Gianfranco Manfredi, un mito per una generazione

Martedì 17 Aprile 2018 12:43 Piero Fantechi
Stampa

Manfredi_canta_al_CPA.jpg

Gianfranco Manfredi 
Il cantore del movimento.

Non sono gli anni che offuscano il mito. Anzi! Gianfranco, come un buon vino, col passare delle decadi risulta essere un ottimo cantautore, scrittore, attore, sceneggiatore,  nonché fumettista sempre più gustoso e gradevole. 
Io, classe 1964, sono cresciuto e mi sono formato sulle note delle sue canzoni, sulla poesia dei suoi versi e la lotta di quelle parole.
Ho sempre ritenuto il suo modo di fare musica e di scrivere testi uno specchio della realtà, nudo e asettico nell'analisi, ma permeato di una profonda dolcezza e di una capacità interpretativa non comune dei malesseri, i dubbi, le tematiche e le contraddizioni di una intera generazione.

Ho avuto modo di fare la sua gradita conoscenza, in occasione della presentazione del suo ultimo libro "Ma chi ha detto che non c'è", qualche giorno fa presso i locali del CPA Firenze Sud ed è stata una esperienza che mi ha reso ancora più chiara e lampante la qualità della persona, la sua empatia, la sua profonda cultura contornata, diciamocelo, da un certo "charme" moderatamente elegante e piacevole.

L'occasione è stata, come dicevo prima, la presentazione del suo nuovo libro. La sala era affollatissima e la partecipazione del pubblico è stata attenta. Gianfranco, è indubbio, è riuscito a catalizzare l'attenzione, a coinvolgere giovani e meno giovani con la narrazione delle vicende relative alla stesura del libro, abbandonandosi ogni tanto anche a piacevoli intermezzi di ilarità generale scaturiti dalla sua evidentemente innata vena critica e comica.   

Tutto è stato centrato ed interessante. Gli accenni alla sua esperienza di militanza politica, le vicissitudini dell' "ala creativa" di Autonomia Operaia di cui ha fatto parte, i racconti e gli aneddoti sul modo in cui sono nate alcune sue canzoni (fra cui la più famosa di tutte "Ma chi ha detto che non c'è").

A conclusione della presentazione del libro ha partecipato alla cena popolare del CPA e alla fine, in conseguenza delle pressanti richieste dei commensali, ha generosamente regalato agli astanti alcuni splendidi momenti di musica condivisa fuori programma.

Ecco qui di seguito una recensione del suo ultimo libro pubblicata su "Le Monde Diplomatique" di Silvana Grippi - Aprile 2018.

 

Le_Monde_Silvana_Aprile.jpg

 

Share

Ultimo aggiornamento ( Martedì 17 Aprile 2018 15:31 )