Alinari riapre a Firenze

Venerdì 19 Febbraio 2021 17:03 Silvana Grippi
Stampa

152482624_1324018687976006_9141985270785732687_n.jpg

 

E' passato già un anno da quando la Regione ha comprato la Fondazione Alinari che ha preso in gestione il fondo Alinari che è uno dei patrimoni fotografici più grandi con circa 5 milioni di beni e altro mezzo milione di pezzi unici. Il futuro cantiere si presenta: 

Riceviamo e pubblichiamo:
"È ormai trascorso oltre un anno da quando Regione Toscana acquisiva l’archivio fotografico Alinari, una audace mossa di politica culturale che ha permesso all’ente di diventare proprietario di uno dei patrimoni fotografici più ampi e ricchi del mondo. Il fondo, composto a partire dal 1852 dai fratelli Leopoldo, Giuseppe e Romualdo Alinari, titolari fiorentini di una delle più antiche aziende fotografiche della storia, sarà prossimamente disponibile al pubblico, grazie all’attività di promozione e valorizzazione di FAF Toscana – Fondazione Alinari per la Fotografia. A presiedere la fondazione Giorgio van Straten, fiorentino, precedentemente alla guida dell’Istituto Italiano di cultura a New York, consigliere di amministrazione della Biennale di Venezia, presidente dell’Azienda Speciale Palaexpo a Roma e consigliere di amministrazione della RAI; la direttrice è invece Claudia Baroncini, già curatrice delle collezioni civiche di Imola e figura di riferimento per la valorizzazione dei musei e sistemi museali toscani dal 2018. FAF Toscana – Fondazione Alinari per la Fotografia sorgerà a Villa Fabbricotti – via Vittorio Emanuele II, Firenze – dove saranno collocati l’archivio, gli uffici e il centro di ricerca; parallelamente, sarà condotta una programmazione espositiva con mostre e eventi in sedi esterne sparse in luoghi strategici della città di Firenze".

 

 

 

 

 

 

Share

Ultimo aggiornamento ( Martedì 23 Febbraio 2021 11:34 )