DEApress

Tuesday
Apr 25th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Un giorno prima dell'8 marzo - Ritratti

E-mail Stampa PDF

Risultati immagini per nilde iotti«Il principio di eguaglianza a me sta particolarmente a cuore (...) E' la sanzione solenne, costituzionale dell'ingresso delle donne nella vita politica. Avevano votato per l'Assemblea Costituente. La Costituzione con quell'articolo afferma il loro essere cittadine alla pari con tutti gli altri cittadini. Per me è un punto che fa della Costituzione italiana ancora adesso una Costituzione moderna»
"Se dovessimo considerare la mole di lavoro compiuto dalle casalinghe nel complesso della loro vita, ci troveremmo di fronte a cifre di ore lavorative superiori a quelle delle donne occupate nelle fabbriche e nei campi."
"Non è giusto e mi dà un senso di angoscia per il nostro futuro vedere che chi difende i propri diritti viene pubblicamente sbeffeggiato."
Nilde Iotti nacque a Reggio Emilia il 10/04/1920 da famiglia operaia. Il padre - che era un deviatore delle Ferrovie dello Stato, sindacalista nel movimento operaio socialista e per questo perseguitato dal regime fascista - volle che la figlia studiasse, facendo molti sacrifici perché si iscrivesse all'Università Cattolica di Milano, dicendo: "E' meglio stare con i preti, che con i fascisti."
Quando il padre morì, nel 1934, la madre iniziò a lavorare anche per permetterle di proseguire gli studi, e quando l'Italia entrò in guerra si iscrisse al P.C.I., diventando attivissima partigiana come responsabile dei Gruppi di Difesa della Donna, coordinando attività di informazione, propaganda, staffette e lotta armata con coscienza civile e politica che le donne solo in quel periodo poterono manifestare, per l'assenza degli uomini impegnati al fronte o sulle montagne . Per la prima volta alle donne fu riconosciuto il ruolo politico, ed ebbero diritto al voto in occasione del Referendum del 2 giugno del 1946. Nilde Iotti entrò in Parlamento, e fu membro dell'Assemblea Costituente. Qui conobbe Palmiro Togliatti, sposato con un figlio, ed iniziò tra loro una relazione che fu osteggiata dallo stesso PCI, ma che terminò solo alla morte di Togliatti. Durante la redazione del testo della Costituzione si batté affinché venissero riconosciute alle donne la pari dignità dell'uomo, nel lavoro, nella famiglia, in ogni aspetto della vita civile. Non era facile, ma dimostrò di essere determinata e con grandi capacità mediatrici, ascoltava e ribatteva con semplicità e fermezza, un atteggiamento che fece dire a Togliatti "Imparate da Lei!"
Il 22 dicembre 1947 venne approvato il testo definitivo della Costituzione che, una volta promulgato dal Capo Provvisorio dello Stato Enrico De Nicola, entrò in vigore il 1° gennaio 1948.
Proseguì, nel corso dei 53 anni da parlamentare e come prima donna Presidente della Camera – lo fu ininterrottamente dal 1979 al 1992 - nell'impegno dei diritti civili per le donne promuovendo leggi sul diritto di famiglia, sul divorzio, sull'aborto. Fu poi Presidente della Commissione Parlamentare per le riforme istituzionali e Vicepresidente del Consiglio d'Europa.
Nel novembre del 1999 di dimise dal Parlamento per lo stato di salute, morì un mese dopo.
Sul sito della Fondazione Nilde Iotti, la Vice presidente e Presidente del Comitato scientifico della Fondazione Francesca Russo scrive:
"Mi sono chiesta più volte da dove abbia avuto origine questo suo modo di essere. Certamente scaturisce da una personalità profondamente equilibrata e da una grande intelligenza, ma sono convinta che abbiano svolto un ruolo importante anche le circostanze della sua vita, l'aver conosciuto dall'interno mondi culturali diversi ed, a volte, contrapposti. Egidio, il padre ferroviere, socialista convinto e coerente fino a pagare con la perdita del posto di lavoro la sua scelta antifascista, segnò l'infanzia e l'adolescenza di Nilde. Il mondo ricco e stimolante dell'Università Cattolica, che la accompagnò nella sua crescita umana ed intellettuale, provocandone le curiosità culturali e non ponendo limiti alla sua libertà interiore. Il mondo comunista, con l'impegno nella resistenza, in particolare nei gruppi di difesa della donna e poi successivamente nell'Udi. Nilde si è confrontata dall'interno con tre grandi culture del paese; è stata una ricchissima scuola di vita."

Share

Ultimo aggiornamento ( Martedì 07 Marzo 2017 09:51 )  

Concorsi & Festival

Ultime Nove

Silvana Grippi . 25 Aprile 2017
25 Aprile 1945/2017 - Cosa è cambiato e come festeggiamo la memoria della liberazione dal nazifascismo? Voglio iniziare con una frase di Enzo Biagi che mi sembra appropriata: "Ciò che hai fatto non sarà dimenticato. Né i giorni, né gli uomini posson...
Silvana Grippi . 24 Aprile 2017
  REGGIO EMILIADAL 5 MAGGIO AL 9 LUGLIOFOTOGRAFIA EUROPEA 2017XII edizioneMappe del tempo. Memoria, archivi, futuroGiornate inaugurali 5-6-7 maggio 2017 Le principali istituzioni culturali della regione e le sedi espositive della città...
DEApress . 24 Aprile 2017
Riceviamo e pubblichiamo: Sabato 29 aprile 2017, ore 17.30 Ristorante Caffetteria La Loggia Piazzale Michelangelo, Firenze DIALOGO SUL CONTEMPORANEO a partire dalla figura di Lara Vinca Masini con Antonio Natali e Adolfo Natalini introduce Simone Si...
DEApress . 24 Aprile 2017
Riceviamo e pubblichiamo: 25 aprile e Primo maggio, Cgil-Cisl-Uil Toscana di categoria proclamano lo sciopero nel commercio. “Dopo Pasqua e Pasquetta, un altro no al sempre aperto” Firenze, 24-4-2017 - “In occasione di Pasqua e Pasquetta abbiamo as...
L'AltopArlAnte . 24 Aprile 2017
  Il ritratto di uno scorcio di vita trascorsa in Salento incorniciato amabilmente da venature folk cantautorali. Il cantautore campano racconta della vacanza trascorsa in Salento, descrive in modo semplice le scene che egli stesso vive, raccontan...
massimo.pieraccini . 24 Aprile 2017
  Luca Lastilla cantautore solidale presenta il suo nuovo album "l'altro da me" in uno speciale spettacolo di solidarietà a favore di Amatrice 2.0 un'associazione che sarà presente allo spettacolo.Non si ferma la solidarietà per le popolazioni co...
DEApress . 24 Aprile 2017
  Certo che anche in Francia, come in quasi tutto l'occidente, vige una strana democrazia per la quale, in ragione di sistemi elettorali maggioritari, può andare al potere qualcuno che rappresenta una infima minoranza. Secondo i primi sondaggi ...
Silvana Grippi . 24 Aprile 2017
    5x1000 al Centro D.E.A. è un benefit per la società L'Associazione D.E.A. onlus (Didattica-Espressione-Ambiente) lavora con volontari/e - fin dal 1987 - per una società migliore, libera e informata Destinarci il tuo 5X1000 per l...
Marco Ranaldi . 22 Aprile 2017
E' triste che in questa nostra Italia decadente sia necessario creare macerie per potersi fare la propria isola di pubblicità. E' triste come le macerie siano quelle della persona e dell'opera di Don Lorenzo Milani che, dopo 50 anni dalla morte è anc...

Galleria DEA su YouTube

Social Share Buttons