantechi . 19 Ottobre 2018
Ecco i nuovi servizi dell'Archivio fotografico DEApress - Nel nuovo Laboratorio saranno disponibili tessere sconto per soci a partire da Lunedì  Self Service con voce per l'autoproduzione (con spiegazioni vocali). Centro Sociocultural...
Piero Fantechi . 19 Ottobre 2018
Proseguono le iniziative del Centro Socioculturale D.E.A.onluspreviste per il mese di ottobre
Silvana Grippi . 19 Ottobre 2018
La ns. Associazione ha deciso di rivolgersi a giovani e adulti per iniziare a far conoscere DEApress. Eccovi le Giornate di Formazione per giovani che vogliono scrivere in un giornale web. Ogni mese organizzeremo tre mattine per aspiranti volontar...
Silvana Grippi . 19 Ottobre 2018
Sabato 20 Ottobre alle ore 18,00 nei locali del Centro Socioculturale D.E.A.onlus - Firenze Via degli Alfani 16/r PRESENTAZIONE E LETTURE DEL LIBRO: IL PROCESSO BATACCHI

Galleria DEA su YouTube

Social Share Buttons