Piante medicinali mediterranee: le proprietà del Cisto e del Lentisco

Lunedì 21 Novembre 2016 11:00 Fabio Nocentini
Stampa

cisto-lentisco-foto-di-diego-luci.jpg

 

Da sinistra a destra: Cisto e Lentisco. Foto di Diego Luci.

 

Numerose piante medicinali crescono spontaneamente nella zona del Promontorio di Piombino: tra queste il Cisto marino (Cistus monspeliensis) e il Lentisco (Pistacia lentiscus).

Il Cisto marino, o di Montpellier, è un arbusto tipico della macchia mediterranea, da cui si ricava un pregiato olio essenziale (spesso dalla varietà ladanifer), ottimo nel linfodrenaggio e nei massaggi disintossicanti; nutriente dei tessuti e antirughe, viene utilizzato in vari prodotti cosmetici ed è indicato nelle malattie della pelle (psoriasi, eruzioni, micosi, eczemi, dermatiti). L'aroma del Cisto si rivolge alle persone chiuse, rigide, troppo fredde nelle emozioni: rimuove vecchi traumi affettivi, attenua i timori, dona maggiore disponibilità nel campo sentimentale.

Dalle gemme del Lentisco si ottiene un Macerato Glicerico (o gemmoderivato) che agisce favorevolmente sulle funzioni fisiologiche dell'apparato riproduttore; tale rimedio possiede proprietà decongestionanti e antinfiammatorie, soprattutto nel caso di alterazioni della funzionalità endocrina. Il gemmoderivato di Lentisco può essere utile nei problemi prostatici, nelle cisti ovariche e nei fibromi uterini.

 

Fabio Nocentini, naturopata e scrittore.

 

 

Share

Ultimo aggiornamento ( Lunedì 21 Novembre 2016 11:09 )