DEApress

Friday
May 29th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Profumi orientali all'SMS di Rifredi

E-mail Stampa PDF
Nella sede dell'SMS di Rifredi, in questo centro di cultura e di aggregazione comunitaria, il Teatro di Rifredi si presenta nelle vesti ammiccanti dei sapori orientali, nei lussuosi e lussuriosi harem peculiari del carattere orientale dell'uomo. 
 
È il nono anno che lo spettacolo "L'ultimo harem" abbellisce il palinsesto del Teatro. Quest'anno, dal 17 gennaio al 3 febbraio, sulla scìa delle cifre record degli scorsi anni: 135 repliche e 17980 spettatori solo a Firenze dal 2005, un appuntamento cult per il pubblico fiorentino.
L'ispirazione della messa in scena risponde all'incontro tra Angelo Savelli, la Turchia e Serra Yilmaz, una Sherazade magnetica dalla bravura ineffabile: “lo spettacolo racconta la fuga impossibile di una donna dalla sua prigione interiore, tra il fastoso passato ottomano e un presente pieno di contraddizioni”.
Mediazione di questo incontro, la variopinta regia di Ferzan Ozpetek, i suoi registri stilistici doppi, che riscpecchiano la sua anima nazionale doppia, scissa senza contraddizioni tra Oriente e Occidente.
Gli spettatori che assistono siedono in pose non frontali rispetto all'esecuzione, non c'è straniamento e alienazione di chi guarda, perchè viene immerso nel contesto orientale interpretato nel copione.Questo contesto viene annusato, viene toccato con mano, viene assaporato attraverso l'atmosfera che cuscini, tappeti, profumi e vapori e musiche emanano. Un contesto da Le mille e una notte, in cui  l'affabulare trama, affascinante e fascinoso, le fila delle vite degli attori.
Paesi lontani e scene di contemporanea quotidianità riscrivono le distanze di un mondo che si costruisce tramite ponti e non muri.
In sintesi, la trama: “una sera del 1909 ad Istanbul, alla vigilia della definitiva chiusura degli harem, nel palazzo di Yildiz una seducente favorita circassa attende, insieme all’anziana guardiana ed al capo degli eunuchi imperiali, l’incerta visita del sultano, ingannando l’attesa con il racconto di storie fantastiche. Quasi cento anni dopo, una casalinga dimessa e la sua spumeggiante amica sognano improbabili fughe dalla prigione del loro indecifrabile malessere quotidiano”.
L’harem come luogo di perdizione ma anche sede del viaggio intenso che lo spirito compie dentro se stesso, “un’attitudine vischiosa e pericolosa in cui cadere prigionieri, sia ieri che oggi, sia in Oriente che in Occidente, sia uomini che donne”. Un ginececo trasposto nel contesto islamico, quel contesto in cui la donna viene più che altrove posta al margine della considerazione.
Luoghi narcisistici in cui i sovrani fanno risplendere il loro prestigio, un quadro di ascendenza bizantina, di sensuale beltà e convivenze opposte ma non contrastanti.

Share

Ultimo aggiornamento ( Mercoledì 30 Settembre 2015 15:49 )  

Concorsi & Festival

Ultime Nove

Alice Bunner . 29 Maggio 2020
In tempi di incerti linguaggi in ogni campo, spicca in senso positivo l'apporto della DIREZIONE GENERALE ARCHIVI. Infatti costituisce un solido riferimento linguistico col Glossario degli Archivi. Consultabile sul sito DGA per definire e spiegare i...
Alice Bunner . 29 Maggio 2020
Le Oasi del WWF sono importanti per il nostro Ecosistema e pe rla divulgazione e la passione per la  difesa ambientale. Ci auguriamo che il nuovo turismo sappia farne buon uso: Dal 1967 in Italia sono state  inserite 94 aree nel Sistema di prote...
Silvana Grippi . 29 Maggio 2020
PEr la nostra redaizone l'idea di ambiente è legata inseparabilmente al desiderio diun mondo diverso, più giusto e con valori di libertà, solidarietà e coesione sociale.  L'obiettivo di riformare i processi di globalizzazione è una necessità per...
Marco Ranaldi . 28 Maggio 2020
La ricerca di un tempo e di un senso, il canto come sospensione interiore e di forza esteriore. Giulia Daici non sfugge a questi importanti legami del suo vivere. Il suo cantare viene da lontano, la sua voce trasmette qualche cosa che  ha a che fare ...
DEApress . 28 Maggio 2020
Sono trascorsi 40 anni dalla morte del giornalista Walter Tobagi. Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha voluto ricordarlo così:  “ Era un giornalista libero che indagava la realtà oltre gli stereotipi e pr...
Silvana Grippi . 28 Maggio 2020
Circa una settantina di visitatori, oggi, per la prima mattinata di riapertura di Palazzo Pitti, a Firenze. L'ex reggia medicea, che accoglie, tra i vari musei, la galleria Palatina con i dipinti rinascimentali e barocchi, e la Galleria d'arte modern...
DEApress . 28 Maggio 2020
È possibile raccontare la bellezza senza tempo di un territorio in appena un minuto e mezzo? Arezzo ci riesce affidandosi a Robert Whitworth, filmaker britannico tra i più apprezzati al mondo. Si chiama “An ode to Arezzo” il video che la Fondazione ...
DEApress . 28 Maggio 2020
Tutti mi chiamano principessa. Sono venuta in Italia per studiare nel 1993 e sono andata per otto mesi a Milano - Ho frequentato l'Università per stranieri a Perugia e conseguito il Certificato di Conoscenza dlela lingua italiana livello B2 Celi 3. P...
Alice Bunner . 28 Maggio 2020
Il giardino di Villa Bardini riapre ai visitatori a partire da martedì 2 giugno   Il giardino di Villa Bardini riapre ai visitatori a partire da martedì 2 giugno Orario prolungato fino alle 21, fino alla fine di agosto. Grazie anch...

Galleria DEA su YouTube