VASIMANIA dalle Explicationes di Filippo Buonarroti al Vaso Medici

Venerdì 14 Dicembre 2018 17:27 Antonella Burberi
Stampa

Firenze, Casa Buonarroti - dal 12 dicembre 2018 al 28 febbraio 2019 sarà visitabile la mostra " VASIMANIA dalle Explicationes di Filippo Buonarroti al Vaso Medici" che prende spunto da un'importante pubblicazione di Filippo Buonarroti. Usciva infatti a Firenze nel 1726 il De Etruria Regali di Thomas Dempster con l'aggiunta delle Explicationes et conjecturae di Filippo Buonarroti, il quale aveva corredato l'intera opera di un ricco apparato grafico di reperti archeologici. Quindi la mostra intende analizzare l'interesse per una classe di materiali che da questo momento entra sempre di più nell'interesse collezionistico e nel panorama antiquario: la ceramica.

 

alt

 

Euphronios

Cratere a volute attico

altezza cm 59,5, diametro cm 43,6

Arezzo, Museo Archeologico Nazionale G.C. Mecenate, inv. 1465 (Collezione Bacci)

Il contributo dato da Filippo Buonarroti, attravero le immagini allo studio dei vasi, darà origine all'importante dibattito sui luoghi di produzione di tali manufatti, risolto grazie all'intuizione di Luigi Lanzi allìinizio dell'Ottocento, e alla formazione di grandi collezioni di ceramiche.

La mostra è divisa in tre sezioni: "La forza dell'immagine", dedicata alle pubblicazioni settecentesche: documenti d'archivio e disegni affiancano l'esposizione di volumi, testimoniando la genesi di tali opere e la nascita di questo nuovo interesse che influenza il gusto collezionistico, che si sviluppa nella seconda sezione "Un nuovo collezionismo".

La terza sezione, intitolata "Il vaso Medici" è dedicata al vaso marmoreo che Filippo Buonarroti ebbe modo di ammirare a Roma a Villa Medici prima che venisse portato a Firenze, nel 1770.

Restaurato nel 1779 da Francesco Carradori, il vaso fu esposto nella Galleria degli Uffizi nella sala dei Niobidi, dove costituì una delle attrazioni maggiori per visitatori e artisti.

alt

 

6

Cratere etrusco di Fabbrica Malacena

Firenze, Museo Archeologico Nazionale, inv. 4556

 

Share