Poesia di ARGIMIRO GABALDON

Sabato 18 Luglio 2020 11:05 Adelaida Del Carmen Serpa Gil
Stampa

Adelaida Del Carmen Zerpa Gil

 

comunica una POESIA DI ARGIMIRO GABALDON


Non permettere che il tuo dolore si nasconda
costringilo ad uscire nuda a combattere
che impugni il fucile e la granata
Che anime la marcia
che esploda in un grido durante l'assalto
Che rida e che canti nell'imboscata

La tua pena e la mia pena e quella di tutti
è una sola pena militante
esercito nel fuoco che brucia nell'alborada
la rivoluzione che avanza straripata
verso il miracolo delle catene rotte

E la grande sofferenza diventerà gioia
emergerà dal fuoco un mondo diverso
sarà il pianto arrestato
e smetterà il sangue di correre assassinato
si diffonderà la risata
e i bambini puri come uccelli
in volo riempiranno i parchi con le loro urla
e noi saremo lì, sicuramente ci saremo!
come una fiamma in fiamme eternamente

Siamo la vita e la gioia, nella tremenda lotta contro la tristezza e la morte.

_ Argimiro Gabaldone _

Share

Ultimo aggiornamento ( Lunedì 20 Luglio 2020 09:31 )