Sit in sulla sanità a Firenze

Lunedì 24 Agosto 2020 18:17 Ni Weijun
Stampa

Firenze sit in - Addetti case cura per il  rinnovo contratto - Foto DEApress/Archivio


In tutta Italia continua la protesta, dei lavoratori della sanità privata, promossa da Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl per il rinnovo del contratto. Cgil Cisl Uil Funzione pubblica, oggi lunedì 24 agosto sit-in davanti alla prefetture per rinnovo Sanità Privata (in Toscana appuntamento regionale a Firenze in via Cavour ore 10-12)Continua mobilitazione contro Aris e Aiop, avanti fino a sciopero nazionale

Davanti alla sede della prefettura,di Firenze un centinaio di lavoratori si sono ritrovati per manifestare contro la mancata ratifica da parte delle associazioni delle Case di cura private (Associazione italiana ospedalità privata e Associazione religiosa istituti socio-sanitari), per il rinnovo del contratto, atteso da 14 anni,

"IL contratto riguarda oltre 100mila lavoratori in Italia, circa 3mila in Toscana. I sindacati, sono scesi in piazza a Roma lo scorso 5 agosto, minacciano lo sciopero, considerando “vergognosa” la scelta di Aiop e Aris: “Andiamo avanti con la mobilitazione – ha spiegato Riccardo Bartolini della Cgil – e siamo pronti allo sciopero nazionale, a meno che non arrivi la firma del contratto”. Nei mesi scorsi, ha ribadito Fabrizio Grassi (Uil), “c’è stata una preintesa a livello nazionale, firmata da entrambe le parti. Poi però non è arrivata la firma definitiva. Sono scelte incomprensibili, che non danno merito agli operatori sanitari. Da oggi faremo un presidio che durerà fino al 31 agosto, giorno in cui ci sarà una nuova protesta. Poi andremo avanti fino allo sciopero”. Per Marco Bucci (Cisl) si tratta di una “situazione vergognosa anche perché l’accordo permette di adeguare i valori economici” degli operatori privati “a quelli della sanità pubblica. Entro il 31 luglio si doveva ratificare l’intesa ma, con un atteggiamento gravissimo, le associazioni Aris e Aiop non hanno comunicato la loro disponibilità". ANSA

In piazza oggi lunedì 24 agosto in tutti i territori sotto alle prefetture (in Toscana appuntamento regionale a Firenze in via Cavour ore 10-12) e a seguire, lunedì 31 agosto, presidi e assemblee in tutte le strutture Aiop e Aris. Continua la mobilitazione delle lavoratrici e dei lavoratori della Sanità Privata, promossa da Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl, per il rinnovo del contratto della Sanità Privata. Una protesta, che punta anche allo sciopero, legata alla mancata ratifica da parte delle associazioni Aiop e Aris della preintesa per il rinnovo del contratto, atteso da 14 anni, raggiunta lo scorso 10 giugno. Una scelta, quella delle due associazioni, contro la quale i sindacati sono scesi in piazza a Roma lo scorso 5 agosto in piazza Montecitorio e che sta registrando momenti di protesta in tutti i territori. La decisione di non ratificare la preintesa da parte di Aris e Aiop, affermano Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl, “è una vera e propria vergogna, inflitta sulla pelle di tutte le professioniste e i professionisti della sanità privata, definiti eroi quando si tratta di fare profitto e poi negati di ogni diritto. Un comportamento inqualificabile e irresponsabile, intensificheremo la lotta: a partire dal 24 agosto, passando per il 31 e fino allo sciopero nazionale”.

1.jpg

“Basta padroni predoni coi soldi pubblici”

queste le parole scelte da Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl per una mobilitazione che chiama in causa anche Governo e Regioni, ai quali i sindacati chiedono “un presa di posizione a sostegno delle lotte e dei diritti dei lavoratori e contro questi soggetti che non meritano di lavorare con soldi pubblici”. Prossimo appuntamento di questa mobilitazione continua, per il 31 agosto il prossimo appuntamento.

 

(Foto N.W)

Share

Ultimo aggiornamento ( Martedì 25 Agosto 2020 18:13 )