DEApress

Monday
Jun 25th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Corte di Strasburgo: prima condanna di inerzia alle autorità nei casi di violenza domestica

E-mail Stampa PDF

Corte.jpg

L'Italia condannata dalla Corte Europea dei Diritti Umani di Strasburgo per non aver fornito rapida ed efficace protezione a Elizaveta e suo figlio Ion dalla violenza di Andrei Talpis, marito e padre delle vittime, il quale tentò di uccidere la moglie e uccise il figlio che era intervenuto per difendere la madre. Elizaveta aveva denunciato l'uomo per violenze domestiche nel 2012 per la prima volta. Nello stesso anno si rivolse ancora alla polizia quando fu nuovamente aggredita con un coltello, che valse al marito la segnalazione per porto d'armi abusivo, e successivamente ancora per maltrattamenti. Nel 2013 altre due segnalazioni per botte, e a novembre l'epilogo: l'uomo va ubriaco a casa della donna, la picchia, viene portato dalla polizia in ospedale per intossicazione, poco dopo ne esce, ritorna a casa e, prendendo un coltello dalla cucina, si avventa sulla donna. Interviene il figlio Ion che cade sotto le pugnalate poi Talpis insegue la donna che viene raggiunta per strada e colpita. La polizia trova l'uomo seduto a terra davanti la casa.
Nel processo che seguì dichiarò che voleva soltanto spaventare la moglie, ma fu condannato all'ergastolo. Roberto Mete, avvocato dell'uomo, dichiara: "Era un soggetto profondamente disagiato, affetto da un alcolismo cronico che viveva in una situazione familiare per lui insoddisfacente. La situazione avrebbe dovuto essere affrontata in modo più approfondito in precedenza"
Nella sentenza i giudici rilevano che "la signora Talpis è stata vittima di discriminazione come donna a causa della mancata azione delle autorità, che hanno sottovalutato (e quindi essenzialmente approvato) la violenza in questione"
E' una sentenza importante perchè definisce i limiti entro i quali troppo spesso, in casi di violenza domestica, le istituzioni si sono asserragliate adducendo l'impossibilità legale di intervento. Negli ultimi anni c'è stato un cambio di rotta e più spesso si sente dire "donne, denunciate", ma fino a ieri la frase ricorrente in questi casi era "finchè non c'è reato non possiamo fare nulla, cerca di non provocarlo", in un rovesciamento di responsabilità che è prassi in una società che ha sempre ritenuto, evidentemente, che l'uomo non sia tenuto al controllo di sé. Le donne oggi denunciano, ma continuano a cadere vittime dell'inerzia culturale che contraddistingue una mentalità maschilista ancora troppo radicata, che lascia gli uomini liberi di uccidere anche quando esistono tutti i segnali premonitori per evitarlo.
Speriamo quindi che la giurisprudenza, visto che non riescono i legislatori (è di ieri la notizia della sentenza che riconosce la validità giuridica in Italia dell'atto di nascita di due bambini nati all'estero che indicava come genitori due uomni) riesca ad aprire la strada a quella rivoluzione culturale necessaria ad affrontare, con occhi aperti, l'inevitabile evoluzione della società.

Share

Ultimo aggiornamento ( Sabato 04 Marzo 2017 00:00 )  

Concorsi & Festival

Ultime Nove

DEApress . 22 Giugno 2018
Venerdì 27 Luglio, alle ore 21, 30, la splendida cornice del Teatro Romano di Fiesole ospiterà la cerimonia del "Premio ai Maestri del Cinema", riconoscimento conferito dal Comune di Fiesole, dal Sindacato Nazionale dei Critici Cinematografici Ital...
Silvana Grippi . 22 Giugno 2018
  CastigliondiPrimavera saluta l’arrivo dell’estate Nell'affascinante borgo medioevale due giorni all'insegna del gusto e del benessere23-24 giugno Castiglione della Pescaia diventa vetrina per le eccellenze enogastronomiche, a...
DEApress . 22 Giugno 2018
        In occasiane della conferenza che si terrà il 22 Giugno 2018 dalle ore 16.00 alle ore 19.30, in Piazza della Repubblica 13-14Rosso presso il Caffè Letterario "Le Giubbe Rosse a Firenze si parlerà d...
Piero Fantechi . 22 Giugno 2018
Dal 10 luglio al 3 agosto 2018 LOCOMOTIVE JAZZ FESTIVAL “La Musica Cresce nelle periferie” Malika Ayane, Avion Travel, Dolcenera, Bungaro, Fabio Concato, Kurt Elling, Kenny Garrett, StefanoDi Battista eNicky Nicolai, NickThe Nightfly, Gilles Pet...
Antonella Burberi . 21 Giugno 2018
  Großer Steigender Reiter Grande cavalliere rampante, 1958 bronzo Zweckverband berufliche Schulen, Landshut   DAL 21 GIUGNO AL 7 OTTOBRE 2018, A FIRENZE, AGLI UFFIZI E AL GIARDINO DI BOBOLI, LA PIÙ GRANDE MOSTRA MONOGRAF...
Antonella Burberi . 21 Giugno 2018
Lampada da moschea - Egitto, XIV secolo - vetro soffiato e smaltato in policromia con doratura Torino, MAO - Museo d'Arte Orientale Firenze, Aula Magliabechiana delle Gallerie degli Uffizi, Museo Nazionale del Bargello Apre la mostra "Islam e Fi...
Silvana Grippi . 21 Giugno 2018
  Dal 22 Giugno al 23 Settembre la Galleria degli Uffizi e il Museo del Bargello presentano la Mostra "Islam e Firenze, arte del collezionismo dai Medici al '900",  rassegna di arte islamica organizzata dai due musei cittadini (sedi dell...
DEApress . 21 Giugno 2018
Pronti, via! Neanche il tempo di archiviare la settimana dedicata alla moda maschile, che nella splendida cornice di Fortezza da Basso si riparte con Pitti Bimbo, la tre giornui dedicata ai più piccoli. Da oggi, 21 Giugno, sino al 23, l'87 edizione...
Silvana Grippi . 20 Giugno 2018
Il Centro Di, la storica casa editrice fiorentina fondata nel 1968 da Alessandra e Ferruccio Marchi, inaugura mercoledì 20 giugno 2018 la sua sede rinnovata in via dei Renai 20r e lo fa nel nome della sua altra grande vocazione oltre all’editoria, l’...

Galleria DEA su YouTube

Social Share Buttons