DEApress

Wednesday
Jul 24th
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Castello Manservisi - Programma

E-mail Stampa PDF

CASTELLO MANSERVISI

Mercoledi 10 luglio ore 21,00

Viaggi e fotografia:

ALASKA ULTIMA FRONTIERA, a cura di Sandra Mondini.

Sabato 13 luglio ore 17,30. Inaugurazione

     IL MERCANTE IN FIERA. 

Carte illustrate a cura della associazione CrunchEd,

Sabato 13 luglio ore 21,00

TRIO EUROPEA-BRAZILERA IN CONCERTO

 musiche classiche e bossa brasiliana).

Matteo Penazzi: Violino; Greta Insardi: pianoforte;

Gianni Weber Penazzi:  chitarre/voce.

Ingresso gratuito.

 

 

Breve storia del Castello

 

L’attuale assetto del Castello è frutto di una consistente ristrutturazione realizzata a fine ottocento da Alessandro Manservisi, allora proprietario di una delle più importanti sartorie di Bologna che lo acquistò il 20 febbraio 1886 per 50.000 lire. “Alessandro Manservisi ampliò e abbellì questa antica casa già dei conti Nanni Levera e la destinò a sede della colonia scolastica che da lui ebbe vita e nome” . Questa è la scritta che Alessandro Manservisi fece scolpire su pietra e inserire sulla facciata del castello (la scritta è oggi visibile nel sottoportico). Il complesso apparteneva alla nobile famiglia dei Nanni-Levera che era tra i maggiori possidenti della montagna in quanto arricchiti al servizio e per la protezione del card. Lambertini, poi Benedetto XIV. Nel 1886 Alessandro Manservisi, assieme ad altri tre soci (che poi liquiderà) acquista il complesso e inizia la ristrutturazione secondo la moda del tempo: ne uscì un castello neogotico con torri, portici e archi a sesto acuto. Per i lavori furono chiamati abili scalpellini e maestri del ferro battuto a mano che hanno confezionato grate, lampioni, mensole, anelli per legare cavalcature, ferramenta per infissi di legno. Il rispetto delle proporzioni, l’armoniosità delle linee rende questo edificio un tipico esempio di quell’architettura romantica che fu di moda nell’ultimo trentennio del XIX secolo e agli albori del 900. Peraltro come risulta dalle fotografie e cartoline del primo 900 il complesso subì anche negli anni successivi modifiche (terrazze e coperture) e ampliamenti (l’acquisto di quella che oggi è la sede del museo Laborantes). Alessandro Manservisi muore il 27 aprile del 1912 lasciando erede testamentario il fratello Gino e disponendo che:  “tutta quanta la mia proprietà sia devoluta ad istituto di beneficenza come stazione climatica per dei poveri bambini figlio di gente oneste e che frequentino le scuole comunali con buona condotta… che siano alimentati e svagati con le rendite tutte del mio patrimonio dal maggio all’ottobre che si riapriranno le scuole. Scelti, tanti maschi che femmine in numero uguali, per essere ammessi dovranno essere tutti imbussolati per poi estratti a sorte, a mezzo di una bambina scelta per l’estrazione dei concorrenti.” L’esistenza della colonia caratterizza la vita del Castello e di Castelluccio per tutto il secolo scorso, anche dopo la morte di Gino e continua fino a tutti gli anni Settanta in quanto il complesso rimane di proprietà e gestito dalla fondazione Dall’Olio – Manservisi. Oggi il complesso del Castello e numerosi terreni di Castelluccio rimangono di proprietà della Asp Citta’ Di Bologna, detenuta dal Comune di Bologna e che incorpora quella che una volta era la  Fondazione Dall’Olio Manservisi.

 

Share

Ultimo aggiornamento ( Lunedì 08 Luglio 2019 08:51 )  

Concorsi & Festival

Ultime Nove

DEApress . 23 Luglio 2019
Nel nord-est della Siria, dove incombono le propaggini sud-occidentali delle catene montuose anatoliche, c'è la parte di territorio definito "Kurdistan siriano" o "Rojava". Tribù kurde sono presenti anche nella regione semimontuosa dell'est del Paes...
DEApress . 23 Luglio 2019
Con la caduta dell'impero ottomano e la nascita della Repubblica turca guidata da Mustafa Kemal Atatürk, si impone un modello di stato a forte impronta nazionalista che esalta la cultura, la lingua e le abitudini turche. I kurdi costituiscono il gru...
Silvana Grippi . 22 Luglio 2019
Lo scopo del laboratorio DEApress è imparare il lavoro di Redattore sociale: 1. La comunicazione indispensabile per inquadrare le problematiche sociali; 2. L'informazione da divulgare 3. La formazione per poi poter insengnare. Laboratorio a...
Marco Ranaldi . 22 Luglio 2019
Che Tex Willer fosse un mito questo lo si sapeva da lungo tempo. Oggi che ha compiuto 70 anni di permanenza nelle edicole italiane lo è di più poichè è dura essere vegliardi nel fumetto di casa nostra. Solo la tenacia dei Bonelli poteva presagire tan...
DEApress . 22 Luglio 2019
Paolo Sorrentino riceve il Premio Fiesole ai Maestri del Cinema 2019 “I film sono belli quando si occupano del falso” Fiesole (Firenze), 18 giugno – “I film sono belli quando si occupano del falso. La verità, secondo me, dentro un film si ra...
DEApress . 22 Luglio 2019
www.middleastnow.it   Middle East Now   /// Global Connections:   ...
DEApress . 20 Luglio 2019
I Kurdi nel corso dei secoli Le origini del popolo kurdo risalgono a tempi remotissimi: quando dall'Asia centrale si mosse la grande massa di indoiraniani, dividendosi verso l'India da una parte e l'Europa dall'altra; vari gruppi, col passare del te...
DEApress . 19 Luglio 2019
Volete collaborare con DEApress per diventare giornalista, fotografo/reporter o videomaker? Ci occupiamo di cultura e sociale fin dalla fine del novecento. Se avete idee e progetti scrivete a redazione@deapress.com  oppure...
Cosimo Biliotti . 19 Luglio 2019
Sono passati quasi 11 anni dal fatidico settembre del 2008 quando la famiglia Della Valle lanciò in grande stile l'idea del nuovo stadio per Firenze. Da allora una successione di piccoli passi pareva stesse avvicinando la città all'obbiettivo, lent...

Galleria DEA su YouTube