Iranian Women's Studies Foundation

Venerdì 28 Giugno 2019 07:38 Silvana Grippi
Stampa

30esima conferenza della fondazione degli Studi IWSF che si terrà dal 28 al 30 giugno 2019 presso l'auditorium di Sant'Apollonia in Via S. Gallo 25 a Firenze.
Oggi a Firenze si svolge un'importante incontro di donne iraniane che si confrontano dopo tre decenni di esperienze e sfide.-

29 giugno Venerdì - Benvenuto di Sabri Najafi del comitato organizzativo della Conferenza IWSF e del Presidente del consiglio regionale Eugenio Giani. Intervento del Presidente delle Pari opportunità Sara Funaro (in rappresntanza del sindaco). Messaggio della fondazione e intervento della presidente Gelnaz Amin. Responsabile artistico presenta la mostra della Artiste e intervento del Premio Nobel della Pace 2003  Shirin Ebadi.
Nel pomeriggio "La politica delle donne: come mettere al mondo un altro mondo?" 
intervengono  Daniela Pellegrini femminista radicale e separatista delle donne in movimento. Luisa Betti Dakli giornalista e attivista per i diritti delle donne.
Presentazione del progetto "Eventi e storie degli anni ottanta in Iran" Chowa Makeremi (Francia) a finire un concerto di Hami Moktahedi (Germania).

29 giugno Sabato  - Intervento della scrittrice iraniana Moniro Ravanipour (Usa). Intervento dell'attivista e ricercatrice del movimento delle donne iraniane Delaram Ali (Iran), Intervento della prof.ssa Università di California Nayereh Tohidi (Usa), Intervento dell'attivista dei diritti delle donne e scrittrice Mahnaz Matin (Francia). Per finire Concerto di Daya Dadvar (Francia).

30 giugno Domenica - Intervento dell'artista, scrittrice e attivista dei diritti umani Parastou Forouhar (Germania). Intervento dell' attivista del movimento delle donne iraniane Kaveh Kermanshahi (Germania). Tavola rotonda "Una riflessione su 30 anni del lavoro collettivo".
Moderatrice  Chahla Sociologa (Francia) con Jamile Davoudi giornalista (Usa). Hamid Nowazaqri (Germania). Miham Rusta (Germania) Sadigheh Fakhrabadi (Usa) e Nahid Nosrat (Germania). Per finire concenrto di Shirin Mehrbod (Canada).

 

 

 

Share