DEApress

Friday
Oct 20th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Foto di Giuliana Rogano, Il "manicomio" di Leros

E-mail Stampa PDF

 alt

Giuliana Rogano, il “manicomio” di Leros

 

Storie del Mediterraneo

Storie di abbandono, di diversità, di emarginazione. Dolore e sofferenza impregnano i muri del complesso di edifici affacciato sullo splendido porto naturale di Lakki.

Costruito negli anni ’30 dagli italiani come base militare, ha ospitato i soldati fino agli anni ’50, quando è diventato il “manicomio” di Leros per i malati, i disadattati, i diversi, cioè coloro che non trovavano spazio nella società greca dell’epoca. Un luogo infame, in cui durante il regime dei Colonnelli furono trasferiti anche i detenuti politici e gli orfani della guerra civile. Le scritte sui muri sono il segno della coercizione mentale e psicologica cui erano sottoposti i “rinchiusi”. Da anni il complesso è in stato di abbandono ma, a conferma del fatto che ci sono luoghi che sembrano dover assolvere per sempre la stessa funzione, in una parte di esso, quella all’epoca destinata alle donne, l’UNHCR ha istituito un centro di accoglienza per i profughi siriani.

Leros (Grecia) – ottobre 2015

 

 

Giuliana Rogano

Nata a Napoli, 1971. Architetto, con una grande passione per i viaggi, il mare e la navigazione, le immagini che evocano ricordi, il bello e l’arte in generale.

Ha abbandonato la professione tre anni fa e ha iniziato a navigare nel Mediterraneo; un gruppo di amici, un ketch di 60 piedi di nome “Mediterranea” e la sua macchina fotografica. La spedizione italiana si chiama “Progetto Mediterranea. 5 anni a vela nel Mediterraneo”.

“Questa mia nuova rotta è un viaggio tra paesi, popoli e culture del Mediterraneo, e navigando e viaggiando, osservo e ascolto e fotografo”.

Dall’Adriatico, all’Egeo, al mar Nero e poi ancora Egeo. Italia, Grecia, Turchia, Georgia, Romania, Bulgaria e ancora Grecia fino ad ora.

Ma il suo viaggio continua, non è tempo di fermarsi.

Share

Ultimo aggiornamento ( Mercoledì 14 Dicembre 2016 15:29 )  

Concorsi & Festival

Ultime Nove

Cosimo Biliotti . 19 Ottobre 2017
Oltre l’Arno si svela una Firenze tutta da scoprire, ricca di botteghe artigiane, di piccoli locali e trattorie, di fiorentini che vivono ancora la città lontani dai flussi classici del turismo. ‘Oltrarno su misura’ è la prima guida tutta dedicata al...
Silvana Grippi . 19 Ottobre 2017
Il popolo saharawi, oggi perde un personaggio importantissimo per la sua storia; poeta, scrittore e cantautore. Si chiamava #Beibuh -  E' morto il più famoso e rivoluzionario saharawi che con le sue odi ha cambiato il mo...
Silvio Terenzi . 19 Ottobre 2017
MAURO PINA"L'HO SCRITTO IO" "Sei Fantastico" - Official Video(feat. Rosalinda Celentano) Disco latino dai tratti italiani per quanto possibile americano? Beh non è un gioco di cut up (sarebbe stato pessimo tra l’altro) ma è un semplice modo, un p...
Antonella Burberi . 19 Ottobre 2017
RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO La responsabilità nell’ambito della comunità. Il fondatore del “Gruppo Abele” don Luigi Ciotti al terzo incontro del nuovo ciclo “Sulla scia dei giorni” Sabato 21 ottobre alle ore 10.30 al Teatro Niccolini – Ingresso lib...
massimo.pieraccini . 19 Ottobre 2017
Un'esperienza multisensoriale tra cultura sapori e profumi è quella che ti può regalare una serata al Fulin! Il ristorante cinese che ha saputo portare in riva all'Arno la cultura dell'antico oriente, divenendo uno dei ristoranti asiatici più ricer...
Stefania Parmigiano . 18 Ottobre 2017
San Gennaro che allontana i fulmini dalla città di Onofrio Palumbo - Chiesa della Santissima Trinità (all'interno dell'Ospedale dei Pellegrini)  Foto di Stefania Parmigiano Il concetto di pronto soccorso in Toscana è profondamente d...
Antonella Burberi . 18 Ottobre 2017
Firenze, Museo Archeologico Nazionale – La mostra Pretiosa vitrea, l’arte vetraria antica nei musei e nelle collezioni private della Toscana, visitabile dal 17 ottobre 2017 al 29 gennaio 2018, nasce dalla volontà del Museo Archeologico Nazionale di F...
DEApress . 17 Ottobre 2017
Il socialismo bolivariano non ha una buona stampa in Italia e nemmeno nel resto d'Europa. Per giorni è lanciato in prima pagina, attaccato con le più grandi bugie, poi viene consegnato al silenzio quando dimostra nei fatti di essere un "esperimento...

Galleria DEA su YouTube

Social Share Buttons